Meeting Art
Pubblicato il: ven 21 apr 2017
Stampa/PDF/Email

Lucenti ghiacci e aria cristallina. Giovanni Segantini e i pittori di montagna ad Aosta

carlo cressini veduta alpestre giovanni segantini pittori della montagna

Carlo Cressini: Veduta alpestre, Olio su tavola. Collezione privata

Atmosfera rarefatta e luce cristallina, ghiacciai lucenti e filamenti di colore che si propagano nell’aria. La grande pittura di montagna protagonista all’Archeologico di Aosta. Il museo spalanca le sue porte alla mostra Giovanni Segantini e i pittori della montagna. Un percorso (fino al 24 settembre 2017) che fa luce sull’esperienza pittorica di Giovanni Segantini (Trento, 1858 – Pontresina, Svizzera, 1899). Il pittore, tra i massimi esponenti del divisionismo italiano, ha eletto la montagna a proprio soggetto principe, interpretandola in modo personale e innovativo sia in termini di stile sia di poetica.

Vittorio Sella: Gruppo Monte Rosa dal Pic Tyndall, Olio su tela. Biella, Fondazione Sella onlus

Vittorio Sella: Gruppo Monte Rosa dal Pic Tyndall, Olio su tela. Biella, Fondazione Sella onlus

La selezione di opere proposte in mostra riguarda la pittura di montagna a cavallo tra il XIX e il XX secolo. L’attenzione è rivolta ai soli artisti italiani e si concentra geograficamente sui lavori dell’arco alpino. Accanto alle opere di Giovanni Segantini -realizzate nel periodo giovanile trascorso in Brianza- compaiono più di cinquanta artisti. Tra questi: Vittore Grubicy, Emilio Longoni, Baldassarre Longoni, Carlo Fornara, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Lorenzo Delleani, Cesare Maggi, Leonardo Roda, Italo Mus, sino a Fortunato Depero. Da questi maestri a dipinti di almeno tre generazioni di altri artisti che, seppur meno noti, sono divenuti anch’essi partecipi di una pagina importante della storia dell’arte italiana.

Giovanni Segantini: Il pastore addormentato, 1882, Olio su tela. Collezione privata

Giovanni Segantini: Il pastore addormentato, 1882, Olio su tela. Collezione privata

Il Museo Archeologico Regionale di Aosta tratta il grande orizzonte tematico della pittura di montagna con un’organizzazione in sette sezioni oltre a quella dedicata a Segantini. Quest’ultima vede esposto il noto olio su tela La raccolta dei bozzoli (1882-1883). Le sette sezioni spaziano invece dalle vedute estive alle scene di vita campestre e contadina, dai paesaggi antropizzati ai ricordi alpini, dai laghi, i tramonti e i notturni alle vedute dei grandi paesaggi innevati. Si aggiunge, infine, una sezione dedicata a Italo Mus (Châtillon,1892 – Saint-Vincent, 1967), pittore valdostano molto noto nel XX secolo.

Leonardo Roda: Il Cervino, parete Nord, Olio su tavola. Torino, courtesy Galleria Aversa

Leonardo Roda: Il Cervino, parete Nord, Olio su tavola. Torino, courtesy Galleria Aversa

Giovanni Segantini: Il ritorno dal pascolo, Olio su tela. Collezione privata

Giovanni Segantini: Il ritorno dal pascolo, Olio su tela. Collezione privata

Carlo Cressini: Veduta alpestre, Olio su tavola. Collezione privata

Carlo Cressini: Veduta alpestre, Olio su tavola. Collezione privata

Informazioni utili

Giovanni Segantini e i pittori della montagna

Museo Archeologico Regionale, Piazza Roncas, 12, Aosta
Dall’8 Aprile al 24 Settembre 2017
Inaugurazione venerdì 7 aprile 2017 alle ore 18
A cura di Filippo Timo e Daniela Magnetti
Catalogo edito da Skira
Orario
Dalle 9 alle 19 tutti i giorni
Prezzi
Euro 6 intero, euro 4 ridotto. Euro 4 soci Touring Club Italiano, 3 euro Alpitour
Gratuito per minori di 18 anni e scuole

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

Cambi Casa d'Aste
Il Ponte
Pandolfini
Artcurial
Bertolami Fine Arts
Babuino
TAJAN October 2017 Orient
Aste Boetto
Wannenes
IL PONTE Ottobre 2017 Moderni
Eberhard