meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 07 Mag 2019
Print Friendly and PDF

Dai coralli intagliati alle giade, dalle ceramiche ai bronzi. Arte cinese in asta da Il Ponte

SFOGLIA IL CATALOGO

L’appuntamento con il dipartimento di Arte Orientale nelle sale de Il Ponte a Milano torna il 21 maggio con una ricercata selezione di opere d’arte cinese.

Qualità e varietà sono alla base dell’accurata selezione effettuata dall’esperta di dipartimento Eleonora Mazzeo che, tenendo conto delle richieste del mercato collezionistico di riferimento, presenta un catalogo che spazia dai coralli intagliati alle giade, dalle statue lignee alle sculture in bronzo, dalle ceramiche agli oggetti decorativi.

Lotto 147 Coppia di importanti vasi con coperchio in porcellana bianca e blu, ciascuno con corpo ovoidale, collo leggermente svasato, decorati con quattro pannelli raffiguranti dame tra padiglioni e giardini, separati da tra loro da motivi a pendenti e decorativi, i coperchi a cupola decorati con oggetti preziosi e sormontati da pomolo . Cina, dinastia Qing, periodo Kangxi (1662-1722). Provenienza: Collezione privata. Sotheby's Londra, 21 marzo 2007, lotto 36. Collezione Alberto Bruni Tedeschi. Con Pietro Accorsi. (h. 80 cm.) Stima € 80.000-85.000

Lotto 147
Coppia di importanti vasi con coperchio in porcellana bianca e blu, ciascuno con corpo ovoidale, collo leggermente svasato, decorati con quattro pannelli raffiguranti dame tra padiglioni e giardini, separati da tra loro da motivi a pendenti e decorativi, i coperchi a cupola decorati con oggetti preziosi e sormontati da pomolo . Cina, dinastia Qing, periodo Kangxi (1662-1722).
Provenienza: Collezione privata.
Sotheby’s Londra, 21 marzo 2007, lotto 36.
Collezione Alberto Bruni Tedeschi.
Con Pietro Accorsi.
(h. 80 cm.)
Stima € 80.000-85.000

 

Tra i top lot una coppia di importanti vasi in porcellana bianca e blu, decorati con figure di dame tra padiglioni e giardini, risalenti alla dinastia Qing, periodo Kangxi (stima € 80.000-85.000), in linea con il gusto Barocco di moda in Europa nel XVII secolo. Chiamati anche “vasi del soldato” devono il soprannome alla leggenda per cui Augusto il Forte, re di Polonia dal 1697 al 1733, scambiò 600 dei suoi soldati per 150 vasi di porcellana cinese bianca e blu con questa forma. Un corallo scolpito con eleganti dame, strumenti musicali e rami in fiore (stima € 14.000-15.000); una statua in bronzo raffigurante Buddha (stima € 6.000-8.000) e una ricercata scultura in giada verde del XVIII secolo, finemente intagliata e decorata con emblemi buddhisti (stima € 6.000-8.000).

Lotto 167 Grande ramo in corallo scolpito con eleganti dami con strumenti musicali e rami in fiore, con base in legno. Cina, inizio secolo XX (h. 40 cm.; peso netto 1537 gr.) Stima € 14.000-15.000

Lotto 167
Grande ramo in corallo scolpito con eleganti dami con strumenti musicali e rami in fiore, con base in legno. Cina, inizio secolo XX
(h. 40 cm.; peso netto 1537 gr.)
Stima € 14.000-15.000

Lotto 130 Scultura in bronzo raffigurante Buddha seduto. Cina, dinastia Ming (1368-1644) (h. 43 cm) Stima € 6.000-8.000

Lotto 130
Scultura in bronzo raffigurante Buddha seduto.
Cina, dinastia Ming (1368-1644) (h. 43 cm)
Stima € 6.000-8.000

Lotto 146 Vaso lobato con due anse in giada verde spinacio scolpito e intagliato con i gli Otto Emblemi Buddhisti "bajixiang" contornati da motivi floreali. Cina, dinastia Qing, periodo Qianlong (1736-1795) Provenienza Alla base etichetta collezione Bulgari (h. 11 cm.) Stima € 6.000-8.000

