meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 01 Mar 2019
Print Friendly and PDF

Caravaggio da 150 milioni di euro? Andrà all’asta in Francia la discussa Giuditta trovata in una soffitta

Giuditta che decapita Oloferne, l’opera attribuita a Caravaggio, Tolosa

Giuditta che decapita Oloferne, l’opera attribuita a Caravaggio, Tolosa

L’opera fu rinvenuta casualmente nel 2014 a Tolosa, e richiama il capolavoro di Caravaggio della Galleria Nazionale d’Arte Antica a Roma. Ma molti studiosi l’attribuiscono al copista Louis Finson

La vicenda è alquanto nota, almeno a chi segua anche sommariamente le cronache artistiche, perché se ne è parlato a più riprese e perché riguarda uno degli artisti da sempre più popolari, ovvero Caravaggio. Ricapitolando: nel 2014 una famiglia di Tolosa scopre casualmente un quadro nella soffitta di casa, che fin da subito per i tratti, i personaggi e il trattamento della luce richiama uno stile caravaggesco. Dopo averla analizzata, l’esperto parigino Eric Tarquin attribuisce la Giuditta che decapita Oloferne al Merisi, come seconda versione di uno dei capolavori di Caravaggio con lo stesso titolo, di proprietà della Galleria Nazionale d’Arte Antica a Roma. Ovvio e inevitabile l’avvio della corsa alle prese di posizione, con la studiosa Mina Gregori decisamente scettica sull’autenticità, affiancata da Tomaso Montanari, che riscontra una mediocrità compositiva che non corrisponde al linguaggio di Merisi. Più possibilisti, ma sempre cauti, studiosi come Philippe Daverio e Nicola Spinosa.

L'esperto Eric Turquin posa davanti alla "Giuditta e Oloferne"

L’esperto Eric Turquin posa davanti alla “Giuditta e Oloferne”

Nel 2016 l’opera viene esposta per la prima volta proprio in Italia, alla Pinacoteca di Brera, dove alcuni dipinti di Caravaggio vengono mostrati a confronto con quelli del caravaggista fiammingo Louis Finson, fra cui una sua copia della Giuditta del Merisi, appartenente alla Collezione Intesa Sanpaolo. E sono molti ad indicare proprio Finson come autore anche dell’opera scoperta a Tolosa, che tuttavia lo Stato francese riconosce come originale del maestro lombardo e classifica come “Trésor National”, sospendendone ogni procedura di vendita ed esportazione. Ma per tre anni. E si arriva all’attualità: trascorso infatti questo periodo, lo Stato ha rinunciato alla sua prelazione, ed il dipinto arriva sul mercato: il mercante francese Marc Labarbe ha appena annunciato che sarà battuto all’asta come Caravaggio il prossimo 27 giugno nella sua omonima casa d’aste di Tolosa, con una stratosferica stima di 150 milioni di euro.

PS Dopo la pubblicazione dell’articolo, riceviamo questa precisazione da parte dell’illustre mercante di disegni antichi Jean-Luc Baroni, che ringraziamo scusandoci con i lettori per l’imprecisione: “Lo stato francese aveva interdetto l’uscita del dipinto dal proprio territorio dichiarandolo “Trésor National”, che risulta essere l’unica procedura possibile per quello scopo. Secondo questa prassi, l’opera rimane sul territorio per 30 mesi, dopodiché lo stato rinuncia al diritto di prelazione e lo libera dal vincolo, oppure lo acquista. Detto ciò, si tratta di una misura tutelativa che consente allo stato di studiare il dipinto ed eventualmente di reperire i fondi per l’acquisto, ma che non è mai una conferma dell’attribuzione. Peraltro, sui “passaporti” (equivalenti al nostro attestato di libera circolazione) si legge una frase che dice che il passaporto non costituisce una conferma o approvazione dell’attribuzione

3.1 (61.67%) 12 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

WopArt 2019
Il Ponte
Colasanti
Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett