meeting art istituzionale
Pubblicato il: sab 12 Ott 2019
Print Friendly and PDF

Poeta dei silenzi. Ci lascia il grande Ettore Spalletti, maestro assoluto del colore

Spalletti (Apollo)

Spalletti (Apollo)

Schivo, umile, solitario. Ettore Spalletti è morto lontano dai clamori, nella sua casa di Spoltore, in provincia di Pescara. Aveva 79 anni (era nato nel 1940 nella vicina Cappelle sul Tavo, sempre in provincia di Pescara). La sua poetica si ispirava a quella dei classici: Beato Angelico, Paolo Uccello, Raffaello. Ettore Spalletti è stato assoluto maestro del colore e della pratica concettuale, spesso definita meditativa poiché risultato di una tecnica originale, lenta ed estremamente metodica. Un processo lungo settimane, composto da decine di strati di impasto di colore i cui passaggi vengono lasciati asciugare e poi abrasi per fare emergere i pigmenti in tutta la loro tonalità e luce. Il risultato di questo accurato processo di finitura crea una sorta di “pelle” che protegge e allo stesso tempo connette l’opera con il visitatore diffondendo ombre di colore e di luce.

Vue d’exposition Ettore SpallettiOmbre d’azur, transparence Nouveau Musée National de Monaco – Villa Paloma Photo : Werner Hannappel, VG-Bildkunst Bonn 2019

Vue d’exposition Ettore SpallettiOmbre d’azur, transparence
Nouveau Musée National de Monaco – Villa Paloma
Photo : Werner Hannappel, VG-Bildkunst Bonn 2019

Di questo ultimo decennio la consacrazione assoluta mondiale, non solo da parte dei critici e dei curatori, ma persino come scrive Stefano Bucci sul Corriere: “di quel mercato da cui sembrava volersi tenere sempre distante, geloso della solitudine da cui erano scaturiti gli azzurri (e i rosa) infiniti, senza tempo, senza spazio che erano la sua cifra peculiare. Azzurri (e rosa) che profumavano di assoluto e che si ispiravano agli amati classici (amati quanto la poesia) Beato Angelico, Paolo Uccello, Raffaello.”

Vue d’exposition Ettore SpallettiOmbre d’azur, transparence Nouveau Musée National de Monaco – Villa Paloma Photo : Werner Hannappel, VG-Bildkunst Bonn 2019

Vue d’exposition Ettore SpallettiOmbre d’azur, transparence
Nouveau Musée National de Monaco – Villa Paloma
Photo : Werner Hannappel, VG-Bildkunst Bonn 2019

Le opere di Spalletti sono state presentate a Documenta di Kassel (1982, 1992), alla Biennale di Venezia (1982, 1993, 1995, 1997) e in mostre personali a Parigi (Musée d’art moderne de la Ville de Paris, 1991), New York (Osmosis, S. R. Guggenheim Museum, 1993, con Haim Steinbach), Anversa (Museum van Hedendaages Kunst, 1995), Strasburgo (Salle des fêtes, Musée d’art moderne et contemporain, 1998-99), Napoli (Museo nazionale di Capodimonte, 1999), Leeds (Henry Moore Foundation, 2005). Nel 2014 un circuito di musei formato dal Maxxi di Roma, dalla Gam di Torino e dal Museo Madre di Napoli, ha ospitato la più completa retrospettiva dell’opera dell’artista, “Un giorno così bianco, così bianco”.

Ettore Spalletti Angelo astuto, 2003
 StiftungSchlossDyck, Juchen, 2003 Ph: Jörg Hejkal


Ettore Spalletti
Angelo astuto, 2003

StiftungSchlossDyck, Juchen, 2003
Ph: Jörg Hejkal


5 (100%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Il Ponte
COLASANTI | 23 OTT
Bertolami | 19 nov
PANDOLFINI
Cambi Casa d'Aste
Aste Boetto
Wannenes