meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 08 Mag 2019
Print Friendly and PDF

Asta di Design a Torino. Il debutto di Bolaffi

lotto 126 GIGLIO TARONE E SANDRO BIGLIANI Tavolo basso con portariviste per casa B. 1950 circa (stima 1.500-2.000 euro) Legno, vetro, ottone.  50 x 70 x 70 cm D. Alaimo, Mobili di architetti e progettisti torinesi 1945-1965, Deposito Culturale, Torino, 2018, p. 224.

lotto 126 GIGLIO TARONE E SANDRO BIGLIANI
Tavolo basso con portariviste per casa B. 1950 circa (stima 1.500-2.000 euro)
Legno, vetro, ottone.
50 x 70 x 70 cm
D. Alaimo, Mobili di architetti e progettisti torinesi 1945-1965, Deposito Culturale, Torino, 2018, p. 224.

Mercoledì 8 maggioalle ore 15, si tiene la prima vendita di Design firmata Aste Bolaffi.

Nel catalogo di oltre 360 lotti spiccano arredi del primo Dopoguerra appositamente disegnati per una prestigiosa dimora torinese dagli architetti Giglio Tarone e Sandro Bigliani, come il tavolo basso con portariviste (lotto 126, stima 1.500-2.000 euro) e la libreria del 1950 circa (lotto 127, stima 900-1.200 euro). Degli stessi anni sono un mobile a quattro ante e cassetto del grande designer Paolo Buffa (lotto 37, stima 2.000-2.500 euro), alcuni lavori di Osvaldo Borsani, tra cui il letto in ottone con formelle in fusione di Arnaldo Pomodoro (lotto 84, stima 2.000-2.500 euro), e due poltrone “849” per Cassina di Gianfranco Frattini (lotto 80, stima 1.500-2.000 euro).

lotto 84 OSVALDO BORSANI 1911-1985 Letto per Arredamenti Borsani 1958 circa (stima 2.000-2.500 euro) Ottone, formelle in fusione di Arnaldo Pomodoro.  130 x 175 x 210 cm

lotto 84 OSVALDO BORSANI 1911-1985
Letto per Arredamenti Borsani 1958 circa (stima 2.000-2.500 euro)
Ottone, formelle in fusione di Arnaldo Pomodoro.
130 x 175 x 210 cm

Tra i top lot dell’asta si segnalano l’importante tavolo da centro a sei cassetti, prod. FIP del 1929 di Giuseppe Pagano (lotto 10, stima 7.000-9.000 euro), la libreria componibile in legno e ottone degli anni Sessanta di Renato Angeli (lotto 233, stima 3.600-4.500 euro) e il tavolo Delfi in marmo di carrara ideato da Carlo Scarpa e Marcel Breuer per Simon Gavina del 1969 (lotto 237, stima 3.500-5.000 euro).

Nella ricca proposta di illuminazioni sono presenti lavori di Gino Sarfatti, come un set di tre lampade da terra modello 1073 del 1956 (lotto 177, stima 2.500-3.000 euro) e un nutrito gruppo di applique, tra cui modelli 232 per Arteluce disegnati nel 1961 (lotto 171, stima 1.000-1.500 euro), un grande lampadario in vetro di murano disegnato da Gio Ponti, per la prima volta in asta (lotto 46, stima 1.800-2.500 euro), un lampadario serie ‘Soffiati’ per Venini  1930 di Napoleone Martinuzzi (lotto 9, stima 2.000-2.500 euro), oltre a interessanti e rare illuminazioni di Oscar Torlasco. Arricchiscono il catalogo porcellane di Limoges di Hermès e iconici bauli da viaggio della prima metà del Novecento di Louis Vuitton e Aîné Edmond Goyard.

lotto 177 GINO SARFATTI 1912-1985 Tre lampade da terra ‘1073’ per Arteluce 1956 (stima 2.500-3.000 euro) Ghisa, acciaio cromato, alluminio.  Altezza 183, 198 e 207 cm

lotto 177 GINO SARFATTI 1912-1985
Tre lampade da terra ‘1073’ per Arteluce 1956 (stima 2.500-3.000 euro)
Ghisa, acciaio cromato, alluminio.
Altezza 183, 198 e 207 cm

DESIGN
ASTA – mercoledì 8 maggio 2019, ore 15
Spazio Bolaffi – Corso Verona 36E, Torino
www.astebolaffi.it

CATALOGO
www.astebolaffi.it/it/auction/904

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

WopArt 2019
Artcurial
Wannenes
Bertolami | 10 sett
Cambi |istituzionale
Il Ponte