Meeting Art
Stampa/PDF/Email

“Questioning Pictures”. Il lato nascosto dei musei in mostra alla Fondazione Prada

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

Antonio Canova, Palamede – “Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

Il lato nascosto dei musei si apre al pubblico alla Fondazione Prada di Milano -negli spazi dell’Osservatorio, in Galleria Vittorio Emanuele II- dal 9 novembre 2017 al 26 febbraio 2018 con la mostra “Questioning Pictures” di Stefano Graziani, a cura di Francesco Zanot.

In esposizione, su due diversi livelli, trentasei scatti commissionati dalla Fondazione al fotografo, che esplorano la fotografia come mezzo di narrazione, catalogazione ma anche interpretazione.

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

Adolf Loos, Villa Müller – “Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

Il materiale di partenza per la ricerca di Graziani proviene quasi interamente da un’istituzione -il Canadian Centre of Architecure– che possiede una delle più grandi collezioni al mondo in questo settore, stesso in cui Graziani -architetto oltre che fotografo- si è formato.

L’indagine sui sistemi di conservazione si espande a musei come il Sir John Soane’s Museum di Londra, il Kunstmuseum Basel, il Museum Insel Hombroich di Neuss, il Museo di Castelvecchio a Verona e la gipsoteca del Museo Canova a Possagno.

Se da una parte il lavoro svolto possa sembrare meramente documentaristico, in realtà è quanto di più lontano possibile da esso. Graziani infatti va oltre le regole imposte dai musei per la riproduzione dei materiali in collezione, le elude e crea un vero e proprio “anti-archivio”.

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

De Chirico, La Scuola dei Gladiatori – “Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

Luce disomogenea, prospettive non zenitali e oggetti disturbanti. Il fotografo ritrae il contenuto dei musei con l’occhio del visitatore, dell’osservatore nello spazio reale, senza però mai includerlo nell’opera.

L’assenza di cronologia e sequenzialità nel percorso espositivo lasciano allo spettatore la completa autonomia nella creazione del proprio percorso; a guidarlo il labirintico allestimento -messo a punto dallo studio belga OFFICE KGDVS- creato appositamente per accelerare la dinamica della fruizione delle opere.

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

“Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

Una moquette coloratissima e dei paraventi -sui quali sono posizionate le fotografie- conducono lo sguardo del visitatore, che si trova immerso in uno spazio “piranesiano e caleidoscopico”, in cui sono la curiosità e il movimento a condurre alla scoperta delle opere.

Il modello di un edificio di Aldo Rossi è collegato a un disegno di Gordon Matta-Clark, un album fotografico di fine Ottocento su Pompei è accostato a un plastico del Pantheon in mostra al Sir John Soane’s Museum di Londra, un gesso di Antonio Canova conservato a Possagno dialoga con le Tre Grazie di Lucas Cranach esposte al Kunstmuseum Basel e ancora una maquette di un progetto utopico di Cedric Price è associata a un prototipo di tavolo disegnato da Mies van der Rohe.

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

“Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

In questo progetto la fotografia funziona come strumento di unione, in grado di accostare e ricollocare opere lontane nello spazio e nel tempo. Allo stesso tempo scardina le regole della catalogazione e dell’archiviazione tradizionali per dare a queste opere d’arte una nuova vita, reinterpretata dall’occhio e dal pensiero del fotografo.

questioning pictures stefano graziani fondazione prada osservatorio mostra fotografia

Antonio Canova, Palamede – “Questioning Pictures: Stefano Graziani” – Fondazione Prada Osservatorio

Informazioni utili

“QUESTIONING PICTURES: STEFANO GRAZIANI” 

9 novembre 2017 – 26 febbraio 2018

Fondazione Prada Osservatorio

Galleria Vittorio Emanuele II, Milano

Orari:

lun / mar / merc / gio / ven, 14-20

sab / dom, 10-20

La biglietteria rimane aperta fino a un’ora prima della chiusura.

Aperto l’8 e il 26 dicembre 2017.

Il 24 e 31 dicembre 2017 aperto 10–17.

Chiuso il 25 dicembre 2017 e 1 gennaio 2018

Biglietti

INTERO – 10 €

RIDOTTO- 8 € (studenti fino ai 26 anni, possessori tessere FAI, accompagnatori visitatori con disabilità, gruppi dalle 15-25 persone)

GRATUITO (visitatori sotto i 18 e sopra i 65 anni, visitatori con disabilità, giornalisti accreditati o in possesso di tessera stampa in corso di validità)

L’acquisto del biglietto alla Fondazione Prada Osservatorio consente l’ingresso gratuito presso Fondazione Prada (Largo Isarco, 2) entro 7 giorni dalla sua emissione. L’ingresso omaggio può essere ritirato presentando il biglietto presso la biglietteria di Fondazione Prada.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

modenantiquaria
Cambi
Cambi Casa d'Aste
Maison Bibelot
Pandolfini
IL PONTE Ottobre 2017 Moderni
Wannenes
Eberhard