meeting art istituzionale
Pubblicato il: sab 12 Gen 2019
Print Friendly and PDF

L’enigma dell’Isola di Pasqua. I giganti eraro guardiani della preziosa acqua dolce?

I moai dell'Isola di Pasqua

I moai dell’Isola di Pasqua

La posizione delle gigantesche figure ancestrali e delle piattaforme su cui sono poste (ahu) si baserebbe sulla loro vicinanza a fonti di acqua dolce, una risorsa estremamente rara e preziosa sull’isola di Pasqua

Idoli rituali? Simboli di potere, di qualche capo tribù rispetto a potenziali avversari? Nei secoli sulle origini delle enormi sculture dell’isola polinesiana di Rapa Nui si sono fatte mille illazioni, ma una verità storica univoca non è mai emersa. Ora uno studio pubblicato dalla rivista scientifica PLOS One propone una nuova affascinante teoria: i celebri moai – al centro dell’attenzione recentemente anche dopo la richiesta di restituzione dell’esemplare esposto a Londra al British Museum – avrebbero potuto avere funzioni decisamente più utilitaristiche. Secondo gli archeologi, la posizione delle gigantesche figure ancestrali e delle piattaforme su cui sono poste (ahu) si baserebbe sulla loro vicinanza a fonti di acqua dolce, una risorsa estremamente rara e preziosa per le caratteristiche geologiche e per la posizione dell’isola. “Se i monumenti di Rapa Nui”, afferma la rivista, “servivano effettivamente a una funzione di controllo del territorio (oltre ai loro ben noti ruoli rituali), allora le loro forme si spiegano meglio in considerazione della limitata disponibilità di acqua dolce dell’isola di Pasqua.

3 (60%) 2 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Artcurial | 27 marzo
Cambi |istituzionale
Bertolami Fine Arts
Miart 2019
genova | 14 luglio
WANNENES | ISTITUZ
Andrey Esionov