Lotto 146
Vaso lobato con due anse in giada verde spinacio scolpito e intagliato con i gli Otto Emblemi Buddhisti “bajixiang” contornati da motivi floreali.
Cina, dinastia Qing, periodo Qianlong (1736-1795)
Provenienza
Alla base etichetta collezione Bulgari
(h. 11 cm.)
Stima € 6.000-8.000

Si segnalano, inoltre, sculture lignee (stima € 12.000-15.000 cad.) raffiguranti tre delle “quattro occupazioni”. Secondo i principi confuciani e legisti che guidarono l’antica Cina fino all’epoca delle dinastie Song e Ming, le professioni erano suddivise in quattro macro-categorie: “Shi” i funzionari dell’impero, “Nong” i contadini, “Gong” gli artigiani, e “Shang” i mercanti. Esempi tipici di ‘scultura didascalica’, ricorrenti all’interno di istituti scolastici ed università, le opere sono realizzate con un particolare tipo di legno conosciuto in estremo Oriente con il nome di “nanmu”, impiegato fin dall’epoca Ming (1368-1644) per l’architettura, la produzione di imbarcazioni e la realizzazione di sculture e oggetti d’arte.

Lotti 168, 169, 170
Tre sculture in legno “Nanmu” raffiguranti un mercante, un contadino e uno studioso.
Cina, fine secolo XIX – inizio secolo XX
Stima a scultura € 12.000-15.000

Lotti 168, 169, 170 Tre sculture in legno "Nanmu" raffiguranti un mercante, un contadino e uno studioso. Cina, fine secolo XIX - inizio secolo XX Stima a scultura € 12.000-15.000

Lotti 169

Lotti 168, 169, 170 Tre sculture in legno "Nanmu" raffiguranti un mercante, un contadino e uno studioso. Cina, fine secolo XIX - inizio secolo XX Stima a scultura € 12.000-15.000

Lotti 170

In catalogo anche una raffinata scatola in bronzo dorato (stima € 12.000-15.000), realizzata come regalo per cerimonie o commemorazioni dedicate all’imperatore con lo scopo di abbellire le stanze di Palazzo d’Estate. Al suo interno dodici monete con motivi di fiori di loto decorati a sbalzo e un’iscrizione beneaugurante in rilievo su entrambi i lati, in cinese mandarino e mancese.

Lotto 166 Raffinata scatola in bronzo dorato composta da due vassoi sovrapponibili all'interno dei quali sono inserite dodici monete di buon auspicio, il decoro eseguito a sbalzo rappresenta motivi di fiori di loto, sul coperchio iscrizione dedicata ad un padiglione del Palazzo d'Estate, Yuanmingyuan. Ciascuna moneta reca un'iscrizione benaugurante in rilievo, su entrambi i lati, in cinese mandarino e in mancese, i relativi coperchi sono decorati con simboli di buon augurio o carattere wan. La base con marchio apocrifo Qianlong Cina, secolo XIX (20,6x14x9 cm.) Stima € 12.000-15.000

Lotto 166
Raffinata scatola in bronzo dorato composta da due vassoi sovrapponibili all’interno dei quali sono inserite dodici monete di buon auspicio, il decoro eseguito a sbalzo rappresenta motivi di fiori di loto, sul coperchio iscrizione dedicata ad un padiglione del Palazzo d’Estate, Yuanmingyuan. Ciascuna moneta reca un’iscrizione benaugurante in rilievo, su entrambi i lati, in cinese mandarino e in mancese, i relativi coperchi sono decorati con simboli di buon augurio o carattere wan. La base con marchio apocrifo Qianlong
Cina, secolo XIX (20,6x14x9 cm.)
Stima € 12.000-15.000

 

Arte Cinese
Asta 21 maggio
Esposizione:
17, 18, 19 maggio 2019
(10/13 – 14.30/18.30)
Via Pontaccio 12, Milano
www.ponteonline.com

 

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

BIAF | 29 sett
Wannenes
Cambi |istituzionale
Artcurial
Bertolami | 19 ott