meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 04 Giu 2019
Print Friendly and PDF

Arte Contemporanea sotto la Tour Eiffel. Trittico d’aste nel giugno parigino

Hans Hartung, T1949-6

Hans Hartung, T1949-6

Per tre giorni, dal 4 al 6 giugno, Parigi ospita quattro grandi aste – con altre a fare da contorno – di Sotheby’s, Christie’s e ArtcurialPost-War & Contemporary Art grande protagonista, ma trova spazio anche l’Impressionist Art. 

Tripartita serie di aste in salsa parigina anticipano l’arrivo dell’estate scaldando la temperatura all’ombra della Tour Eiffel. In una manciata di giorni l’arte contemporanea di diffonde come un solletico febbricitante e smuove l’aria dai pollini primaverili, riempiendo le strade di un eccitamento che trova i suoi punti nevralgici nelle sedi di tre grandi case d’asta: Sotheby’s, Christie’s e Artcurial. Una partenza simultanea che sconvolge le sicurezze dei compratori che si ritrovano nella complicata situazione di scegliere a quali asta affidare le proprie speranze d’acquisto. Mano ai cataloghi allora e occhio attento lungo le fitte trame di lotti che il 4 giugno apriranno la melodia di martelletti battuti, sospiri ansiosi e trattenute esclamazioni soddisfatte che risuoneranno fino al 6 giugno.

Zao Wou-Ki, 24.1.61/62

Zao Wou-Ki, 24.1.61/62

La tre giorni terribile – si fa solo per dire, ovviamente – inizia nel pomeriggio del 4 giugno, ore 18, Francis Briest, battitore di Artcurial, darà il via all’asta di Post-War & Contemporary Art I. Se anche il cielo a Parigi sarà terso e luminoso siamo certi che una nebulosa nota astratta si farà avanti insieme ai due paesaggi tenebrosi di due artisti cinese naturalizzati francesi. Nuvole orientali si schiantano su una bruma grigia disperdersi in un vapore astratto che accomuna Synthese Hivernale C di Chu Teh-Chun e 24.1.61/62 di Zao Wou-Ki. I due top lot della sessione pomeridiana (rispettivamente 1,000,000 € – 1,500,000 € e 1,500,000 € – 2,500,000 €) condividono un’atmosfera cinerea e sospesa, ma divergono nell’impasto pittorico con il quale il colore va a comporre e disperdere le forme: il primo richiamando Turner, il secondo Ennio Morlotti. Un trasporto segnico e graffiante come le profonde linee nere di Hans Hartung (T1974-H2 – 1974. 70,000 € – 90,000 e P1974-G20 – 1974. 60,000 € – 80,000 €) traghetta i bidder fino alla seconda parte dell’asta parigina (Post-War & Contemporary Art II, 5 giugno). Se il tratto si distende poi in soggetti più nitidi, non si concede però ad una figurazione chiara e indugia sulle colorazioni piatte di Valerio Adami (Les joies de l’adultere – 1970. 50,000 € – 70,000 € e Caso della cameriera di buon cuore 3 – 1967. 50,000 € – 70,000 €) e sulle composizioni “raffazzonate” di Olivier Debré (1920 – 1999) La Sapinette Vert Sombre – 1955. 60,000 € – 80,000 € e Jean-Michel Atlan (1913 – 1960) Sans Titre – 1954. 50,000 € – 70,000 €.

Jean-Paul Riopelle, Lisiére

Jean-Paul Riopelle, Lisiére

Sempre il 4 giugno, sempre pronti a proporre l’offerta maggiore, sempre privi di figura. Dominanza informale nella sala di Christie’s (Art d’après-guerre et contemporain) dove Pierre Soulages si ritaglia un ruolo da protagonista con le spesse fasce nere che affondano su sfondo marrone (Peinture 65 x 50 cm, 1957. EUR 1,200,000 – EUR 1,600,000) o bianco (Peinture 162 x 130, 13 novembre 1969. EUR 1,200,000 – EUR 1,800,000). Decisamente più conciliante l’acceso arancione di Lanterne su cui Nicolas de Staël (EUR 1,000,000 – EUR 1,500,000) poggia alcuni oggetti comuni come una pila di libri e, come suggerisce il titolo, una lanterna. Più controverso la scultura top lot di Germaine Richier: la sua Tauromachie (1,500,000 – EUR 2,500,000) mette in scena una composizione surrealista le cui dinamiche sono tutte da decifrare. Si sfoglia una pagina del calendario e di nuovo Hartung si prende la scena: T1967-H16 è il top lot con una stima di EUR 120,000 – EUR 180,000 e ancora con le sfumature di blu minerale di T1981-E33 (EUR 80,000 – EUR 120,000). Sgomita l’art brut di Jean Debuffet (Site avec six personnages. EUR 100,000 – EUR 150,000) e il trittico-criptico di Fabienne Verdier (Opus Volcanique I, II et III. EUR 100,000 – EUR 150,000).

