meeting art
Pubblicato il: mer 30 Ago 2017
Print Friendly and PDF

Ritorna Open 20 a Venezia

2017_open20_immagine-finale-01_thumb_large500_0

Dopo quattro anni di stop ritorna a Venezia OPEN Esposizione Internazionale di Sculture e Installazioni per la sua ventesima edizione. Da sculture, installazioni, happening e performance, opere di trentotto artisti, saranno esposte nelle due sedi l’Hotel Excelsior e l’Hilton Molino Stucky.

La mostra è ideata e curata da Paolo De Grandis, co-curata da Carlotta Scarpa è organizzata da PDG Arte Communications con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e della Regione Veneto.

OPEN ripercorre la sua storia attraverso alcuni dei nomi più significativi dell’arte contemporanea che hanno partecipato alle edizioni precedenti come Yoko Ono che presenterà in anteprima mondiale INVISIBLE PEOPLE un progetto dalla lunga elaborazione: una visione simbolica e metaforica del viaggio dei migranti, tra immaginazione e poesia per non dimenticare. Il ritorno all’Hotel Excelsior ed il ritorno di ORLAN con un’installazione site specific basata su Le Plan du Film, una serie importante concepita nel 2001 alla ricerca di quello che Jean-Luc Godard ha chiamato “l’inverso del cinema”: un’opera sulla creazione di un film all’inverso partendo dalla comunicazione e dalla pubblicità di un’opera cinematografica, unici aspetti, in questa geniale finzione, che rendono il film reale.

Non mancherà un omaggio a Pierre Restany co-cofondatore di “Open”, in particolare con l’opera Tolerance 2003 di Federica Marangoni. Nel corso della sua storia, “Open” ha ospitato oltre un migliaio di artisti da ogni parte del mondo, quest’anno saranno presenti opere di: Nutopia – Yoko Ono, Belgio – Phil Akashi, Francia – ORLAN, Germania – Günter Sponheuer, Giappone – Kengiro Azuma  Islanda- Cina – Inga Svala Thorsdottir e Wu Shanzhuan – Italia – Giancarlo Bozzani, Stefano Bressani, Nando Crippa, Gillo Dorfles, Marco Fioramanti, Laura Fiume, Salvatore Fiume, Ferruccio Gard, Resi Girardello, Alessandro Manfredini, Gaspare Manos, Federica Marangoni, Davide Medri, Gianfranco Meggiato, Lucio Micheletti, Luigi Ontani, Max Papeschi, Antonio Paradiso, Gabriele Polidori, Maurizio Radici, Reverie, Marco Nereo Rotelli, Giuseppe Verri, Nanda Vigo, Laura Zeni, Norvegia – Marianne Heske, Pakistan – Amin Gulgee, Perù – Ana Maria Reque, Polonia – Igor Mitoraj, Ucraina – Yana Rusnak, USA – Richard Humann

In occasione dell’inaugurazione alle 15.00 sarà presentata al Giardino Moresco Hotel Excelsior la performance della giovane artista Reverie che con PourOntani farà una dedica a occhi aperti al Maestro Luigi Ontani che non prevede alcun tipo di ri-citazione/recitazione, artificio o espediente. Si tratta di necessità e di vita: i tableaux-vivants, i lavori dal vivo e soprattutto la viva eco di “VivArte”. Mentre alle 19.30 all’Hilton Molino Stucky sarà presentata la performance Il relitto della sirena di Marco Fioramanti & Ana Rusiniuc. Mentre Richard Humann presenterà Ascension, con quest’opera l’artista sfrutta con grande maestria la tecnologia, coinvolgendo lo spettatore che potrà puntare lo smartphone o il tablet verso il cielo e godere delle meravigliose costellazioni con una realtà aumentata.

Sarà inoltre indetta l’ottava edizione del Premio Speciale Arte Laguna che sarà assegnato ad un giovane artista selezionato dalla giuria del Premio Arte Laguna. Tale premio offrirà al vincitore la possibilità di figurare tra i finalisti del Premio Arte Laguna 2018 ed esporre nell’ambito del circuito organizzato dalla stessa associazione.

HOTEL EXCELSIOR
Lungomare Guglielmo Marconi 41 Lido Venezia
HILTON MOLINO STUCKY
Giudecca 810, Venezia

5 (100%) 1 vote

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Cambi
Blindarte
Colasanti Casa dA'Aste
Arte Padova 2018
Maison Bibelot
WANNENES
Eberhard
Brafa
Il Ponte