meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 18 Gen 2019
Print Friendly and PDF

Nuova sede per FUSHO, il ristorante di sushi burrito a Milano

Il burrito nasce dalla fantasia di Juan Méndez che, per conservare il cibo al caldo durante la Rivoluzione Messicana, cominciò ad avvolgerlo in una grande tortilla. Questo piatto è stato poi applicato alla ristorazione dallo stesso Juan e ha spopolato in tutta l’America, in particolare modo negli Stati Uniti e in Canada.

Pochi anni fa a San Francisco è stata inventata la ricetta del sushi burrito ovvero la fusione tra il tipico piatto messicano e il sushi giapponese. Lo scorso anno ha aperto a Milano, in via Paolo Sarpi 50, il primo ristorante specializzato in sushi burrito.

Tutto è nato dall’incontro tra i giovani imprenditori Jay Lin, Alex Pan, Sam Ye, trentenni cinesi di Wenzhou, con Davide Croatto, venticinquenne milanese. Insieme hanno deciso di investire in questo nuovo concetto di ristorazione e hanno aperto il primo ristorante in un quartiere simbolo della cultura cinese in Milano. Fortuna ha voluto che Davide avesse già un negozio di informatica nel quartiere, così è bastato convertirlo in un ristorante. La novità portata da questi quattro ragazzi ha colto nel segno, soddisfando le aspettative del pubblico milanese sempre voglioso di essere stupito.

Così dopo solo un anno dalla prima apertura i giovani imprenditori hanno deciso di aprire un nuovo ristorante in via Plinio 5. I due valori su cui si basa l’azienda sono la trasparenza e la qualità. Ogni burrito è preparato sotto gli occhi del cliente e ogni prodotto è selezionato tra i migliori. A garantire il ristorante è l’ente Friends of the Sea certificando che il ristorante FUSHO “serve prodotti ittici sostenibili”. Il pesce utilizzato dal ristorante viene ordinato ogni mattina ed è abbattuto e certificato dai fornitori. Alcune tipologie, ad esempio la ricciola, riportano anche il QR code, così che il cliente può verificare l’origine del prodotto. I gamberi, di origine argentina, vengono abbattuti e cotti sottovuoto mentre per le fritture vengono impiegate friggitrici ad aria. Il riso macrobiotico proviene da un produttore lombardo e si può scegliere nelle varianti bianco, integrale e nero. Milano è una città utilizzata per testare se nuove proposte, non solo nell’ambito del food, potrebbero avere successo per poi eventualmente diffonderle in centri minori. Credo che questo nuovo concetto di piatto semplice, veloce e completo sarebbe accolto positivamente anche nelle realtà urbane più piccole perciò aspettiamo che ci sia qualche buon imprenditore che abbia voglia di investire in questa nuova opportunità.

I burrito più speciali sono:

Black Salmon con Salmone norvegese, crudo, riso nero, Daikon, insalata, zucchine, avocado, mango fresco, teriyaki, crema di mango
Feniku con Pollo fritto (cotto in friggitrice ad aria), insalata, maionese, salsa Katsu, Mais, carote viola, cipolla fritta
Ebi Samba con Gambero argentino (cotto sottovuoto), insalata, patata americana, avocado, maionese, teriyaki

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami | 10 sett
Il Ponte
Wannenes
Colasanti
Cambi |istituzionale
WopArt 2019