meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 04 Feb 2019
Print Friendly and PDF

Voci da Artefiera 2019. Lorenzo Poggiali e Stefano De Gregori

Pignatelli e Viale da Poggiali

Pignatelli e Viale da Poggiali

Bologna. Un giro tra gli stand del nuovo anno “zero” di Artefiera (1-4 febbraio 2019). Le impressioni dei galleristi sulla nuova edizione targata Simone Menegoi, a cui abbiamo chiesto cosa li ha guidati nella scelta degli artisti presentati -tre per gli stand piccoli, sei per quelli grandi- e quali saranno i progetti futuri.

Lorenzo Poggiali – Galleria Poggiali (Firenze)

Galleria Poggiali Artefiera 2019

Fabio Vitale

Impressioni sulla nuova edizione: Il nuovo format piace alla galleria fiorentina, già abituata a portare pochi artisti per valorizzarli al meglio, linea guida rispecchiata anche dall’allestimento dello stand, in cui ogni opera è distanziata dalle altre per permettere una fruizione adeguata.

Il pezzo forte dello stand: Primeggia Fabio Viale per l’impatto visivo e fisico che hanno le sue opere, ma anche agli altri artisti -Pignatelli, Zorio, Beninati e Mattiacci- è dato notevole risalto.

Progetti per il futuro: A breve impegnati con Thomas Kovachevich e Zhivago Duncan, rivedremo la galleria anche alla prossima edizione di Miart.

Stefano De Gregori – Prometeogallery di Ida Pisani (Milano)

Fabrizio Cotognini, Poggiali, Artefiera 2019

Fabrizio Cotognini, For everything there is a fixed time, and a time for every business under the sun, 2017

Impressioni sulla nuova edizione: La limitazione nel numero di artisti proposti è stato apprezzato dalla galleria milanese Prometeo, secondo cui il format curatoriale di quest’anno rende gli spazi più ordinati e puliti. Nonostante questo salta all’occhio il minor numero di visitatori di questa edizione, anche nella prima giornata dedicata a collezionisti e giornalisti.

Il pezzo forte dello stand: Pezzo forte della galleria sono senz’altro le opere di Fabrizio Cotognini, artista che di recente gode di un sempre maggior apprezzamento.

Progetti per il futuro: Dopo l’apertura con Artefiera, il 2019 continuerà con una personale di Ruben Montini -anche lui esposto a Bologna- e, a marzo, Miart.

4.5 (90%) 2 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

WANNENES | ISTITUZ
Cambi |istituzionale
Miart 2019
Il Ponte | 22 mar
Artcurial | 27 marzo
Andrey Esionov
genova | 14 luglio
Bertolami Fine Arts