meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 25 Gen 2019
Print Friendly and PDF

Regala libri al museo di La Spezia, ma lo accusano di conflitto. Polemiche dimissioni dell’assessore alla Cultura Paolo Asti

Paolo Asti

Paolo Asti

L’assessore Paolo Asti accusato di conflitto di interessi per i cataloghi del CAMeC pubblicati da una casa editrice da lui fondata. Ma si scopre che i libri sono stati donati

Ho deciso di restituire al sindaco Pierluigi Peracchini la delega alla Cultura, così che l’Amministrazione, attraverso ogni organismo possa compiere ogni atto in totale trasparenza sul mio operato”. Che l’ambiente di La Spezia fosse abituato – anzi, che a volte le cercasse – alle schermaglie culturali è cosa nota: basti su tutti ricordare il lungo dibattito, non ancora sopito, legato agli stravolgimenti di Piazza Verdi, con i famosi (qualcuno direbbe famigerati) “archi” progettati dal grande Daniel Buren. Ma che un assessore alla cultura brillante, iperattivo e apprezzato anche al di fuori delle mura cittadine come Paolo Asti – sue le parole citate sopra – fosse indotto alle dimissioni, era difficile da prevedere. Cosa è successo? Che Asti era – prima di dimettersi – fondatore e amministratore della casa editrice Brain, che ha firmato alcune pubblicazioni per il CAMeC (Centro di Arte Moderna e Contemporanea) di La Spezia: e per questo si sono levate accuse di conflitto di interessi, rilanciate dal quotidiano Il Secolo XIX. Particolare “sfuggito” agli accusatori: questi cataloghi sono stati donati, cento copie per la mostra di Andrea Bianconi e cento per quella di Pietro Bellani.

Piazza Verdi, a La Spezia

È lo stesso sindaco Peracchini a confermare che “non è presente alcun atto amministrativo comunale né contratto che legano l’Amministrazione Comunale con la società Brain […] né alcun esborso di denaro da parte del Comune della Spezia“. Ma il dimissionario Asti entra nei dettagli, fornendo la sua lettura dei fatti: “Mi stupisce non poco che tutto questo fumo sia uscito pochi giorni dopo aver segnalato agli uffici competenti un documento scritto in cui evidenziavo i problemi ambientali e relazionali personalmente riscontrati durante l’anno di lavoro trascorso insieme alla dottoressa Marzia Ratti (direttrice dei Servizi Culturali del Comune della Spezia), in cui concludevo che per quanto relazionato la dirigenza non godeva più della mia fiducia”. Le solite polemiche pilotate da avversari, interni all’amministrazione e magari politici? Asti si mostra fiducioso: “Attendo quindi l’esito del lavoro della commissione di inchiesta e tengo a ribadire che nessun contributo o pagamento per prestazioni o servizi è mai avvenuto nei confronti di Brain da parte dell’Amministrazione o sponsor“. Frattanto a suo sostegno è partita una petizione che ha già raccolte centinaia di firme del mondo della cultura, senza distinzione di credo politico…

3.9 (77.33%) 15 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Displaying 3 Comments
Have Your Say
  1. Francesca Ambrosi ha detto:

    Ho da poco appreso di questa assurda situazione. Il motivo del mio sostegno a Paolo Asti si chiama stima, quella che si dovrebbe portare a una persona davvero competente nelle funzioni che espleta. Ma qui siamo abituati ai parvenus… Non mi stupisce che i soggetti con cui ha avuto a che fare abbiano quindi una diversa filosofia…quanto meno definibile come clientelare. Come non mi stupisce che abbiano proiettato il loro modus operandi su di lui. Che volete, in fondo, resto sempre una psicologa. Una testimonianza di affetto a Paolo e con la speranza di non perdere l’opportunità che il suo operato ha fatto avere a questa città.

  2. Cesare Salvadeo ha detto:

    Una persona che sta affrontando i problemi della cultura in città (e li sta risolvendo) con capacità e competenza, oltreché onestà e serietà. Ho avuto modo di lavorare insieme a lui, e per questa esperienza lavorativa non posso che parlarne bene. Un esempio di impegno per accrescere le offerte culturali in una città addormentata da molti anni.

  3. Giuseppe Tartaglia ha detto:

    Una persona capace, una persona serie e competente. UN GRANDE!!! Piena solidarietà a Paolo Asti.
    Noi lo avremmo voluto Presidente della nostra società sportiva. HA RIFIUTATO per non creare problemi alla giunta ed al Sindaco visto il suo ruolo di Amministratore Pubblico.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

WopArt 2019
Wannenes
Bertolami | 10 sett
Il Ponte
Cambi |istituzionale