meeting art istituzionale
Pubblicato il: sab 16 Feb 2019
Print Friendly and PDF

Il Risorgimento dell’arte su carta. Il suo mercato cresce sempre di più

Paul Signac 1863 - 1935 PONT DES ARTS Signed P Signac and dated 1928 (lower left); dated 7 avril (lower left) Watercolor and black chalk on paper 10 3/4 by 18 in. 27.3 by 45.7 cm Executed on April 7, 1928.

*

Nella Grande Era tecnologica del web c’è una sorpresa in più; la carta non solo resiste, ma esiste.

E anche nel mondo dell’arte mai come adesso s’è ritagliata un ruolo importante. Non a caso quest’anno la fiera di Lugano WopArt, voluta e ideata da Paolo Manazza proprio per le opere d’arte affidate a un supporto cartaceo, si avvarrà della collaborazione con il gruppo Bolognafiera Spa, accrescendo i suoi orizzonti e il suo valore.

Nata nel 2016 con la partecipazione di 37 gallerie, era già arrivata nell’ultima edizione a contarne 94, a testimonianza dell’interesse sempre maggiore che circonda questo formato. Soprattutto è cresciuto moltissimo il mercato, e, come riporta il Corriere della Sera, «tutte le volte che Sotheby’s o Christie’s propongono le loro big auction, le grandi aste, fanno anche cataloghi specifici di work on paper». Il motivo è abbastanza semplice, e cioé che le opere su carta possono costare da 10 sino a 50 volte meno dell’opera realizzata nello stesso periodo da un grande autore su tela o su tavola.

Una sorta di democratizzazione che riguarda il grande collezionismo: «se un dipinto di Picasso costa parecchi milioni», spiega Paolo Manazza, «per una sua gouache il prezzo può aggirarsi intorno ai 500mila dollari». Eppure mantengono lo stesso fascino, come testimonia la Fiera di Lugano che non espone soltanto un vasto panorama di opere che comprende acqueforti, disegni, grafiche pregiate, stampe antiche e fotografie d’autore, ma anche un ventaglio di grandi artisti, da Salvador Dalì a Gustav Klimt, da Amedeo Modigliani ad Alighiero Boetti.

JOAN MIRÓ, FEMME, OISEAU, ÉTOILES , WATERCOLOR, PASTEL, PEN AND INK AND PENCIL ON PAPER, 1942

JOAN MIRÓ, FEMME, OISEAU, ÉTOILES , WATERCOLOR, PASTEL, PEN AND INK AND PENCIL ON PAPER, 1942

Che poi non è sempre detto che il prezzo sia basso. Le opere su carta possono essere disegni, oppure acquarelli, carboncini, tempera. Però, come per le opere su tela la tecnica in linea di massima più pregiata è la pittura a olio o acrilico, e in questo caso i lavori più importanti possono arrivare a rivaleggiare, quanto a prezzo, con quelle realizzate su tela. Certo, con la carta bisogna forse fare più attenzione al degrado, all’umidità e alla luce, e sono necessarie alcune semplici precauzioni: per conservare bene queste opere sarebbe consigliata una temperatura di 18 gradi e una umidità relativa del 55 per cento, cercando anche di evitarne bruschi sbalzi. Ovviamente, non bisogna porre le stampe sopra un calorifero o su un camino. E nemmeno esporle alla luce diretta della finestra: basta una normale tenda bianca a schermare gli ultravioletti. Certo, uno può chiedersi: visto che i giornali sono messi molto male – profezia di Clay Shirky, esperto di media e innovazione: «Il futuro dei quotidiani è una delle poche certezze, la maggior parte sparirà nel prossimo decennio» -, non c’è il fondato rischio che muoia anche la carta? Ecco. Il fatto è che potrebbe essere incredibilmente vero proprio il contrario. Potremmo essere davanti al Risorgimento della carta. Non alla sua morte.

