meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 13 Mar 2019
Print Friendly and PDF

La Voix Liberèe. La Poesia Sonora satura gli spazi del Palais de Tokyo di Parigi

La Voix Liberèe - Poesie Sonore; Palais de Tokyo

*

La Voix Liberèe – Poesie Sonore. Non lontano dalla Torre Eiffel, il Palais de Tokyo – il più grande museo europeo d’arte contemporanea- si trasforma in un grande trasmettitore di Poesia Sonora. Dal 22 marzo al 12 maggio 2019.

Nel XX secolo, la poesia fonetica e poi sonora si sono sempre poste come un atto di emancipazione. Talvolta rischiando di abbandonare la semantica, le avanguardie ne hanno fatto la loro punta di diamante nella lotta contro i sistemi, le credenze ed i dogmi. Cosa è rimasto delle loro battaglie eroiche? Miti e leggende. Ma i tempi sono cambiati. Ed anche i combattimenti. Le utopie non hanno più lo stesso aspetto.

La Voix Liberèe; Palais de Tokyo

Arthur Pétronio
Cahier Verbophonique
1953-1954 (particolare)

In bene o in male, le nuove tecnologie hanno invaso lo spazio della lingua. In male, attraverso una razionalizzazione digitale delle parole e dei suoni. In bene, fornendo un linguaggio con un’infinità di fonti e strumenti. Dagli anni 50, è stato proprio il progresso tecnologico a permettere alla poesia fonetica di elevarsi a poesia sonora.

La Voix Liberèe; Palais de Tokyo

Isidore Isou
Des Lendemains qui chantent
1947 (particolare)

L’esibizione La Voix Liberèe – Poesie Sonore, curata da Eric Mangion e Patrizio Peterlini in collaborazione con la Fondazione Bonotto, offre –senza alcuna nostalgia- un viaggio tra le voci del passato e presente. La mostra fa immergere il visitatore direttamente e profondamente nell’opera di questi artisti che ancora usano le parole e i suoni come esercizio di libertà. La poesia continua a porre l’umanità nel cuore della vita e dell’arte. Come rimanere umani quando il mondo diventa multiplo? Come affermare la nostra singolarità?

La Voix Liberèe - Poesie Sonore ; Palais de Tokyo

La Voix Liberèe – Poesie Sonore

Nonostante l’eredità della Poesia Sonora degli albori, quella di Henri Chopin e Bernard Heidsieck, possa apparire talvolta obsoleta per i valori e le rivoluzioni che portava con sé, è comunque fondamentale per i giovani poeti del mondo. Alcuni autori infatti, come ad esempio Toth, proseguono le ricerche sulle possibilità espressive dell’apparato fonatorio iniziate dallo stesso Chopin, altri invece, come Piringer o Bergvall, coniugano la storica Poesia Sonora abbinandola a tecniche digitali, creando delle ibridazioni che trovano la loro specificità nell’utilizzo massiccio delle tecnologie. Attraverso il lavoro dei contemporanei e il continuo confronto con i loro predecessori, la mostra indaga quale potere ha ancora oggi di scuotere la Poesia Sonora, proponendo una riflessione su alcune forme estetiche ormai consolidate, i loro contenuti e il loro significato in relazione alla cultura di oggi, nei mass media e nella società della comunicazione.

La Voix Liberèe - Poesie Sonore ; Palais de Tokyo

La Voix Liberèe – Poesie Sonore

Frutto di una ricerca durata più di un anno, la mostra è stata concepita come un non esaustivo percorso attraverso la Poesia Sonora, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino agli sviluppi contemporanei. Intenzionalmente trans-storica e internazionale, rappresentando più di 30 Stati sparsi nei cinque continenti, per affermare la continuità delle pratiche e degli esperimenti, questo dispositivo è concepito come un punto di ascolto, un trasmettitore che crea una frequenza che si diffonde attraverso le mura del Palais de Tokyo.

La Voix Liberèe - Poesie Sonore; Palais de Tokyo

Palais de Tokyo – Parigi

Un’intera giornata di performance è stata organizzata al Palais de Tokyo il 27 aprile 2019 dalle 14:30 fino alle 20:00, con produzioni originali di alcuni dei poeti contemporanei più dinamici della scena internazionale: Tomomi Adachi (Giappone), Giovanni Fontana (Italia), Zuzana Husaròva (Slovacchia), Katalin Ladik (Ungheria), Violaine Lochu (Francia) e Joerg Piringer (Austria).

Informazioni utili:

La Voix Liberèe – Poesie Sonore

22 marzo – 12 maggio 2019

Palais de Tokyo| 13, avenue du Président Wilson 75116 Paris

www.palaisdetokyo.com

www.fondazionebonotto.org

La Voix Liberèe. La Poesia Sonora riempe gli spazi del Palais de Tokyo di Parigi

Valuta

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett
Il Ponte
WopArt 2019
Artcurial