meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 23 Apr 2019
Print Friendly and PDF

Ettore Sottsass, genio del design italiano e globale. La mostra all’Institute of Contemporary Art Miami

Ettore Sottsass, Mobili grigi, 1970

Ettore Sottsass, Mobili grigi, 1970

In mostra fino al 6 ottobre una quarantina di oggetti di Sottsass, mobili e ceramiche del celebre architetto, oltre ad alcuni suoi disegni

Considerando il ruolo sempre più significativo del design nella vita di tutti i giorni, abbiamo pensato che fosse importante capire meglio il suo rapporto con l’arte contemporanea“, premette Gean Moreno, curator of programs dell’Institute of Contemporary Art Miami. E lo fa annunciando il lancio di una mostra biennale dedicata dall’importante centro d’arte della Florida all’esplorazione del design postbellico e contemporaneo. E qual è la figura scelta per dare il via a questa indagine? Quella di Ettore Sottsass, che su questo scenario si conferma come uno dei personaggi chiave negli sviluppi del design contemporaneo italiano e globale.

Ettore Sottsass, Mobili grigi, Elledue ded, Bicinque mardrobe, Ultrafragola mirror, Poltronova, 1970, Salone del Mobile, Milan, foto A. Fioravanti

Ettore Sottsass, Mobili grigi, Elledue ded, Bicinque mardrobe, Ultrafragola mirror, Poltronova, 1970, Salone del Mobile, Milan, foto A. Fioravanti

Inaugurata nei giorni scorsi, fino al 6 ottobre Ettore Sottsass e la fabbrica sociale – questo il titolo – mette in mostra una quarantina di oggetti, mobili e ceramiche del celebre architetto, oltre ad alcuni suoi disegni. Con un approccio focalizzato sulle modalità con cui il designer ha sempre cercato il dialogo con culture diverse, rimarcato dalla scelta dell’architetto messicano Frida Escobedo per progettare la mostra. Ne vedete qui qualche immagine…

Ettore Sottsass, Superbox, Cupboard, designed 1966

Ettore Sottsass, Superbox, Cupboard, designed 1966

https://www.icamiami.org/exhibition/ettore-sottsass/

Valuta

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Wannenes
Cambi |istituzionale
Il Ponte
Artcurial
Bertolami | 10 sett
WopArt 2019