meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 12 Feb 2018
Print Friendly and PDF

Tre cose che farò nel 2018. Gianluca D’Incà Levis

Gianluca D’Incà Levis

Gianluca D’Incà Levis

Scopriamo i progetti per l’anno appena iniziato dei protagonisti del sistema dell’arte italiana: critici e storici dell’arte, direttori di museo, artisti, galleristi, collezionisti, operatori culturali

1. DC. Naturalmente, insieme al mio team farò Dolomiti Contemporanee: siamo nati nel 2011, questo è il nostro ottavo anno. Lavoriamo ai programmi artistici e culturali, come sempre articolati e interconnessi, intersezione di flussi. Per tutta la stagione essi daranno impulso ai cantieri alpini già attivi (come l’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore, dove è acceso www.progettoborca.net, o il Nuovo Spazio di Casso al Vajont). Altri siti sono allo studio, in previsione di attività future (Trampolino olimpico di Cortina d’Ampezzo, ex centrale idroelettrica di Malnisio, Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore). I programmi vedranno avvicendarsi a lavorare insieme artisti, architetti e designers, paesaggisti ed ecologi, scienziati e pensatori, Università ed Accademie, ricercatori e studenti, aziende e Brand. Cerchiamo l’aderenza psico-culturale, nella montagna frusta (Brain tooling).

2. Cristopher. La pratica DC è esistentiva, l’arte qui non decora, penetra lo spazio (ovvero il senso). Viviamo nei siti che riaccendiamo, tutto ciò che avviene nelle nostre vite trova riflesso diretto nel progetto, alimentandolo. Non si praticano massaggi ambientali: si morde lo spazio. Cristopher è un cervo, abbandonato alla nascita nella giungla di Borca. L’ho adottato neonato, è mio figlio. L’ho protetto, svezzato, infine reinserito nel suo ambiente, riuscendo a preservarne la natura selvatica. Si tratta senza dubbio di una storia di curatela. C’è ora l’interesse di alcuni buoni editori. Nel 2018 lavorerò a questo libro. Titolo provvisorio: “Cristopher, a way of curating”. Nel quale chiarirò la mia idea di cultura, presenza, ambiente, responsabilità, azione, critica, cura, curatela. Una curatela ungulata, evidentemente. Testate, corna ed unghielli: sono alcuni dei nostri abituali strumenti di lavoro.

3. Diga del Vajont. Il Nuovo Spazio di Casso è un Centro per la Cultura Contemporanea del Paesaggio. Un presidio culturale, che dal 2012 muove l’inerzia drammatica del Vajont, opponendosi alla pericosissima, inaccettabile, stagnazione commemorativa legata alla tragedia del 21963, che si mangia questa terra. Il Concorso Artistico Internazionale Two Calls for Vajont (nella Giuria, tra gli altri, Angela Vettese, Cristiana Collu, Marc Augè, Alfredo Jaar), è uno degli strumenti concepiti da DC per “muovere il Paesaggio”. Stiamo entrando nella fase finale (progetti esecutivi, budget), che condurrà alla realizzazione delle due opere vincitrici (Andrea Nacciarriti sulla famigerata Diga del Vajont, Dimitri Giannina alla Spazio di Casso – info e progetti su www.twocalls.net).


Gianluca D’Incà Levis è curatore d’arte e critico, laureato in architettura allo IUAV di Venezia. La sua formazione include studi approfonditi negli ambiti letterario, estetico e culturale. Ideatore di Dolomiti Contemporanee (2011), curatore di Progettoborca e direttore del Nuovo Spazio di Casso. A partire dal 2010, ha avviato una serie di progetti curatoriali e di riflessioni che mettono in relazione l’arte contemporanea, la cultura dell’innovazione, il recupero di siti dismessi, e la montagna quale spazio-cantiere a cui applicare processualità rigenerative, culturali e funzionali. Centrale l’idea di produrre immagini rinnovative, operando su ambiente naturale, territori e paesaggio in modo critico e proiettivo, e rifiutandone le letture stereotipe.

www.dolomiticontemporanee.net

2.5 (50%) 2 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Cambi |istituzionale
WopArt 2019
Il Ponte
Bertolami | 10 sett
Wannenes
Artcurial