meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 24 Mag 2019
Print Friendly and PDF

L’asta futurista di Bertolami Fine Art. Guida il catalogo la sala da pranzo di Gerardo Dottori

455 lotti di cui 167 compongono una sezione dedicata al Futurismo: sono questi i numeri dell’asta di arte moderna e contemporanea che sarà battuta da Bertolami Fine Art il 29 maggio nella sede romana di Palazzo Caetani Lovatelli.  L’importante collezione di opere futuriste realizzate tra il 1914 e la fine degli anni ’30 è il tratto distintivo dell’asta, il cui interesse è accentuato dalla presenza di un incredibile arredo firmato da Gerardo Dottori.

NELLA SEZIONE FUTURISTA DELL’ASTA:
• UN INCREDIBILE ARREDO FIRMATO DOTTORI
• UN’IMPORTANTE COLLEZIONE DI DIPINTI CHE PERCORRE IL MOVIMENTO DAL 1914 AGLI ANNI ‘30
• UNA RARA RACCOLTA DI FOTOGRAFIE TEATRALI


Gerardo Dottori
Arredo futurista primi anni ‘30
Lotto 347 – Stima € 350.000/450.000

È firmata dal pittore futurista Gerardo Dottori la sala da pranzo che Bertolami Fine Art metterà all’incanto il prossimo 29 maggio. Dottori la progettò all’inizio degli anni ‘30 su richiesta di uno dei suoi principali collezionisti, un avvocato appassionato d’arte che dal 1915 al 1960 fu metodico acquirente e committente dei suoi dipinti. Sedotto dalla vitalità della moderna arte futurista, il committente chiese a Dottori di trasferirne i colori e il dinamismo nello spazio destinato a riunire ogni giorno attorno al tavolo da pranzo una truppa familiare composta da otto fratellini e una mamma e un papà sempre disponibili ad aggiungere un coperto per l’ospite di turno. Per questo si rese necessario realizzare un arredo in grado di far mangiare comodamente sino a dodici persone per volta.


Per l’esecuzione dei mobili, costruiti direttamente in casa sotto la direzione di Dottori, ci si rivolse ai migliori artigiani su piazza. Nessun dettaglio fu lasciato al caso: i piedini di vetro su cui poggiano i due grandi buffet furono fatti eseguire a Murano, i colori stesi da provetti falegnami con uno speciale procedimento che lascia trasparire le venature del legno, disegno futurista persino per le chiavi degli sportelli, tutte conservate. Il prezioso arredo è stato trasmesso per via ereditaria all’interno della famiglia del committente giungendo sino a noi miracolosamente intatto e completo di ogni suo elemento: buffet, controbuffet, tavolo quadrato allungabile con dodici sedie, due tavolini da appoggio, due espositori a forma di scaletta, quattro appliques, un lampadario centrale, due cabaret.

Antonio Sant’Elia
Progetto per un edificio monumentale, prova n.3, 1914
Inchiostro nero e seppia, matita e acquerello su carta, 29 x 20 cm
Iscrizione in basso a destra: Prova n.3, Milano
Lotto 226 – Stima € 40.000 – 50.000

Una vita spezzata dalla guerra a28 anni, nel 1916. Dei numerosi progetti due soli realizzati e la visione fantastica e profetica dellaCittà del Futuro raccontata da una raccolta di disegni che hanno lasciato il segno nella storia dell’architettura moderna. Antonio Sant’Elia, l’autore del Manifesto dell’Architettura Futurista, nell’arco di una carriera brevissima è riuscito a raccogliere un lascito di lunga gittata. Per questo la comparsa sul mercato di un suo progetto del 1914 va accolta con l’attenzione dovuta a un evento di primaria rilevanza culturale .

Enrico Prampolini
Donna + ambiente, 1915
Olio su tavola, 70 x 36 cm
Firma in basso a sinistra: E.Prampolini
Stima: € 35.000 – 50.000

Un raro olio su tavola realizzato nel 1915, la prima fase del Futurismo. Lo firma, a ventuno anni, uno degli elementi di spicco del movimento, Enrico Prampolini.

