meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 06 Nov 2019
Print Friendly and PDF

VIDEO. La fotografia come prolungamento della memoria: le Polaroid di Wim Wenders

“Le polaroid sono uniche, le produci una volta sola, e dentro c’è una verità che non puoi fottere, non puoi manipolare”.  La storia d’amore tra Wim Wenders e la Polaroid.

Wim Wenders (Düsseldorf, 1945) è regista, sceneggiatore e produttore cinematografico di fama mondiale. Altrettanto celebre è la sua passione per la fotografia, e in particolare per la macchina fotografica istantanea più diffusa di sempre. Wenders la utilizza moltissimo tra gli anni sessanta e ottanta, e la inserisce persino nel suo primo lungometraggio Alice nelle città del 1974, in cui la piccola protagonista porta sempre con sé una Polaroid Sx-70 (un modello non ancora in vendita che l’azienda mandò in anteprima al regista).

Posizionate l’una accanto all’altra, le sue fotografie assumono la forma di un’autobiografia, scattate casualmente on the road o  spesso impiegate come mezzo d’indagine per la preparazione dei suoi film. Nel 2017, il libro dal titolo Polaroid Stories ne raccoglie 36: foto che il regista ha scatto ad amici, attori, luoghi o impressioni di viaggio.

Nel video di Nowness, Wim Wenders racconta il suo rapporto con la Polaroid.

Wim Wenders, Self-portrait, 1975

 

Wim Wenders, Valley of the Gods, Utah, 1977

 

Una scena di “Alice nella città”, 1974

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Cambi Casa d'Aste
Lempertz | 7 dicembre
PANDOLFINI
Il Ponte
ARTCURIAL
Viscontea | 29 nov
Wannenes