meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 10 Mag 2019
Print Friendly and PDF

Salone del Libro di Torino 2019: i titoli e gli stand che ci hanno incuriosito

Salone del Libro di Torino 2018

Salone del Libro di Torino 2018
Foto: Filippo Carugati

Ha inaugurato ieri uno dei più importanti eventi culturali d’Italia, dopo che l’anno scorso ha lasciato spazio al cugino milanese (Tempo di Libri). Il Salone Internazionale del Libro torna a Torino dal 9 al 13 maggio con un ricco programma di appuntamenti e di titoli freschi di stampa. Qui alcuni di quelli che ci hanno incuriosito.

Il Salone Internazionale del Libro inizia in metropolitana, quando segui diversi gruppi di studenti e soggetti che sai, quasi trasparisse la passione letteraria, starsi dirigendo verso il Lingotto. Allora finisci proprio sul treno dove alcuni di loro si preparano alla cinque giorni torinese ripescando le polemiche degli ultimi giorni, scegliendo saggiamente di metterle da parte per concentrarsi appieno sull’incalzante programma di incontri e approfondimenti che circondano la fiera dell’editoria più importante d’Italia. Già lo si sbircia sui giornali abbandonati sui seggiolini, sui cartelloni alle fermate; lo si immagina nella lista degli stand da non perdere, nelle dichiarazioni programmatiche del direttore Nicola Lagioia che ci introduce in un “luogo aperto e inclusivo in cui incontrarsi, discutere, stare insieme, fare esperienza, festeggiare”.

È con questo spirito che varchiamo allora la soglia del primo padiglione iniziando “Il Gioco del mondo“, tema di questa XXXII edizione. Età ibrida quella che viviamo, dove solo la sintesi delle varie discipline che compongono il nostro presente può venirci in supporto e delineare le strategie per un futuro sempre migliore. Questo gioco intende proprio muoversi trasversalmente: dal tema dell’immigrazione a quello dell’intelligenza artificiale, dalla democrazia all’emergenza climatica. Un giro che non esclude materia alcuna e non può neppure fare a meno di coinvolgere numerosi paesi dal momento che, come scrive Bolaño “Ogni centro metri, il mondo cambia”.

Nel suo piccolo anche il Salone, ogni dieci metri, cambia. Tre padiglioni, più di 30 sale dedicate a continui eventi, espositori che si sfiorano in un labirintico mercato di cultura. In questo dedalo tanto esaltante quanto inizialmente confuso, abbiamo selezionato alcuni dei nuovi titoli che le case editrici hanno deciso di proporre in questa chiacchieratissima edizione.

Salone Internazionale del Libro di Torino

Salone Internazionale del Libro di Torino

Voland

Sarà vero che gli amori migliori sono quelli mai compiuti? Forse. E cosa dire allora di quelli mai esistiti? A tal proposito si è sicuramente fatto un’opinione José Ovejero, spagnolo ma trapiantato a Bruxelles, di cui Voland propone un romanzo del 2013, arrivato finalmente in Italia dopo aver conquistato in patria uno dei premi letterari più importanti di Spagna: l’Alfaguara de Novela.

Accennavamo agli amori mai esistiti perchè Samuel, protagonista del romanzo, non ha idea di chi sia quella Clara di cui una misteriosa telefonata gli annuncia la morte. Proprio non riesce ad immaginare chi fosse, ma decide comunque di partecipare al suo funerale. No, nemmeno davanti ad amici e parenti riesce ad inquadrare la situazione, maturando lentamente di essere vittima di un equivoco. Ma ormai è troppo tardi, ormai ha iniziato a parlare, a raccontare della sua storia d’amore con Clara, di quella storia che non è mai esistita.

“Una storia d’amore non convenzionale, sorprendente, che nasce da un’impostura e dal potere e dalle possibilità del caso…”

Nutrimenti

Nata solo 10 giorni il crollo delle Torri Gemelle, Nutrimenti è una casa editrice specializzata in narrativa americana del XX secolo. Don Robertson è uno degli autori di punta, scrittore riesumato dopo una difficoltosa scalata verso la consacrazione. Il titolo presentato a Torino è Paradise Falls, primo romanzo di un ambizioso progetto, racconta gli istanti in cui la moralità e le tradizioni di un piccolo paese dell’Ohio vengono incrinate dall’arrivo di un ambizioso forestiero, Charley Wells.