Giacomo Balla
Torino, 1871 – Roma, 1958
Linee andamentali, 1914
Tempera su cartoncino, 11,5 x 19 cm
Firma e luogo sul retro: Balla Futurista – Via Porpora 2
Lotto 219 – Stima: € 35.000 – 45.000

Proviene da Casa Balla ed è inventariata con il numero 1162 la piccola tempera del 1914 con una vivace rappresentazione di Linee andamentali, gli studi sulle dinamiche del movimento centrali nella ricerca di Balla Futurista.

Pippo Rizzo
Corleone, 1897 – Palermo, 1964
Tramonto siciliano, 1921
Oilo su tela, 100 x 55 cm; cornice d’epoca
Firma e data in basso a sinistra: Pippo Rizzo 921
Lotto 213 – Stima: € 32.000 – 40.000

Un’opera realizzata da Pippo Rizzo nel 1921, data nodale nella biografia del pittore destinato a diventare uno dei capofila del Futurismo siciliano. In quell’anno, conclusivo del suo triennio di permanenza a Roma, tiene la sua prima personale e consolida i rapporti con Filippo Marinetti, con cui si terrà sempre in stretto contatto.

TATO (Guglielmo Sansoni)
Bologna, 1896 – Roma, 1974
Paesaggio in velocità – Scivolamento d’ala, 1930
Olio su tela, 38 x 43 cm
Firma in alto a sinistra: Tato
Lotto 302 – Stima: € 23.000 – 35.000

TATO (Guglielmo Sansoni)
Bologna, 1896 – Roma, 1974
Il Decollo. Aeropittura, 1938
Olio su tela, 40 x 60 cm
Firma in basso a sinistra: Tato
Lotto 296 – Stima: € 20.000 – 30.000

Nel catalogo dell’asta di Bertolami Fine Art sono ben sette le aeropitture firmate da TATO, uno dei più noti interpreti di questa tendenza del secondo futurismo. Tutti i lavori sono stati realizzati nel decennio 1928-1938, ad eccezione di uno che porta la data del 1949. Le stime oscillano tra i 10.000 e i 35.000 euro. Di particolare rilievo i due olii su tela: Paesaggio in velocità – Scivolamento d’ala, 1930e Il Decollo. Aeropittura, 1938

Ivo Pannaggi
Il Lavoro, 1925
Olio su cartone, 41×33 cm
Lotto 276 – Stima 10.000/15.000

Architetto, scenografo, grafico pubblicitario, pittore, l’eclettico Ivo Pannaggi celebra il lavoro in un’opera che è uno dei capolavori della sua ricerca pittorica. Un’opera, tra l’altro, rivelatrice di quella contiguità, sia stilistica che ideologica, alle avanguardie comuniste sovietiche che determinò, all’inizio degli anni ’30 il suo avvicinamento all’esperienza del Bauhaus, frequentato dopo essersi trasferito in Germania.

Anton Giulio Bragaglia
Fotografie di scena teatrale, 1929
Lotti dal 247 al 257 – Stima di ciascuna foto € 1200/1500

Rare e bellissime le fotografie di scenografie teatrali realizzate alla fine degli anni ’20 da Anton Giulio Bragaglia e Virgilio Marchi. Di particolare interesse la serie realizzata da Anton Giulio Bragaglia, regista cinematografico e teatrale, che, con il fratello Arturo, inventa il Fotodinamismo futurista.

BFA ASTA 63
ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

29 maggio 2019 ore 15,30

Esposizione:
24 maggio 2019 ore 18.00-21.00
25-28 maggio ore 10.30-14.00 / 15.00-19.00

Palazzo CaetaniLovatelli
Piazza Lovatelli, 1 – Roma

Info:
Tel. +39 06 32609795 – 06 3218464
e-mail: info@bertolamifinearts.com
www.bertolamifinearts.com

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Artcurial
WopArt 2019
Bertolami | 19 ott
Il Ponte
BIAF | 29 sett
Wannenes
Wopart | Catalogo online
Cambi |istituzionale