Meeting Art
Pubblicato il: ven 09 feb 2018
Stampa/PDF/Email

Salvate Civita di Bagnoregio. La “città che muore” alla ricerca della protezione Unesco

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Il luogo natio di San Bonaventura, ormai disabitato e vittima di un pesante dissesto idrogeologico, iscritto nella Lista Propositiva Italiana nell’ambito della Convenzione sul Patrimonio Mondiale

È ancora una volta l’Italia dei borghi quella che vince, o che almeno ci prova. Il traguardo è il Patrimonio Unesco, e ai blocchi di partenza ci sono Civita di Bagnoregio e la “Valle dei Calanchi”, iscritte dalla Rappresentanza Permanente tricolore nella Lista Propositiva Italiana nell’ambito della Convenzione sul Patrimonio Mondiale. Un atto propedeutico alla complessa procedura che potrebbe portare all’auspicato riconoscimento. A darne l’annuncio il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, insieme al sindaco della “città che muore”, Francesco Bigiotti, al geologo Claudio Margottini, al sociologo e psichiatra Paolo Crepet e allo scrittore Marco Lodoli “Questo è un tentativo di vincere – ha dichiarato il governatore – che vede protagonisti anche i ragazzi delle scuole, studiosi, architetti che aiuterà non solo a salvare Civita, ma anche a migliorare il clima e l’economia della nostra Regione. L’iter è lungo perché la competizione è molto agguerrita, ma anche per questo ci siamo preparati bene assieme al Comune di Bagnoregio, chiamando i migliori esperti per preparare un dossier che si prefigura unico al mondo, perché Civita e la Valle dei Calanchi sono un patrimonio unico al mondo e mi viene da dire: strano che nessuno ci abbia pensato prima”.

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio

Prima che la documentazione necessaria arrivi sui tavoli parigini, e indipendentemente dall’esito, il luogo natio di San Bonaventura, ormai disabitato e vittima di un pesante dissesto idrogeologico, necessita in ogni caso di interventi di tutela e valorizzazione la cui urgenza ormai è “ordinaria”: già nella primavera del 2015, lo stesso Zingaretti si era fatto promotore dell’Appello per la “Salvezza di Civita di Bagnoregio e della Valle dei Calanchi”, ricevendo in breve tempo il sostegno di 151 autorevoli esponenti del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo, della scienza, delle professioni liberali, dell’Accademia, e al quale avevano aderito sulla piattaforma Change.org quasi 40mila cittadini.

http://www.civitadibagnoregio.it/

Autore

- Nata a Torre del Greco, è docente di discipline letterarie nella scuola pubblica e giornalista pubblicista. Dal 1990 collabora con periodici, quotidiani, siti e riviste di settore. Ha scritto testi critici per mostre, progetti e interventi in spazi privati e istituzionali. Episodicamente, si cimenta in divagazioni letterarie e note di costume. Il suo blog è www.anitapepe.it.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

Il Ponte
Boetto
Bertolami Fine Art
Mercante in fiera 2018
Cambi Casa d'Aste
Eberhard
Pandolfini
IL PONTE