meeting art
Pubblicato il: mar 04 Nov 2014
Print Friendly and PDF

In mostra a Torino, l’Autoritratto di Leonardo racconta la sua storia

Secondo la leggenda chiunque lo avesse guardato avrebbe ricevuto una grande forza. Un’opera dai poteri magici insomma. Se così fosse, ecco spiegata l’improvvisa sparizione dell’opera nel nulla durante il nazismo. Parliamo del celebre autoritratto di Leonardo, “Ritratto di un uomo anziano”, datato 1512 e attualmente esposto alla Biblioteca Reale di Torino in occasione della mostra “Leonardo e i tesori del Re” che ha inaugurato lo scorso 30 ottobre.

autoritratto-Leonardo

Leonardo, Ritratto di un uomo anziano

“Per evitare che Hitler lo prendesse, il ritratto fu segretamente trasportato a Roma” – ha affermato Giovanni Saccani, direttore della biblioteca. Nessuno sa esattamente dove era stato nascosto, ma quello che gli esperti sanno oggi è che sicuramente l’opera ha subì dei danni durante l’operazione: “Allora chi se ne occupò non aveva le conoscenze che abbiamo noi oggi” – ha spiegato Saccani.

Proprio a causa della sua fragilità, il disegno leonardesco è stato esposto pochissime volte in questi decenni. Motivo per cui la mostra torinese, visitabile fino al 15 gennaio, è una grande occasione per ammirare un capolavoro del Rinascimento.
Accanto all’autoritratto di Leonardo sono visibili altri 80 capolavori di grandi artisti dell’epoca, come Raffaello, Annibale Carracci, Rembrandt, Anthony van Dyck.

“Leonardo e i tesori del Re”

Biblioteca Reale di Torino
Piazza Castello, 191

Torino

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Maison Bibelot
Eberhard
Arte Padova 2018
Blindarte
Colasanti Casa dA'Aste
Il Ponte
WANNENES
Cambi
Brafa