meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 01 Ott 2019
Print Friendly and PDF

Biaf 2019: i musei fanno shopping. Gli Uffizi comprano Daniele da Volterra

Madonna col Bambino, san Giovannino e santa Barbara di Daniele Da Volterra

Madonna col Bambino, san Giovannino e santa Barbara di Daniele Da Volterra

Quasi 30.000 presenze alla 31ma Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze. Grande soddisfazione tra i galleristi per le vendite a direttori di musei e collezionisti di tutto il mondo

“Un museo in vendita”, come lo ha definito il Segretario Generale Fabrizio Moretti, che, a Palazzo Corsini dal 21 al 29 settembre, ha affascinato, con oltre 5000 opere di altissima qualità e allestimenti eleganti e ricercati, collezionisti, curatori, direttori di musei nazionali e internazionali, giornalisti specializzati italiani ed esteri. Tra questi, Davide Gasparotto, Senior Curator del Getty Museum di Los Angeles, Jeremy Warren, curatore della Wallace Collection di Londra, lo storico dell’arte Philippe Costamagna, il direttore e i curatori della Frick Collection di New York, tra cui la curatrice Aimée Ng che si è detta “incredibilmente impressionata dalla qualità delle proposte”.

Tra i primi ad acquistare alla BIAF 2019 il Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt che ha scelto di portare nel museo fiorentino l’olio su tavola di Daniele da Volterra Madonna col Bambino, san Giovannino e santa Barbara del 1548 circa, capolavoro proposto da Mehringer – Benappi, a cui la BIAF ha consegnato il Premio Pierucci per la Pittura, che testimonia il dialogo creativo tra l’autore e Michelangelo, di cui si ritrovano le straordinarie innovazioni spaziali e compositive. Sono state avviate le procedure di acquisto per circa due milioni, secondo fonti vicine al museo.

Andranno agli Uffizi anche il Ritratto dello scultore Antoine Denis Chaudet realizzato dalla moglie Jeanne-Elisabeth Chaudet, acquistato da Orsini Arte Libri, che arricchirà la collezione di ritratti di artisti del museo fiorentino, e un busto marmoreo di Virgilio di Carlo Albacini del 1790, proposto dalla galleria Carlo Virgilio, copia del busto romano del secondo secolo d.C. esposto nei Musei Capitolini di Roma, a sua volta copia di un perduto originale greco del quarto secolo a.C.. Per queste due opere neoclassiche il valore di acquisto si aggira intorno ai 70/100.000 euro.

Interesse da parte di due musei nazionali per acquistare da Carlo Orsi il busto di Urbano VIII Barberini di Gian Lorenzo Bernini del valore di 10 milioni: Anna Coliva, direttrice della Galleria Borghese di Roma, che ha già lanciato un appello per un fundraising internazionale, e le Gallerie nazionali Barberini Corsini, presieduta da Flaminia Gennari Santori.

busto di Urbano VIII Barberini di Gian Lorenzo Bernini

busto di Urbano VIII Barberini di Gian Lorenzo Bernini

Proprio grazie ad un fundraising tra gli abitanti di Avenza, in provincia di Massa Carrara, il parroco potrà riportare a casa il trittico con San Pietro in Trono tra Sant’’Antonio Abate e Maria Maddalena del Maestro di Sant’Ivo, commissionato nel 1438 proprio per la chiesa del paese, grazie anche all’impegno della galleria Salamon & C. che lo ha proposto ad un prezzo di favore di soli 160.000 euro.

San Pietro in Trono tra Sant’Antonio Abate e Maria Maddalena del Maestro di Sant_Ivo

San Pietro in Trono tra Sant’Antonio Abate e Maria Maddalena del Maestro di Sant_Ivo

Molto soddisfatti tutti i 77 espositori presenti che hanno potuto registrare importanti vendite e aperto molteplici trattative con istituzioni pubbliche e private e collezionisti.

Fra le new entry i giovani titolari della galleria Caretto & Occhinegro, hanno dichiarato di aver venduto 8 delle 15 opere in mostra già durante le serate inaugurali anche a clienti internazionali con cui si relazionavano per la prima volta. Tra queste l’olio su tavola del 1614 circa Paesaggio Litoraneo con Torre Saracena di Roelandt Savery e Jacob Savery II e l’olio su rame La Famiglia di Dario ai piedi di Alessandro di Frans Francken II del 1620 circa.

