Meeting Art
Pubblicato il: mer 14 Feb 2018
Print Friendly and PDF

Le astrazioni gestuali di Hans Hartung tornano al centro del mercato

hartung- perrotin -ny

HANS HARTUNG
A CONSTANT STORM. WORKS FROM 1922 TO 1989 – Galleria Perrotin NY , Solo show

Hartung ritorna al centro del mercato: dopo anni di assopimento, i dealer internazionali hanno riacceso l’interesse per le sue liriche astrazioni gestuali

Ritorna al centro dell’interesse del mercato Hans Hartung. A testimoniarlo ben due esposizioni in contemporanea da Nahmad Contemporary e Perrotin, tra le principali gallerie di New York.  Entrambe hanno dedicato in questi mesi un ampio solo show all’evoluzione nei vari anni della pratica astratta e informale del maestro tedesco/francese.

Questo ritorno di interesse è sbocciato nell’ultimo periodo anche in Italia. La Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, ad esempio, gli ha dedicato una esposizione lo scorso settembre. Non solo mostre: nell’ultima edizione di Arte Fiera a Bologna (2-5 febbraio 2018),  più di uno stand esponeva i suoi lavori (fra questi ricordiamo le straordinarie opere presentata da Tornabuoni, Delluppi arte o Eidos Immagini Contemporanee)

Hartung- artefiera

HANS HARTUNG ad Arte Fiera Bologna

Ma che cosa è successo? Come si risveglia l’interesse del mercato dopo decenni di assopimento?

In gioco devono entrare i grandi dealer internazionali, con forti possibilità economiche e una vasta visibilità capace di rivoluzionarne l’intero mercato: nomi come Perrotin o Nahmad hanno infatti contribuito sicuramente ad aumentare la consapevolezza sull’artista e ad aprire gli occhi di collezionisti di tutto il mondo sul valore della sua opera.

Per ora le performance di Hartung si confermano in costante crescita: secondo il database di Artnet il suo valore nei lotti offerti in asta è aumentato del 14% negli ultimi 5 anni.

Hans Hartung

Hartung – Artnet Database

Proprio Joe Nahamad spiegava su artnet news «Hartung era molto forte negli anni ’80, ma poi la domanda si è assopita ed è rimasta dormiente per un lungo periodo». In particolare in seguito alla morte dell’artista nel 1989, che ha coinciso con una interruzione del suo mercato.

Le astrazioni gestuali di Hartung e dei suoi contemporanei sono ritornate di moda intorno alla metà degli anni Novanta/Duemila, il suo mercato ha iniziato a riprendersi e il suo culmine l’ha raggiunto nuovamente solo nel 2014. Infatti in quegli anni, come ha osservato l’art advisor parigino Laurence Dreyfus, l’interesse dei collezionisti per le nuove astrazioni dei giovani “Zombie Formalist” iniziava a sfumare e tornava a rivolgersi piuttosto ad artisti più solidi e storicizzati, pionieri delle vere astrazioni segniche/ espressionistiche.

HANS HARTUNG Nahmad Gallery

L’allestimento della mostra di Hartung alla Nahmad Gallery
Courtesy of Nahmad Contemporary Perrotin and Hartung Bergman Foundation photo Tom Powel Imaging

Infatti, racconta anche Pascal de Sarthe, dealer francese di base a Hong Kong, che man mano che i gusti dei nuovi collezionisti si affinavano, questi avevano iniziato a chiedersi perchè stessero collezionando lavori astratti sovrastimati di nuovi artisti contemporanei (che tra l’altro copiavano perlopiù quanto già fatto una cinquantina di anni prima), piuttosto che partire dalle basi dell’astrazione gestuale. Iniziarono così ad accorgersi che potevano acquistare, per prezzi nettamente inferiori, la maggior parte dei lavori astratti pionieristici di un maestro come Hartung, ancora degli anni ’50.

L’altro momento di vera svolta nel mercato dell’artista è stato però nell’aprile scorso, quando il gallerista francese Emmanuel Perrotin ha siglato l’accordo per assicurarsi di rappresentarlo a livello internazionale: nell’edizione di Art Basel di giugno 2017 aveva infatti presentato, in collaborazione con Simon Lee, una memorabile esposizione su due piani dei maggiori capolavori di Hartung, a cui fa seguito ora l’altra grande mostra in corso nello spazio di New York fino al 18 febbraio.