Joseph Mallord William Turner, R.A. THE LAKE OF LUCERNE FROM BRUNNEN

Joseph Mallord William Turner, R.A.
THE LAKE OF LUCERNE FROM BRUNNEN

E’ cominciata in America, questa rinascita, quando gli editori di libri e i librai indipendenti hanno rimesso in moto tipografie e rialzato logore saracinesche, di fronte ai segni meno degli e-book venduti e a quelli più dei vecchi, cari libri. In Italia, pensate alla Fininvest: l’unica cosa che funziona bene nell’impero Berlusconi è la Mondadori libri di Marina, che sta cominciando a puntare il mirino pure in Inghilterra per espandersi. E questo Risorgimento alla fine riguarda anche le opere d’arte. Prese quelle precauzioni accennate prima, sappiate che la carta è destinata a restare nel tempo conservata bene molto più di una immagine tecnologica. E non lo dice uno che con la carta magari ci lavora. L’ha detto Vint Cerf, uno dei padri di internet, un guru del web che è Chief Internet Evangelist di Google: «Presi dall’entusiasmo della digitalizzazione convertiamo in digitale le nostre fotografie, pensando che così le faremo durare più a lungo, ma in realtà potrebbe venir fuori che ci sbagliamo. Il mio consiglio è: se ci sono delle foto a cui davvero tenete, create delle copie fisiche. Stampatele».

PABLO PICASSO, NU ASSIS ET TÊTE , PENCIL ON PAPER, 1969

PABLO PICASSO, NU ASSIS ET TÊTE , PENCIL ON PAPER, 1969

Nell’era del web, del sovraccarico informativo, la carta non è solo un’icona del passato da conservare come una reliquia, ma qualcosa di più, e molto di più, quasi una scelta del nostro futuro. Lo scrittore americano Mark Kurlansky in un libro intitolato semplicemente «Carta» scrive: «Nella Storia accade raramente che una nuova tencologia rimpiazzi complemante quella vecchia». Diciamo che non è mai accaduto. Ma che la storia insegna sempre, senza che nessuno la ascolti mai. Solo che rispetto al web, gli studi cominciati negli Anni 90, e commissionati pure dai grandi giganti del mondo digitale, sono giunti quasi tutti dalla stessa conclusione: «La lettura su carta garantisce una migliore e più profonda comprensione del testo, oltre che una migliore memorizzazione».

François-André Vincent PARIS 1746 - 1816 ARRIA AND PAETUS Pen and brown and black ink and brown wash over black and red chalk 415 by 505 mm

François-André Vincent
PARIS 1746 – 1816
ARRIA AND PAETUS
Pen and brown and black ink and brown wash over black and red chalk
415 by 505 mm

Il Newsweek, fondato nel 1933, venduto per un dollaro nel 2010 e sparito dalle edicole nel 2012, oggi è tornato. E vale molto più di quel dollaro che aveva marchiato sulla pelle il suo fallimento. E’ che forse ai tempi della rivoluzione digitale scopriremo che in fondo c’è posto per un mucchio di altre cose, in questa confusione ordinata che l’Arte ha appena cominciato a raccontare.

 

  • foto di apertura:
    Paul Signac (1863 – 1935)
    PONT DES ARTS
    Signed P Signac and dated 1928 (lower left); dated 7 avril (lower left)
    Watercolor and black chalk on paper
    10 3/4 by 18 in.
    27.3 by 45.7 cm
    Executed on April 7, 1928.
3.7 (73.33%) 9 votes

Autore

- Ho cominciato facendo qualche sceneggiatura di modesto successo, prima di essere assunto da una televisione privata, Rta, come cronista. Da lì sono passato a La Stampa. In pratica ci ho fatto una vita in questo giornale, ma se dovessi scegliere gli anni più belli da ricordare non avrei dubbi: quelli di Bologna quando ero solo un pischello che cercava il suo spazio. È che amo Bologna come si ama una mamma (lo cantava Guccini che Bologna è come una madre) e la sua gente come se fossero tutti miei fratelli. Ho succhiato il lavoro da Bologna, ho imparato ad aprirmi alla gente e ho appreso l’arte dell’ironia, sempre da Bologna. Poi il mio mestiere mi ha portato dappertutto, a Torino a Milano e anche in giro per il mondo. Ho visto qualche guerra, ho scritto qualche libro, ma la cronaca è la cosa che mi è rimasta più dentro. Racconta la vita che non è né bella nè brutta. Può essere terribile lo so. Ma è la nostra storia, quella di tutti i giorni, quella che guardi con i tuoi occhi. E che paghi con il tuo sangue. Bisogna conoscerla. Anche per andare da un’altra parte.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Wopart | Catalogo online
Artcurial
BIAF | 29 sett
Il Ponte
Bertolami | 19 ott
WopArt 2019
Cambi |istituzionale
Wannenes