Dickinson ha venduto una veduta veneziana con San Giorgio Maggiore dalla Giudecca di Francesco Guardi (Venezia, 1712-1793), olio su tela valutato oltre 1 milione di sterline.

San Giorgio Maggiore dalla Giudecca di Francesco Guardi

San Giorgio Maggiore dalla Giudecca di Francesco Guardi

Un collezionista privato appassionato di alta epoca e design ha acquistato da Robertaebasta una libreria a tre corpi in radica di Gio Ponti, esposta negli ultimi anni in diversi musei italiani e stranieri, che risale alla fine degli anni Venti, decorata con intarsi con figurazioni riferite ai quattro elementi – acqua, fuoco, aria, terra – e figure legate a quegli anni, come l’automobile, il whisky, la pompa per biciclette e il motoscafo.

libreria a tre corpi di Gio Ponti

libreria a tre corpi di Gio Ponti

Tra gli altri dipinti venduti, una Veduta di Firenze dal Ponte Vecchio, olio su tela di Giovanni Signorini (Firenze, 1808-1864) del 1846 da Paolo Antonacci; un’Allegoria della Pazienza, olio su tavola del 1552-1555 circa attribuito a Giorgio Vasari (Arezzo 1511 – Firenze 1574) e un olio su tela con Natura morta di fiori e frutta di Andrea Belvedere (Napoli, 1652-1732) da Frascione Arte; da Galleria Maurizio Nobile Paride una tela di Alessandro Rosi (Firenze 1627-1697), All’interno del bazar, olio su tela di Ippolito Caffi (Belluno, 1809 – Lissa, 1866), uno dei lavori più noti tra le opere orientaliste dell’artista, venduto da Antonacci Lapiccirella Fine Art che ha venduto anche La siesta, olio su tela del 1860 circa di Joseph Edouard Stevens (Bruxelles, 1816 –1892); un olio su tela con Arlecchino respinto dall’amante di Giovan Domenico Ferretti (Firenze, 1692-1768) del 1746-1750 circa proposto da Enrico Frascione; Apollo e le muse, olio su tela di Antiveduto Gramatica (Roma, 1570-1626 circa) e Blind Love: A Man Playing Draughts with a Courtesan, olio su pannello di Angelo Caroselli (Roma, 1585-1653) da Robilant+Voena.

Ippolito Caffi

Ippolito Caffi

Blind Love A Man Playing Draughts wit a Courtesan di Angelo Caroselli

Blind Love A Man Playing Draughts wit a Courtesan di Angelo Caroselli

Evidente presenza dei Musei italiani ed esteri è segnalata anche da Cantore Galleria Antiquaria in particolare comunicano un forte interesse da parte di un importante museo italiano per un olio su tela di Agostino Carracci (1557- 1602) “Ritratto di Olimpia Luna”.

Per le sculture due rare teste di gargoyle vendute da Nicholas Hall; due sculture in bronzo da Galleria Berardi: Tigre che attacca un elefante di Iginio Montini (Cividale del Friuli, 1874 – Firenze, 1954) e Dopo la posa o Fanciulla che si pettina realizzata nel 1887 da Paolo Troubetzkoy (Intra, 1866 – Suna, 1938) acquistata da un importante museo straniero; due busti in marmo di Carrara degli antichi filosofi Eraclito e Democrito di Antonio Gai (Venezia, 1686-1769), raffigurati, secondo la consolidata tradizione iconografica e letteraria, l’uno piangente e l’altro ridente di fronte alla vanità della condizione umana, e un rilievo con elefante indiano in marmo bianco scolpito in nord Italia nel sedicesimo secolo, proposti da Gallo Fine Art. Da Copetti Antiquari è stato acquistato il bozzetto per il cancello interno delle Fosse Ardeatine realizzato nel 1949 da Mirko Basaldella (Udine 1910 – Cambridge 1969). Tra i disegni proposti da Romano Fine Art, Santa Lucia realizzato nel 1835 con matita, china grigia e acquerellature grigie su carta liscia da Giacinto Gigante (Napoli, 1806-1876). Per il contemporaneo, Tornabuoni Arte ha suscitato molto interesse Superficie 607, un’opera in sughero su faesite laminato in oro del 1967 di Giuseppe Capogrossi (Roma, 1900-1972).

 

www.biaf.it

1.5 (30%) 8 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

PANDOLFINI
Aste Boetto
COLASANTI | 23 OTT
Wannenes
Cambi Casa d'Aste
Il Ponte
Bertolami | 19 nov