meeting art istituzionale
Pubblicato il: gio 11 Lug 2019
Print Friendly and PDF

La Gran Bretagna fa Brexit? E David Zwirner apre la sua sesta galleria a Parigi

Parigi prossima tappa per David Zwirner

Parigi prossima tappa per David Zwirner

“La mia galleria di Londra sarà una galleria britannica, non più europea”. E così Zwirner a ottobre aprirà nello spazio di 900 metri quadrati al Marais, sede per tre decenni del grande Yvon Lambert

Niente vacanze. È un’estate di grandi movimenti per le più importanti galleria d’arte del mondo: da Gagosian, che il mese scorso ha annunciato di voler aprire la sua sede numero 17 (diciassette!) a Basilea, ad Hauser & Wirth, con un grande centro d’arte a Minorca, in Spagna. A completare il “trio delle meraviglie”, poteva restare a guardare David Zwirner? No, e infatti ecco la notizia che l’altro network globale aprirà la sua sesta galleria a Parigi in ottobre, in coincidenza con la fiera d’arte FIAC. Le ragioni? “Brexit cambia i giochi. Dopo ottobre, la mia galleria di Londra sarà una galleria britannica, non più europea“, pare abbia rivelato lo stesso gallerista al Financial Times.

David Zwirner

David Zwirner

Attualmente Zwirner ha filiali a Londra, Hong Kong e New York, dove ha spazi in West 19th Street, West 20th e East 69th. Nella capitale francese Zwirner si accaserà nello spazio di 900 metri quadrati al Marais, sede per tre decenni del grande Yvon Lambert, in pensione dal 2015. Per l’apertura dello spazio di Parigi già prevista una personale di uno dei veterani della scuderia Zwirner, l’artista Raymond Pettibon.

https://www.davidzwirner.com/

Valuta

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett
Colasanti
Il Ponte
WopArt 2019
Wannenes