meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 02 Apr 2019
Print Friendly and PDF

15 milioni di dollari. Clamoroso record di KAWS all’asta Sotheby’s Hong Kong

KAWS, The Kaws Album, 2005

KAWS, The Kaws Album, 2005

Record con l’opera The Kaws Album (2005), una rilettura della copertina dei Beatles per l’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club (1967)

Di lui parlavamo alla fine di gennaio, notando come il mondo “ufficiale” dell’arte l’abbia sempre guardato un po’ di sottecchi, per le sue strette commistioni con il design industriale e per lo smaccato approccio commerciale della sua opera. Ma notando anche che a dispetto di questo lui crescesse esponenzialmente nella popolarità, e lo scorso novembre fosse riuscito a inanellare in una sola notte ben tre successivi record in asta, dagli 1,9 milioni di dollari da Phillips per Clean Slate (2014) ai 2,4 milioni da Christie’s con Chum (2012), fino ai 2,7 milioni – ancora da Phillips – per Untitled (Fatal Group), del 2004.
Ora KAWS – di lui si parla, al secolo Brian Donnelly, artista americano nato nel New Jersey – ha davvero stupito tutti, dopo che nell’ultima asta di Sotheby’s Hong Kong, un suo dipinto, proposto con una stima fra i 760.000 e il milione di dollari, è stato venduto per circa 14,7 milioni in dollari, polverizzando tutti i precedenti record. Si tratta dell’opera The Kaws Album (2005), una rilettura della copertina dei Beatles per l’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club (1967).

https://kawsone.com/

KAWS, The Kaws Album, 2005 (particolare)

Un particolare dell’opera record

3 (60%) 1 vote

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Il Ponte
WopArt 2019
Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett