Meeting Art
Pubblicato il: mer 06 dic 2017
Stampa/PDF/Email

UNTITLED Miami Beach 2017. Le 10 opere/gallerie da non perdere (vista oceano)

Eric Yahnker, Russian Roulette, 2017 da THE HOLE

Eric Yahnker, Russian Roulette, 2017 da THE HOLE

Da una parte l’oceano, dall’altra Ocean Drive. Nel mezzo, la fiera. Senza titolo. Untitled ha aperto le danze della Miami Art Week 2017 questa mattina (5 dicembre) alle 13, con la consueta giornata per stampa e collezionisti. Dal 6 fino al 10 è aperta al pubblico, come tutte le altre 20 fiere disseminate tra Miami e Miami Beach.

Sesta edizione per una fiera elegante vista mare, 130 gallerie raccolte in una tensostruttura bianchissima sulla sabbia (ancora più bianca) di South Beach, di fronte alle palme del Lummus Park e alla Villa di Versace, fresca di acquisizione della famiglia di imprenditori Nakash per 42 milioni di dollari lo scorso luglio. Tornando sulla spiaggia, la fiera è diventata in pochi anni una delle realtà più interessanti della settimana dell’arte dicembrina, focalizzandosi sul bilanciare e integrare tutte le discipline dell’arte contemporanea, senza scadere nel “prodotto” fine a se stesso e nel kitsch, come la sorellastra qui accanto Scope, a 5 minuti di passeggiata sulla sabbia. La pianificazione e l’allestimento degli spazi espositivi rendono la visita agli stand piacevole, con serie di finestroni vista oceano e terrazza-caffè direttamente sulla sabbia. Insomma, se le opere non aggradano, si sa dove andare a parare.

Segnaliamo le 10 opere (con gallerie di riferimento) da non perdere di questa edizione. Tra le migliori proposte, i lavori delle due italiane Eduardo Secci di Firenze e Maurizio Caldirola Arte Contemporanea di Monza.

JANE LOMBARD GALLERY (NY) – Monografica dedicata alle composizione polimateriche del duo Lucy + Jorge Orta.

Lucy + Jorge Orta, Untitled, 2016 da JANE LOMBARD GALLERY

Lucy + Jorge Orta, Untitled, 2016 da JANE LOMBARD GALLERY

ANITA BECKERS (Francoforte) – La potenza di forzare i limiti fisici della materia ad opera del nostro Arcangelo Sassolino (1967), sugli scudi oramai da alcuni anni sulla scena internazionale. L’artista vicentino gioca con gli equilibri di un pneumatico modificandone con l’acciaio in violenta trazione la superficie.

Arcangelo Sassolino, Massimo, 2017 da ANITA BECKERS

Arcangelo Sassolino, Massimo, 2017 da ANITA BECKERS

GALERIE THOMAS FUCHS (Stoccarda) – La pittura (tornata prepotentemente sulla scena e sul mercato) delicata (con tocco di materia sul fiocco che lega i capelli) del bavarese Ruprecht von Kaufmann. Una sua tela in mostra anche alla Fondazione Stelline di Milano nell’esposizione Le nuove frontiere della pittura, a cura di Demetrio Paparoni.

Ruprecht von Kaufamann, Orange, 2017 da GALERIE THOMAS FUCHS

Ruprecht von Kaufamann, Orange, 2017 da GALERIE THOMAS FUCHS

MAURIZIO CALDIROLA ARTE CONTEMPORANEA (Monza) – Lo stand intero della galleria brianzola, con la coppia di artisti Bernard Roig e Massimo Kaufmann.

Bernard Roig da MAURIZIO CALDIROLA ARTE CONTEMPORANEA

L’EGO di Bernard Roig da MAURIZIO CALDIROLA ARTE CONTEMPORANEA

Massimo Kaufmann

Massimo Kaufmann

EDUARDO SECCI (Firenze) – Anche per l’altra galleria italiana uno stand a regola d’arte, con un duo di artisti internazionali come il newyorkese Timothy Hull (1979) e la trentunenne inglese Alice Brown (1986). Da segnalare il wall painting di Hull sulle pareti dello stand, dalla tipica struttura certosinamente “arata” con evidenti richiami alla grecità e alla classicità in generale.

Doppio Timothy Hull da EDUARDO SECCI

Doppio Timothy Hull da EDUARDO SECCI

Alice Brown

Alice Brown

Wall painting di Timothy Hull da EDUARDO SECCI

Wall painting di Timothy Hull da EDUARDO SECCI

THE HOLE (NY) – Solo show dedicato a Eric Yankher (seppur che del faccione di Trump e dell’ironia postmoderna non se ne può più, l’artista californiano sembra avere qualcosa in più rispetto a tanti altri colleghi).

Eric Yahnker, Russian Roulette, 2017 da THE HOLE

Eric Yahnker, Russian Roulette, 2017 da THE HOLE

COHJU CONTEMPORARY ART (Kyoto) – I lavori del giapponese Mio Yamato. Tecnica e pazienza per una resa tridimensionale topografica sublime a linee-livelli di inchiostro.

Mio Yamato da COHJU CONTEMPORARY ART

Mio Yamato (Repetition black, 2017) da COHJU CONTEMPORARY ART

ERIC FIRESTONE GALLERY (East Hampton, NY) – “Il gioco” (1960) di equilibri astratti dell’eclettica Miriam Schapiro, tra i pochissimi pezzi del secolo scorso esposti.

Miriam Schapiro, The game, 1960. ERIC FIRESTONE GALLERY

Miriam Schapiro, The game, 1960. ERIC FIRESTONE GALLERY

MARSO (Independent curatorial project, Mexico City) – L’impercettibile e silenziosa installazione-struttura-reticolo di Jong Oh (Mauritania, 1981).

Jong Oh, Wall drawing, 2017. MARSO

Jong Oh, Wall drawing, 2017. MARSO

NYEHAUS (NY) – “About women”, la camera dedicata alle illustrazioni squisitamente erotiche di John Altoon.

John Altoon da NYEHAUS

John Altoon da NYEHAUS

 


 

Cafè vista oceano

Cafè vista oceano

Stand vista oceano

Stand vista oceano

Terrazza vista oceano

Terrazza vista oceano

UNTITLED 2017

UNTITLED 2017

UNTITLED – https://untitledartfairs.com/miami-beach/

Informazioni pratiche – https://untitledartfairs.com/miami-beach/visit

Ocean Drive and 12th Street, South Beach, Miami

Dal 6 al 10 dicembre 2017

Autore

- Giornalista, ha studiato filosofia estetica e storia dell'arte presso l’Università degli Studi di Milano


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

Pandolfini
IL PONTE | 20 dic 17
Cambi
Brafa
Eberhard
modenantiquaria