Jean Dubuffet, La chaise

Jean Dubuffet, La chaise

Linea nera infinita: Hartung si prende anche la due giorni di Sotheby’s certificando nel giugno parigino un momento di grazia sul mercato delle aste. T1949-6, stimato 1,200,000 — 1,800,000 EUR, è perfetta esemplificazione della capacità dell’artista di riempire lo spazio pittorico senza saturarlo, lasciando emergere una nervosa e imprecisata armonia dalle sue composizioni. Si ripresentano, più forti di prima, anche Pierre Soulages (Peinture. 1,800,000 — 2,500,000) e Zao Wou-Ki, con un paesaggio che questa volta è costretto ad indugiare e perdersi maggiormente nelle sfumature (Temps Calme. 1,500,000 — 2,000,000 EUR). Da segnalare inoltre Jean Dubuffet (La chaise. 1,700,000 — 2,000,000 EUR) e, scivolando nell’ultimo giorno di questa full immersion, l’opera di Jean-Paul Riopelle, Lisieré (250,000 — 350,000 EUR). 6 giugno che chiude una tre giorni da vivere d’un fiato, da studiare attentamente come Untitled di Raymond Hains (150,000 — 200,000), poster grattato che oltre al pannello posteriore rivela anche una chiara analogia con Mimmo Rotella.

Pierre Soulages, Peinture

Pierre Soulages, Peinture

Nel mezzo – 4 e 5 giugno – trovano spazio da Artcurial anche due vendite dedicate all’Arte Impressionista. Oltre ai gouaches di Dalì di cui abbiamo già parlato, dello stesso artista spagnolo spicca anche una statuetta che riprende la Venere di Milo (Vénus de Milo aux Tiroirs. 550,000 € – 750,000 €. Luminosa e brillante la scena quotidiana dipinta da Henri Charles Manguin che ricorda piuttosto chiaramente Le grandi bagnanti di Cézanne (Le filet. 200,000 € – 300,000 €). Due disegni su carta si prendono lo scettro di top lots: poco definiti, ma sicuramente evocativi, i lavori di Bernard Buffet (Homme assis et plage. 350,000 € – 450,000) e Pablo Picasso (Portrait en bonnet de nuit. 140,000 € – 180,000).

Raymond Hains, Untitled

Raymond Hains, Untitled

 

Henri Charles Manguin, Le filet

Henri Charles Manguin, Le filet

 

Germaine Richier (1902-1959) , La Tauromachie

Germaine Richier (1902-1959) , La Tauromachie

 

Salvador Dalì, Vénus de Milo aux Tiroirs

Salvador Dalì, Vénus de Milo aux Tiroirs

CALENDARIO ASTE A PARIGI

4 giugno

Artcurial  – Post-War  & Contemporary Art I – ore 18.00

Artcurial – Impressionist & Modern Art I – ore 19.00

Christie’s – Art d’après-guerre et contemporain  – ore 19.00

5 giugno

Christie’s – Art d’après-guerre et contemporain – ore 10.30

Artcurial – Impressionist & Modern Art II –  ore 14.00

Artcurial – Post-War & Contemporary Art II – ore 16.00

Sotheby’s – Art Contemporain – ore 19.00

6 giugno

Christie’s – Hommage à la famille Hessel : mécènes et modèles – ore 15.00

Christie’s – Art Impressionniste et Moderne – ore 16.00

Sotheby’s – Art Contemporain – ore 14.30

www.artcurial.com
www.christies.com
www.sothebys.com

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett
Il Ponte
Wannenes
WopArt 2019
Artcurial