meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 19 Giu 2019
Print Friendly and PDF

Splendori del 700 sul Lago di Como. La potente famiglia dei Clerici a Villa Carlotta

Bartolomeo Giuliano, L'arrivo degli invitati, ricevimento a Villa Carlotta, Lago di Como , 187 6 olio su tela, 61 x 88,5 cm Collezione privata

Bartolomeo Giuliano, L’arrivo degli invitati, ricevimento a Villa Carlotta, Lago di Como, 1876
olio su tela, 61 x 88,5 cm. Collezione privata

Villa Carlotta (Tremezzo, Como) prosegue il percorso di valorizzazione del patrimonio storico-artistico e botanico del museo e giardino, rivolgendo questa volta lo sguardo al Settecento epoca d’oro in cui la potente famiglia Clerici portò a compimento l’abbellimento della sua villa di delizia sul Lago di Como.

I Clerici iniziarono la loro fortuna come mercanti di lana e seta proprio sulle sponde del Lario, ma a già a partire dal primo Seicento si trasferirono nel capoluogo lombardo, dopo una breve permanenza a Como, iniziando una vera e propria ascesa sociale. Grazie alle fortune accumulate e al prestigio ottenuto i marchesi Clerici con le loro vicende storiche, in particolare con la vita fastosa condotta da Antonio Giorgio,sono un esempio emblematico di famiglia aristocratica del Settecento. Per dare maggiore evidenza a questa scalata sociale costruirono una straordinaria serie di ville di delizia nello Stato di Milano, decorando il palazzo di città con gli affreschi di Giovan Battista Tiepolo, il pittore più richiesto del secolo e affidando ad una serie di artisti la decorazione delle altre residenze suburbane.

Stefano Maria Legnani detto Legnanino, Morte di San Francesco Saverio, fine del XVII secolo olio su tela, 267 x 162 cm Tremezzina (Como), Villa Carlotta Museo e Giardino botanico (proprietà Diocesi di Como)

Stefano Maria Legnani detto Legnanino,
Morte di San Francesco Saverio,
fine
del
XVII secolo
olio su tela, 267 x 162 cm
Tremezzina (Como),
Villa Carlotta Museo e Giardino botanico
(proprietà Diocesi di Como)

Il percorso espositivo prevede un allestimento appositamente studiato che si articola in diverse sale del museo e nel giardino, invitando il pubblico a seguire la storia della famiglia e della villa di Tremezzo attraverso una serie di preziose testimonianze dai ritratti ai dipinti di soggetto sacro che sono una preziosa testimonianza della loro committenza artistica, ai gioielli dell’epoca, ricreando l’atmosfera di un secolo di fasti e di splendori.

3.7 (73.33%) 3 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

BIAF | 29 sett
Bertolami | 19 ott
Cambi |istituzionale
Wopart | Catalogo online
Il Ponte
Wannenes
WopArt 2019
Artcurial