meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 01 Lug 2019
Print Friendly and PDF

Fotografa e bambinaia: la storia di Vivian Maier attraverso i suoi ritratti, a Trieste

Vivian Maier, The Self-portrait and its Double_Magazzino delle Idee, Trieste, mostra realizzata da ERPAC Untitled, Chicago, IL, 1974_Paper size: 11x14 inches ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Vivian Maier, Untitled, Chicago, IL, 1974_Paper size: 11×14 inches
©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double racconta la fotografa-bambinaia per molti anni trascurata. 70 autoritratti testimoniano la sua volontà di comprendersi e manifestarsi. A Trieste dal 20 luglio al 22 settembre 2019.

Una vita straordinaria coltivata nell’ordinario. 40 vissuti come bambinaia, prima a New York e a Chicago poi; un’esistenza infiammata dalla passione per la fotografia, condensata in oltre 150.000 negativi. Due percorsi quasi paralleli, ma condotti con naturale e intimo impegno. Vivian Maier (1926-2009) è un personaggio vissuto e scomparso nell’ombra, la cui opera riscoperta nel 2007 sta però contribuendo a delineare la sua interessante figura. Un corpus vastissimo di scatti, realizzato con una precisa idea di fondo: scoprire sé stessa. La sua esistenza condotta per molto tempo nelle sale di case di fondo a lei estranee, si apriva invece quando fuori di li, per strada, sentiva il richiamo di un palpitare vivo e attraente. Era un pò come rinascere un pò ogni volta, come ritrovarsi catapultati in un flusso energetico incomprensibile e ingestibile. La macchina fotografica si presentava dunque come intermediario, come chiave per riscoprire un posto nel mondo.

Vivian Maier, The Self-portrait and its Double_Magazzino delle Idee, Trieste, mostra realizzata da ERPAC 1955_Image size: 12×12 inch (30,48 x 30,48 cm)_Paper size: 20×16 inch (50,8 x 40,64 cm) ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Vivian Maier, Image size: 12×12 inch (30,48 x 30,48 cm)_Paper size: 20×16 inch (50,8 x 40,64 cm) ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Per questa ragione molto spesso l’obbiettivo è puntato direttamente su di lei. Il suo riflesso in uno specchio, la sua ombra che si estende a terra, il contorno della sua figura: come in un lungo gioco a nascondino ogni autoritratto di Vivian Maier è un’affermazione della sua presenza in quel particolare luogo, in quel particolare momento. Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double, a cura di Anne Morin, raccoglie allora 70 autoritratti, di cui 59 in bianco e nero e 11 a colori, questi ultimi mai esposti prima d’ora sul territorio italiano. L’esposizione si concentra proprio sul periodo in cui la Maier passava le giornate come un’anonima bambinaia con l’hobby della fotografia, senza sapere che grazie ai suoi scatti sarebbe entrata un giorno nella storia dell’arte. L’interesse di Vivian Maier per l’autoritratto si configurava perciò come una disperata ricerca della sua identità. Ridotta all’invisibilità, ad una sorta di inesistenza a causa dello status sociale, si mise a produrre prove inconfutabili della sua presenza in un mondo che sembrava non avere un posto per lei.

Vivian Maier, Image size: 12x12 inch (30,48 x 30,48 cm) Paper size: 20x16 inch (50,8 x 40,64 cm)

Vivian Maier, Image size: 12×12 inch (30,48 x 30,48 cm) Paper size: 20×16 inch (50,8 x 40,64 cm)

L’esposizione, ospitata dal 20 luglio al 22 settembre 2019 al Magazzino delle Idee di Trieste, ripercorre l’incredibile produzione di una fotografa che per tutta la vita non si è mai considerata tale con l’intenzione di rendere omaggio a questa straordinaria artista, capace non solo di appropriarsi del linguaggio visivo della sua epoca, ma di farlo con uno sguardo sottile e un punto di vista acuto.

Vivian Maier, Self-portrait on a beach in New York's Staten Island, 1954_ Image size: 12x12 inch (30,48 x 30,48 cm) Paper size: 20x16 inch (50,8 x 40,64 cm) ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Vivian Maier, Self-portrait on a beach in New York’s Staten Island, 1954_ Image size: 12×12 inch (30,48 x 30,48 cm) Paper size: 20×16 inch (50,8 x 40,64 cm) ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Artcurial
Bertolami | 10 sett
WopArt 2019
Wannenes
Cambi |istituzionale
Il Ponte