meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 09 Ott 2019
Print Friendly and PDF

Vulcanica sorte: Pompei e Santorini dialogano alle Scuderie del Quirinale, Roma

Le gigantesche e suggestive sculture dell’ artista polacco Igor Mitoraj nella cornice degli scavi di Pompei. Napoli 20 Dicembre 2016. ANSA/CESARE ABBATE

La mostra L’eternità in un giorno, dall’11 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020 alle Scuderie del Quirinale, Roma, racconta l’attimo di due città, Pompei e Santorini, colpite da un comparabile disastro vulcanico.

“Di tutte le catastrofi che si sono abbattute sul mondo, nessuna ha procurato tanta gioia alle generazioni successive”

Ciò è quanto afferma Goethe nel momento in cui visitò la città di Pompei negli anni in cui si promossero i primi scavi: una frase che stona, se si considera la sofferenza vissuta dagli abitanti e testimoniata, per esempio, dalle lettere di Plinio il Giovane a Tacito ma che, in realtà, anticipa la curiosità che suscitò nei posteri quella tragica, ma affascinante, catastrofe.

Pompei, simbolo di una città colta dall’eruzione del Vesuvio, con i suoi affreschi, dipinti, ceramiche, oggetti quotidiani, reperti organici e calchi dei corpi, si accomuna ad Akotiri, insediamento minoico sull’antica Isola di Thera (oggi Santorini) nonché Pompei dell’Egeo che, 1700 anni prima, come la città alle pendici del Vesuvio, crollò sotto la violenza dell’eruzione dell’omonimo vulcano ridisegnando per sempre la geografia del Mediterraneo.

Le loro storie dialogano, a partire dall’11ottobre, nelle sale delle Scuderie del Quirinale, raccontando un mondo lontano con riferimenti alla vita degli antichi, rapportata agli spazi urbani, al rito, alla vita domestica, ma anche all’arte e alle suggestioni di artisti moderni e contemporanei da Turner a Damien Hirst, passando per Valenciennes, Warhol, Burri e Giuseppe Penone, e realizzando un percorso immaginario in grado di far rivivere un passato, ancora presente.

I calchi di alcune vittime dell'eruzione del 79 d.C. a Pompei. (Fotografia di Jonathan Blair/Corbis)

I calchi di alcune vittime dell’eruzione del 79 d.C. a Pompei. (Fotografia di Jonathan Blair/Corbis)

3.4 (67.5%) 8 votes

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Il Ponte
Cambi Casa d'Aste
Wannenes
Aste Boetto
PANDOLFINI
COLASANTI | 23 OTT
Bertolami | 19 nov