Hartung- Perrotin

View of the exhibition “A Constant Storm. Works from 1922 to 1989″curated by Matthieu Poirier at Perrotin New York

In mostra anche qui, sui due piani nella galleria vicino Bowery Street e al New Museum, un’ampia prospettiva sull’opera e l’evoluzione dell’artista, una costante tempesta gestuale e segnica prorompente sempre a metà fra spontaneità del gesto intuitivo e libero e il controllo razionale del segno e delle scelte cromatiche. Nonostante l’apparente semplicità di alcuni suoi lavori, infatti, essi sono sempre il risultato di un complesso intreccio amorfo di segni e strati prodotti dall’artista direttamente e indirettamente con rapidi gesti, in una “continua correzione di ciò che è fatto di fretta“.

HANS HARTUNG Nahmad Gallery

HANS HARTUNG
T1982-E8, 1982
Acrylic on canvas
55.9 x 70.9 inches (142 x 180 cm)
Courtesy of Nahmad Contemporary Perrotin and Hartung Bergman Foundation photo Tom Powel Imaging

Il singolare universo pittorico di Hartung è come  un processo alchemico di forze e istinti che si muovono in una dialettica costante fra romanticismo e razionalismo tedesco delle sue origini, e la sua naturalizzazione francese con la guerra. A costante storm: Works from 1922 to 1989″, curata da Matthieu Poitier, permette di vedere fino alla prossima settimana lavori ormai più che rari e introvabili degli anni ’20/’30 in cui si nota ancora il gesto segnico virtuoso e un lirismo vibrante di vitalismo, fino alle potenti soluzioni coloristico/gestuali del trauma post guerra, di quelli oggi più ricercati degli anni ’40/’50. Le opere sono presentate in rigoroso ordine cronologico per offrire un excursus quanto più esaustivo sull’evoluzione del segno di Hartung, e provengono tutte da importanti prestiti sia dalla Fondazione Hartung-Bergman di Antibes, sia da importanti istituzioni statunitensi come il MOMA di NY  e la Albright-Knox Art Gallery (Buffalo).

Hartung- Work on View of the exhibition "A Constant Storm. Works from 1922 to 1989 - at Perrotin New York

Hartung del ’46 – Work on View of the exhibition “A Constant Storm. Works from 1922 to 1989 – at Perrotin New York

Rimane da vedere se anche questo “ritorno di fiamma” da parte del collezionismo internazionale per questo artista darà prova di sostenibilità e continuerà a crescere, o se si fermerà nel tempo non appena si abbasserà la luce dei riflettori di così tante mostre sulle sue opere.

Lo stesso Dreyfus si dice dubbioso sulle prospettive di eterno successo, ritenendo che Hartung non sia un artista che ha segnato una vera rottura nella storia dell’arte. Tuttavia gli interessi ormai in gioco, osserva, sono molto alti, e gli attori coinvolti hanno tutte le risorse e possibilità per continuare a trainarne il mercato.

Hartung -Perrotin

HARTUNG on view at Perrotin gallery NY

 

PERROTIN GALLERY, New York

HANS HARTUNG – A CONSTANT STORM. WORKS FROM 1922 TO 1989 – SOLO SHOW, CURATED BY MATTHIEU POIRIER
12 Gennaio – 18 Febbraio
www.perrotin.com

HANS HARTUNG Nahmad Gallery

HANS HARTUNG
T1982-H29, 1982
Acrylic on canvas
70.9 x 55.9 inches (180 x 142 cm)
Courtesy of Nahmad Contemporary Perrotin and Hartung Bergman Foundation photo Tom Powel Imaging

 

NAHMAD CONTEMPORARY, New York

HANS HARTUNG
12 Gennaio- 17 Marzo  2018
www.nahmadcontemporary.com

2.5 (50%) 2 votes

Autore

- Elisa Carollo è laureata in Marketing & Management delle arti all’università IULM di Milano. Animata da una grande passione per l’arte contemporanea e con un forte interesse per il suo mercato ma anche per politiche culturali che attribuiscono all’arte un ruolo chiave nello sviluppo e innovazione della società, aspira a farsi strada, con costanti studi e esperienze, nel sistema dell’arte internazionale. Collabora con ArtsLife per contenuti editoriali su tali tematiche


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Aste Boetto
Pandolfini
Colasanti Casa d'Aste
Il Ponte
Gotha
Artcurial
Il Ponte
Eberhard
WANNENES
Cambi Casa d'Aste