meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 04 Feb 2019
Print Friendly and PDF

Sgarbi a Bologna: la bellezza è cristiana. Vi risultano un Bach, un Giotto, un Piero della Francesca musulmani?

Vittorio Sgarbi, Leonardo, Teatro Il Celebrazioni, Bologna

Vittorio Sgarbi, Leonardo, Teatro Il Celebrazioni, Bologna

Parlando di Leonardo il critico afferma che “la civiltà cristiana è quella che ha espresso la più straordinaria quantità di bellezza”, rispetto ad altre fedi. “Un primato di libertà, un primato di civiltà…”

Quando sul palco c’è lui, tutto ci si può aspettare tranne che una lezione dotta, ingessata e potenzialmente noiosa. Già, perché la dissertazione è durata la bellezza di tre ore, e il rischio-noia – trattandosi peraltro di un monologo – c’era ed era anche forte: e invece le centinaia di persone accorse al Teatro Il Celebrazioni di Bologna per lo show che Vittorio Sgarbi ha dedicato a Leonardo sono rimaste tutte avvinghiate alle poltrone, rapite da un discorso che partendo dal quinto centenario del genio rinascimentale ha toccato i più disparati temi, anche (apparentemente?) lontani dall’oggetto. Confermando – al di là dei contenuti sgarbiani, sui quali ognuno ha le sue posizioni – la grande capacità oratoria e affabulatoria del critico d’arte.

Nei complessi meandri cultural-politico-sociali la discettazione non poteva non cadere sulla religione: e Sgarbi non ha perso l’occasione per una stilettata a Bergoglio. “L’idea che il Papa cattolico sostenga l’ateo spiega il punto in cui siamo arrivati”, ha osservato polemico, “che è poi quello in cui il preside della scuola non fa il presepe: chiamate i carabinieri e fatelo arrestare”. Nel mirino c’era – non detta, ma implicita – la politically correctness che porta a rinunciare alle tradizioni cristiane per non urtare la sensibilità di credenti di altre fedi: e qui è partito l’affondo più diretto, che non mancherà di far discutere. “La civiltà cristiana è quella che ha espresso la più straordinaria quantità di bellezza. Vi risulta un Bach musulmano? Un Giotto musulmano? Un Piero della Francesca musulmano? Noi siamo riusciti a raccontare Dio nella letteratura, nell’architettura, in modo assolutamente inarrivabile, quindi la nostra religione non è la fede in Dio, è una consapevolezza storica di un primato, un primato di libertà, un primato di civiltà…”.

Vittorio Sgarbi, Leonardo, Teatro Il Celebrazioni, Bologna

Vittorio Sgarbi, Leonardo, Teatro Il Celebrazioni, Bologna

2.6 (51.43%) 7 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Gabriele ha detto:

    nin credo proprio che sgarbi non capisca nulla di arte…. e poi si basa sui fatti, dice delle verità che danno fastidio. Dedicati al buddismo, all’induismo, alla cultura pagana dei maja, degli egiziani, anche dei romani, tralasciando l’europa medioevale. È vero Sgarbi dice il giusto. Il più alto livello di rappresentazione artistica è figlio della Cristianita’

  2. Cleante ha detto:

    il signor sgarbi non ha capito nulla ed è un incompetente di arte: se in Europa i cristianesimi non avessero sterminato gli appartenenti al paganesimo ellenico-romano, i maggiori artisti sarebbero stati tutti pagani, col vantaggio dell’assenza di una censura moralistica e omofobica che avrebbe reso l’arte superiore.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

WopArt 2019
Bertolami Fine Arts
Maison Bibelot
Blindarte
Bertolami | 21 mag
Aste Boetto
PANDOLFINI
Il Ponte
Cambi |istituzionale