meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 21 Mag 2019
Print Friendly and PDF

Vincent van Love, dal web il graphic novel che racconta gioie e dolori di Vincent van Gogh

Vincent van Love, dal web il graphic novel di Ernesto Anderle che racconta gioie e dolori di Vincent van Gogh

Vincent van Love nasce quasi per gioco. Ernesto Anderle, scultore, pittore e illustratore, ha iniziato a disegnare le vignette di un webcomics su Facebook e Instagram ispirandosi alle lettere di Van Gogh all’amato fratello Theo. Vuoi per l’amore del pubblico verso il pittore olandese (libri, film e mostre non sono mai abbastanza), vuoi per le illustrazioni di Anderle, dal tratto accattivante e immediato, la pagina Facebook di Vincent van Love ha raggiunto in poco tempo 50.000 followers.

Ora Vincent van Love è diventato anche un libro (edizioni Becco Giallo), per tutti i fan di uno dei pittori più amati al mondo e per gli appassionati di graphic novel, che indaga attraverso un racconto riccamente illustrato gli slanci creativi di Van Gogh, le sue aspirazioni e le sue frustrazioni, il suo amore per la natura e il suo senso di estrema solitudine e smarrimento, la sua arte, mai capita fino in fondo.

«Penso spesso che la notte sia più viva e intensamente colorata del giorno»

Quella che Anderle ci restituisce attraverso i suoi disegni è una storia ricca di amore verso la vita, verso l’arte e la poesia della natura, manifestazione divina di un universo misterioso e, a volte, spaventoso, ma sempre grande ispirazione per la pittura e la creatività di Vincent.

Vincent Van Love Ernesto Anderle

Anderle illustra la storia del pittore olandese restituendo la complessità di un animo tormentato, sì, ma anche poetico, attaccato alla vita e incredibilmente sfaccettato. Lo fa con un tratto leggero e mutevole, che sa intelligentemente adattarsi ai toni del racconto. Nel volume si alternano illustrazioni al tratto di intensità drammatica, colorazioni digitali dai toni pastello e acquerelli monocromi di grande delicatezza.

Lo stile di Anderle rimane sempre personalissimo e riconoscibile, omaggia la pittura di Van Gogh senza tentare di imitarla (piuttosto, per gioco, omaggia anche Fragonard), ne trae ispirazione e forza visiva.

«Non è tanto il linguaggio del pittore che si deve sentire, quanto quello della natura»

Vincent van Love ripercorre la storia del pittore restituendone il carattere romantico, sempre pieno di stupore nei confronti della magnificenza e della vastità della natura, un sognatore diviso tra incubi e visioni di artistica pacificazione, spesso inerme di fronte alle miserie e alle sofferenza della vita umana.

P.s: togliete la sovracopertina per una sorpresa.

Vincent Van Love Ernesto Anderle

5 (100%) 5 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

WopArt 2019
Il Ponte
Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett
Wannenes