Meeting Art
Pubblicato il: mar 27 Nov 2018
Print Friendly and PDF

Her di Spike Jonze in arrivo su Netflix. Recensione

Her Spike JonzeHer, il capolavoro di Spike Jonze arriva su Netflix

Nel futuro che è oggi i non-luoghi sono la placenta affollata che ci avvolge e che nutre il nostro spleen. In uno di questi non-luoghi, in cui milioni d’identità s’incrociano senza mai interagire, potrebbe persino capitarci di avere un’epifania sentimentale guardando lo spot di un sistema operativo senziente: è questo il futuro che nel 2013 ha immaginato per noi quel folletto geniale di Spike Jonze nel suo Her – disponibile dal 30 novembre sul catalogo Netflix.

In Her il protagonista, l’adorabile Theodore Twombly di Joaquin Phoenix è diviso fra il bisogno di condivisione amorosa e la paura di non riuscire più a realizzarla/materializzarla nella vita reale dopo la perdita della moglie. Spike Jonze sceglie di introdurci al suo protagonista nel modo più incantevole: portandoci sul posto di lavoro di Theodore, dove lo osserviamo mentre detta al computer lettere personali, elaborate su incarico.  È meraviglioso ascoltare la sua voce che affluisce nello streaming di quelle degli altri colleghi impegnati nella stessa operazione, una confluenza di emozioni, desideri, confessioni e rimpianti che avvolgono lo spettatore e lo preparano alla visione successiva.Her Spike JonzeIn Theodore e nei personaggi che gravitano intorno a lui, c’è la stessa necessità, lo stesso desiderio di amare e di essere amati – i flashback di cui Theodore nutre le sue notti, con le immagini della vita insieme alla sua ex moglie Catherine (Rooney Mara) ci spezzano il cuore – l’amica di Theodore, Amy (Amy Adams) e l’appuntamento sexy (Olivia Wilde) sono personaggi altrettanto fragili, subito pronti a tornare nell’unico rifugio percepito come sicuro: la solitudine dei propri appartamenti e l’assenza di interazioni umane dirette.

Questo è il contesto in cui Theodore incontra Samantha, un sistema operativo senziente che cresce e sviluppa la sua coscienza in base alle sue esperienze, vissute inizialmente insieme a Theodore. Samantha -che ha la voce di Scarlett Johansson, qui in una delle sue perfomance più iconiche- e Theodore finiscono per innamorarsi e attraversare tutte le fasi naturali di una relazione, compresa la frizione e il tentativo di rivitalizzazione della vita sessuale (aprendo la coppia a un surrogato umano). Her Spike Jonze

Her è soprattutto il racconto di un’identità in crescita, quella di Samantha: la sua percezione dello spazio e del tempo, l’interazione, i limiti fisici e le aspettative. Nella sua esplorazione della realtà (che ha connotati diversi perché diversamente percepibili rispetto all’umanità di Theodore) Samantha prenderà rapidamente coscienza della sua natura e andrà alla ricerca di un contatto (per definirlo con un termine proprio dell’umano) con altri sistemi operativi e con loro vivrà poi un’esperienza di condivisione impossibile di comprendere per Theodore e gli altri esseri umani.

Mentre Samantha supera i limiti dell’impercettibilità e dell’intenzione, a Theodore non rimane che salire sul tetto del suo palazzo insieme all’amica Amy (che ha vissuto un’esperienza simile col suo sistema operativo) e rimanere a osservare le luci della città, conscio che le solitudini che l’affollano hanno appena ceduto la staffetta esperienziale a una nuova e post-umana forma di vita.

Valuta

Autore

- Dopo la laurea in Lettere moderne e la specializzazione in Sociologia della Letteratura alla facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, ha studiato il lavoro di Pier Vittorio Tondelli e collaborato con la manifestazione Roma Noir. Ha partecipato come lettore a due edizioni della trasmissione “Amici Libri” condotta da Aldo Busi e gestito la pagina dedicata alla Cultura Avant-Pop delle Guide di Super Eva (prodotte dal gruppo Dada). Scrive di cultura indipendente sul suo blog http://onlyrecensionitoplaywith.blogspot.it/ e per ArtsLife si occupa di cinema.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Mirco Cattai Fineart&Antiquerugs
Pandolfini
Eberhard
Brafa
Maison Bibelot
Il Ponte
Artcurial
Cambi
Cambi
WANNENES