Meeting Art
Pubblicato il: mar 13 mar 2018

Passaggi di stato. Tre artiste per “forzare il limite di un confronto”, alla Reggia di Caserta

Passaggi di stato Reggia di Caserta

Lorenza Boisi_Veduta mostra_BOISI-GALINDO-PALAZZARI_Passaggi di stato_Reggia di Caserta_2018_Foto The Knack Studio

Una mostra interessante a più voci presso le sei sale delle Retrostanze settecentesche (Ex Terrae Motus) e il Vestibolo superiore della Reggia di Caserta.

Passaggi di stato: una mostra dedicata a tre artiste sotto il segno del femminile, Lorenza Boisi, Regina José Galindo e Valentina Palazzari, a cura di Bruno Corà e Davide Sarchioni (visibile fino al 20 marzo 2018).

Giovani artiste della stessa generazione e di diversa provenienza culturale e visione poetica accumunate dall’interesse a relazionare in un inedito confronto che pur nella diversità delle proposte, tentano di “forzare il limite di un confronto”. L’intento primario è per l’appunto sperimentare la coesistenza delle visioni, un possibile dialogo sia tra le loro opere sia con lo spazio fisico e magico della Reggia.

Passaggi di stato Reggia di Caserta

Valentina Palazzari_Veduta mostra_BOISI-GALINDO-PALAZZARI_Passaggi di stato_Reggia di Caserta_2018_Foto © Manolis Baboussis

Tre artiste decisamente differenti per caratteristiche e tipologie metodiche e tecniche che ci prepongono uno spaccato, seppur limitato, delle diverse proposte in atto. Nelle sale della Reggia si percepiscono “i passaggi di stato” da una visione all’altra, con opere bidimensionali a parete che convivono con l’installazione e l’oggetto tridimensionale, sollecitando rimandi e associazione attraverso l’utilizzo dei diversi materiali, un passaggio decisamente fluido carico di tensione e di attraversamenti e un procedere avanti e indietro senza soluzione di continuità.

Passaggi di umore, da un linguaggio all’altro percepiti sotto il segno della diversità. In tale dinamica convivono e si relazionano i lavori della Palazzari votati all’innesto e alla precarietà duttile dei materiali legati ai processi di ossidazione nella dimensione più consunta e trascorrente del tempo, (un particolare omaggio è presentato nell’imponente Scalone d’Onore di Luigi Vanvitelli con un’installazione monumentale).

Passaggi di stato Reggia di Caserta

VESTIBOLO INFERIORE
Valentina Palazzari (Terni,1975), Pirouette, 2017-18, reti elettrosaldate in ferro, 220 x 200 x 200 cm, Courtesy MLZ Art Dep

È’ un’installazione di grandi dimensioni, realizzata con reti elettrosaldate, è collocata nel Vestibolo inferiore, pensata ad accogliere il visitatore come un rocco di colonna tortile. Si tratta di una profonda riflessione sulla composizione architettonica in rispondenza dei volumi e degli spazi della Reggia di Caserta.

La pittura estemporanea della Boisi permane condizionata dalla pratica di ceramista, votata alla figurazione e a motivi naturali che cerca di ambientarsi con la decorazione maestosa e ornamentale della Reggia.

Passaggi di stato Reggia di Caserta

SALA 5
Lorenza Boisi (Milano, 1972), Arazzo, 2018, foulard di seta, cotone, organdis, Courtesy RIBOT gallery

Cuciti insieme, suggeriscono ricordi personali e testimonianze produttive della storia della seta alto lariana. Dialogano idealmente con le preziose sete di San Leucio, in un richiamo di motivi e colori, generando un’impalpabile soglia che accoglie il visitatore.

Tutt’altro si avverte dalle ricerche performative sul tema del corpo umano, tra fotografia e video art svolte dall’artista guatemalteca Regina José Galindo, senza dubbio la più lucida e convincente, che ossessivamente rimarca l’importanza del corpo e dell’azione performativa come strumento urgente di comunicazione e denuncia sociale.

Passaggi di stato Reggia di Caserta

SALA 6
Regina José Galindo (Città del Guatemala, 1974), Aún no somos escombros, 2016, color video, stereo sound, 19’, Courtesy l’artista e Prometeogallery

I lavori documentano riflessioni e performance a partire dal 1999. Un video della performance realizzata ad Amburgo nel 2016, Aún no somos escombros (Non siamo ancora macerie), durante la quale l’artista intrappolata in una montagna di macerie viene liberata dalla prigionia volontaria dal pubblico in un atto di esplicita umanità

Insomma, tre piccole e importanti personali in cui i risultati sono condizionati dalla diversità di visione immaginativa e soprattutto per la complessa e concreta relazione che si può instaurare con le imponenti sale della Reggia di Caserta.

Passaggi di stato Reggia di Caserta

Valentina Palazzari_Veduta mostra_BOISI-GALINDO-PALAZZARI_Passaggi di stato_Reggia di Caserta_2018_Foto © Manolis Baboussis

Informazioni utili

Boisi | Galindo | Palazzari. Passaggi di stato

Dal 23 febbraio al 20 marzo 2018

Appartamenti Storici, Retrostanze del ‘700 e Vestibolo superiore della Reggia di Caserta, via Douhet 2/A – 81100 Caserta

Orari

Tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30, martedì chiusura settimanale

caserta@operalaboratori.com

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

IL PONTE
Colasanti Casa d'Aste
Il Ponte
Wannenes
Eberhard
Pandolfini
Cambi Casa d'Aste
Artcurial
Bertolami Fine Art