meeting art istituzionale
Pubblicato il: sab 24 Ago 2019
Print Friendly and PDF

Il putsch di Ferragosto. Infiamma la polemica sulla (contro)riforma dei musei targata 5 stelle

Il Cenacolo Vinciano, a Milano

Il Cenacolo Vinciano, a Milano, coinvolto nella riforma dei musei statali

Il provvedimento sui musei firmato in sordina il 14 agosto guadagna le prime pagine di giornali e siti di informazione, come paradigma di malagestione del governo gialloverde uscente

Tutto è accaduto di nascosto, a Ferragosto“. L’ormai ex direttrice della Galleria dell’Accademia di Firenze Cecilia Holbergh sembra citare Artslife, nel commentare con l’agenzia Ansa il “colpo di mano” del ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, che sceglie proprio la vigilia di Ferragosto per firmare in sordina il decreto Mibac che stravolge i musei italiani, depotenziando – se non proprio annullando, come linea di indirizzo – la già controversa riforma Franceschini. E curiosamente, il provvedimento – accade raramente alle questioni culturali – guadagna le prime pagine di giornali e siti di informazione, come paradigma di malagestione del governo gialloverde uscente (paradosso nel paradosso, molti rumors vorrebbero Bonisoli confermato in un possibile nuovo governo “giallorosso”). Sorpreso da tanta rilevanza, il ministro si affretta a rilasciare una precisazione che non smentisce nulla nella sostanza, lasciando intonsa la virata centralizzatrice, formalizzata con l’abolizione dei CDA: che Tomaso Montanari legge – positivamente, lui – come un “voler fermare la trasformazione dei musei autonomi in fondazioni private sul modello del museo egizio di Torino”. O con la apparentemente secondaria riforma dei comitati scientifici, che rispetto ai tre membri – è ancora Montanari a parlare – prevede che “due vengono nominati dal ministro e uno dal Dg musei, in pratica un accentramento politico ancora più forte“.

Il ministro Alberto Bonisoli a Pompei

Il ministro Alberto Bonisoli

Restano invariate le novità più “vistose”, come il passaggio della citata Galleria dell’Accademia di Firenze e del Museo San Marco di Firenze agli Uffizi, e del Cenacolo Vinciano, a Milano, alla Pinacoteca di Brera. “Resta l’autonomia speciale dei più importanti istituti statali”, prova a sostenere il documento del Mibac, “il vertice della struttura rimane il Direttore del Museo, di norma scelto tramite procedura internazionale. Con la nuova disciplina, il museo mantiene inalterata la capacità gestionale e finanziaria”. Ma poi svela l’arcano: “I direttori dei più grandi musei saranno affiancati da un dirigente amministrativo, individuato tramite interpello interno”: tradotto, il ministero tornerà a controllare tutta la gestione, annullando la responsabilizzazione dei direttori introdotta dalla riforma Franceschini. Che sicuramente abbisognava di correttivi, ma non certo nella direzione centralizzatrice.

http://www.beniculturali.it/

3.3 (66.67%) 3 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Artcurial
Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami | 19 ott
BIAF | 29 sett