Meeting Art
Pubblicato il: gio 18 Apr 2019
Print Friendly and PDF

Capolavori nel capolavoro: il ‘700 veneziano in mostra alla Biblioteca Antica del Convento del Santo

Michele Marieschi: Capriccio con marina e rovine classiche, olio su tela, cm 48,2 x 73,2

Michele Marieschi: Capriccio con marina e rovine classiche, olio su tela, cm 48,2 x 73,2

Nella splendida cornice della Biblioteca Antica del Convento del Santo a Venezia, 30 dipinti saranno in esposizione dal 15 giugno al 6 luglio 2019. ‘700 veneziano: una mostra unica in un luogo unico, curata da Fabrizio Magani.

“In questa mostra il visitatore troverà ancora viva la leggerezza dello spirito settecentesco, ma anche alcuni canoni fondamentali della figurazione: il tema del pittoresco, tra varietà e sorpresa; la galanteria come forma del piacere; la libertà delle idee e del sapere, con i suoi simboli ed anche con l’aria nuova e vivificante che circolava nella vita intellettuale più moderna; la fedeltà all’eredità classica e le sue avventure pagane; la verità dell’osservazione che porta gli occhi ad affondare nella natura e nel ritratto”

Parola di Fabrizio Magani, curatore della mostra ‘700 Veneziano, che si terrà dal 15 giugno al 6 luglio 2019 a Venezia. Breve lasso di tempo per un’esposizione che si distingue non solo per la qualità delle opere in esposizione, ma soprattutto per la sede eccezionale in cui è ospitata: un luogo tra i più affascinanti e segreti della Basilica di Sant’Antonio, la Biblioteca Antica del Convento del Santo.

Giuseppe Zais: Accampamento prima della battaglia, olio su tela, cm 69 x 95

Giuseppe Zais: Accampamento prima della battaglia, olio su tela, cm 69 x 95

Solitamente preclusa al pubblico, se non per ricerche preventivamente autorizzate, la Biblioteca rappresenta un ambiente storico ricco di antichi tesori bibliografici e artistici. L’Antoniana è una delle poche biblioteche francescane antiche che si è conservata quasi integra, fino ad oggi, sfuggendo a razzie e dispersioni.

‘700 veneziano proporrà una sequenza di 30 dipinti, appartenenti alla Collezione privata di Graziano Gallo, con alcune integrazioni da altre importanti collezioni private. Le opere, tutte di maestri veneti dell’ultimo secolo di vita della Serenissima Repubblica, saranno circondate dai 90.000 volumi e 828 manoscritti conservati nella struttura. Struttura che vede da poco conclusi i lavori di restauro che hanno interessato gli affreschi di Giovanni Antonio Pellegrini che nel 1702 ebbe l’incarico di impreziosire lo spettacolare Salone della biblioteca.

Francesco Fontebasso: Allegoria della musica, olio su tela, cm 35 x 43

Francesco Fontebasso: Allegoria della musica, olio su tela, cm 35 x 43

In mostra opere di Giuseppe Zais, Giambattista Piazzetta, Gaspare e Antonio Diziani, Rosalba Carriera, Jacopo Amigoni, Luca Carlevarijs, Francesco Zugno, Francesco Battaglioli, Michele Marieschi, Lorenzo Tiepolo, Maestro del Ridotto, Marco e Sebastiano Ricci, Francesco Guardi, Pietro Longhi, Francesco Zuccarelli, Giambattista Cimaroli, Francesco Fontebasso, Francesco Capella, Antonio Arrigoni, Giuseppe Bernardino Bison, Gian Domenico Tiepolo, Giambattista Pittoni.

5 (100%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

PANDOLFINI
Il Ponte
Maison Bibelot
Aste Boetto
Blindarte
Wannenes
WopArt 2019
Cambi |istituzionale
Bertolami Fine Arts