meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 26 Mar 2019
Print Friendly and PDF

Fare riaffiorare la vita. Marcella Vanzo alla Fondazione Berengo di Venezia

Marcella Vanzo, Fondazione Berengo Venezia 2019

Storia, morte, ma soprattutto vita. Per la seconda edizione di RADICAL, progetto espositivo dedicato all’arte contemporanea, la Fondazione Berengo di Venezia ospiterà (fino al 13 aprile) i lavori di Marcella Vanzo, una ricerca sulle connessioni tra il presente e un passato particolarmente buio. TO WAKE UP THE LIVING, TO WAKE UP THE DEAD, a cura di Matteo Bergamini

Tra le stanze di Palazzo Franchetti, storico edificio vista Canal Grande, si alternano video, fotografie e installazioni dedicati al Sacrario di Redipuglia, uno dei più grandi monumenti funebri militari al mondo. Il cimitero sorge in provincia di Gorizia (Fogliano Redipuglia), uno degli gli ultimi baluardi italiani al di qua del confine, terra che durante la Grande Guerra è stata teatro di carneficine senza fine e di un numero troppo alto di morti. Sotto ai gradini della lunga scalinata riposano le salme di migliaia di soldati che incontrarono la morte nelle trincee. A distanza di tanti anni, Marcella Vanzo cerca di far rivivere questi ricordi con opere che celebrano la vita e rendono il giusto onore alla sua fine.

Marcella Vanzo, Fondazione Berengo Venezia 2019, Sente

Sente

L’infinita sequenza di nomi impressi sulle lapidi si ammassano sotto forma di fotografie abbandonate sui pavimenti della Fondazione. I visitatori sono invitati a “pescare” da questa sorta di fossa comune e a portare via con sé, facendo penetrare un po’ di morte nella vita -e viceversa-. Accanto a I Nomi ci sono i Sente, copie fotografiche della schiera senza fine di pietre marchiate da quel “PRESENTE” urlato dai compagni rimasti in vita quando all’appello veniva chiamato quello di loro che invece non ce l’aveva fatta. Un video ripercorre silenziosamente la conformazione architettonica del monumento (costruito per volere di Mussolini tra il ’35 e il ’39). Lapidi, armi, nomi intagliati nella pietra che sopravviveranno in eterno ai loro proprietari. Tutto scorre davanti agli occhi dello spettatore in una calma quasi spettrale, subito rotta dal fragore di un assolo metal di batteria, allegoria della carneficina che ha interrotto e distrutto senza preavviso centinaia di vite.

Marcella Vanzo, Fondazione Berengo 2019, I Nomi

I Nomi

Marcella Vanzo non si limita a proporre una mera riflessione sulla storia, ma si concentra sul tema della morte, della vita e della loro reciproca connessione, cercando di dare un senso la perdita attraverso il suo recupero.

Informazioni utili 

Marcella Vanzo. TO WAKE UP THE LIVING, TO WAKE UP THE DEAD     

A cura di Matteo Bergamini

Dal 9 marzo al 13 aprile 2019

Fondazione Berengo – Palazzo Cavalli Franchetti, San Marco, 2847, Venezia

Dal giovedì al sabato, 14.00 – 18.00

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Il Ponte
Wannenes
Bertolami | 10 sett
WopArt 2019
Cambi |istituzionale
Colasanti