Storia di intrighi e ribaltamenti che ruggiscono sul tiepido scorre di Arcadia, soffiando il vento di tempi confusi e mutevoli, di riassestamento valoriale. Il racconto vive dei suoi personaggi iconici e indimenticabili, continuamente tesi tra il legame con il passato e l’incessante desiderio di cambiare.

Adelphi 

Possibile che proprio non ne vada bene una? Il medico annuncia a Kurt O’Reilly che quel male che non perdona nessuno, con lui ha chiuso un occhio. I soldi, seppure investiti malamente, non fanno che crescere; anche il taxista a cui ha chiesto un passaggio per le vie di Londra sembra irremovibilmente intenzionato a offrirgli la corsa. Ogni svolta sembra rappresentare un’opportunità, un’occasione positiva. Gira tutto così bene che deve necessariamente celarsi un intrigo alle spalle di Kurt, questa eccessiva Benevolenza cosmica, titolo del romanzo d’esordio di Fabio Bacà, è il sintomo di una gigantesca macchinazione pronta a restituirgli ogni favore con gli interessi.

Il primo romanzo del giornalista Fabio Bacà è da poco uscito per Adelphi e rappresenta vento fresco per la casa editrice, specializzata come sempre nel pubblicare piccoli e grandi gioielli della letteratura del ‘900. Come i due volumi che siedono accanto a Benevolenza cosmica: Lezioni di letteratura di Nabokov e Il Tango di Borges. Soprattutto quest’ultimo è una novità assoluta, oltre che una perla unica: il testo è infatti il risultato di quattro conferenze tenute da Borges, dove il “pensiero triste che si balla”, il tango appunto, è la melodia sulla quale l’autore ricostruisce la sua infanzia e giovinezza a Buenos Aires.

Salone del Libro di Torino 2018, Stand Adelphi

Salone del Libro di Torino 2018, Stand Adelphi
Foto: Filippo Carugati

SUR

Fresco d’uscita, maggio 2019, per SUR un libro sui libri, dettato dalla passione e insignito del potere di generare passione in chi lo legge. Una sorte di benzina per la lettura, di ispirazione letteraria scritta da Alan Pauls, argentino di nascita ma cosmopolita per educazione letteraria. Trance. Autobiografia di un lettore raccoglie allora come in un glossario gli autori e testi che più hanno influenzato Pauls, da Proust, a Bolaño, allo strutturalismo. Un racconto appassionato sul vizio della lettura, analizzato nei perchè e nei come, almeno fin dove si può motivare la gratificazione che possiamo trarre da un libro. Tanto che il libro si apre così:

«Scopre molto presto che niente gli interessa più di leggere. Legge tutto quello che può, tutto quello che trova. Legge anche quello che non capisce»

Marcos y Marcos 

Sentiamo subito un certo profumo di Guida galattica per gli autostoppisti avvicinandoci allo stand di Marcos y Marcos e leggendo l’annuncio della presentazione a base di tequila e fantascienza che permetterà ai visitatori del Salone di entrare in contatto con la banda di pistoleros cosmici guidata da mister Quark. Un romanzo ironico capace di miscelare, come il capolavoro di Douglas Adams, l’elemento fantascientifico a quello grottesco in una storia avvincente e divertente.

Mister Quark è ricercato da tutte le polizie del pianeta: risse esplosive ad altissimo tasso alcolico, orge, spaccio di droga su larga scala e fughe demenziali, a volo radente e in barca a vela. Tutto cambia quando, rubando per sbaglio la valigetta di un professore di Berkeley e li vi trova alcuni scritti sulla meccanica quantistica e le lettere della figlia ninfonane Tina. Affascinato da questi due elementi tanto interessanti quanto distanti tra loro, il bandito partirà con la sua banda verso l’università americana.

Quale sarà lo svolgersi di questa trama allucinata-allucinatoria, è tutto un piacere del lettore…

5 (100%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
Wannenes
WopArt 2019
Il Ponte
Aste Boetto
Blindarte
Bertolami | 21 mag
Cambi |istituzionale
PANDOLFINI