Meeting Art
Pubblicato il: mer 05 Dic 2018
Print Friendly and PDF

Anna Coliva reintegrata alla Direzione della Galleria Borghese. Non regge l’accusa di assenteismo

Anna Coliva

Anna Coliva

Il giudice del lavoro ha stabilito che gli addebiti mossi ad Anna Coliva non sussistevano. A maggio oltre 2mila firme erano state raccolte sulla piattaforma change.org per sostenere la direttrice

A maggio il giudice del lavoro aveva stabilito che gli addebiti che le erano stati fatti non sussistevano: ora il Mibac annulla la sospensione e la direttrice rinuncia ad ogni azione di risarcimento pur riservandosi di avviare azioni legali che chiariscano le responsabilità individuali che hanno originato questa vicenda. Di chi parliamo? Di Anna Coliva, la direttrice della Galleria Borghese di Roma, accusata di “assenteismo” a seguito di una denuncia anonima e sanzionata dal Mibac di sei mesi di sospensione senza stipendio. Senza avviare alcuna verifica e senza attendere la sentenza, come sarebbe stato d’obbligo. Su cosa si basavano le accuse? Sul fatto che la Coliva si sarebbe recata in palestra in “orario di ufficio”. Sorvolando che per una manager come lei, tenuta a rispondere dei risultati ottenuto alla guida del museo, gli orari sono sempre molto relativi, ed è sacrosanto il fatto che possa organizzarli come meglio crede.

statua Paolina Borghese

@ Immagine Galleria Borghese (pagina facebook)

Istantanea era arrivata l’indignazione del mondo dell’arte e dei musei internazionali: ai primi di maggio erano state oltre 2mila le firme raccolte in meno di una settimana sulla piattaforma change.org per sostenere la storica dell’arte – sostegno garantito anche da ArtsLife – che da 12 anni ha diretto la Galleria Borghese, trasformandola in una delle più importanti realtà museali a livello internazionale attraverso riconosciute attività di tutela, conservazione, valorizzazione, ricerca e di raccolta fondi. Promuovendo fra l’altro pioneristiche attività di raccolta fondi che hanno portato a oltre 12 milioni di euro in 12 anni.

2.3 (46.67%) 3 votes

Autore

- É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Maison Bibelot
Mirco Cattai Fineart&Antiquerugs
Cambi
Brafa
WANNENES
Eberhard
Il Ponte
Artcurial
Cambi
Pandolfini