meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 11 Feb 2019
Print Friendly and PDF

Eleonora Gugliotta, Matteo Binci, Edvige Cecconi Meloni. Giovani performer in dialogo con il Macro Asilo di Roma

Eleonora Gugliotta, Non si accettano caramelle dagli sconosciuti, Macro Asilo, Roma

Eleonora Gugliotta, Non si accettano caramelle dagli sconosciuti, Macro Asilo, Roma

Ancora Accademia di Brera di scena al museo romano, con lavori di giovani artisti che sono anche riflessioni sull’istituzione museale

Sovrapposizioni di calendario e orari sono considerate un fattore di arricchimento nel Macro Asilo guidato a Roma da Giorgio De Finis, e sono molti gli interventi che si svolgono quotidianamente. Nei giorni scorsi sono “andati in scena” due giovani provenienti dall’Accademia di Belle Arti di Brera e proposti all’interno delle attività di Escuela Moderna/Ateneo Libertario: non a caso, quindi, con lavori che sono anche riflessioni sull’istituzione museale.

Eleonora Gugliotta, Non si accettano caramelle dagli sconosciuti, Macro Asilo, Roma

Eleonora Gugliotta, Non si accettano caramelle dagli sconosciuti, Macro Asilo, Roma

Eleonora Gugliotta si adegua a una delle possibili – e frequenti – interpretazioni del Macro Asilo, come luogo destinato alla formazione e all’intrattenimento dei più piccoli. Con Non si accettano caramelle dagli sconosciuti – titolo di per sé già evocativo – nella sala dominata dalla grandi lavagne, produce delle piccole decorazioni e sculture con la gomma da masticare, applicate, proprio come a scuola, sul fondo della seduta della sedia: una scelta che obbliga, però, a capovolgere quest’ultima. Quello che tradizionalmente è un atto di incuria e di menefreghismo verso un bene pubblico, al limite del vandalismo, si trasforma in un delicato ricamo di forme colorate, da guardare, però, solo a patto di rinunciare alla funzione delle sedie. Capovolgendo il punto di osservazione si possono cogliere aspetti interessanti, quindi.

Matteo Binci, Dal fondo, desiderare, Macro Asilo, Roma

Matteo Binci ed ed Edvige Cecconi Meloni, Dal fondo, desiderare, Macro Asilo, Roma

L’operazione di Matteo Binci ed Edvige Cecconi Meloni, invece, interviene sull’edificio in quanto sede dell’istituzione museale. L’artista ha interrato nel basamento del museo una piccola lapide con l’iscrizione Dal fondo, desiderare, accompagnata da un chiodo. L’obiettivo è creare un reperto per l’archeologo del futuro: per analogia formale con le statuette bronzee dell’antica Mesopotamia, l’oggetto è da interpretare come garanzia delle corretta fondazione dell’edificio sacro, secondo i rituali previsti. Il museo, in questo caso come istituzione più che come edificio, ha fondamenta solide – suggerisce Binci – nel momento in cui si apre a una partecipazione plurale e tendenzialmente non selettiva. Fra i meriti del Macro Asilo, infatti, c’è l’aver aperto le porte dell’istituzione ad artisti che difficilmente avrebbero ricevuto ascolto da una direzione tradizionale, e certo non per la qualità della ricerca, ma per dinamiche proprie del sistema dell’arte.

Matteo Binci, Dal fondo, desiderare, Macro Asilo, Roma

Matteo Binci ed ed Edvige Cecconi Meloni, Dal fondo, desiderare, Macro Asilo, Roma

Francesca Gallo

5 (100%) 2 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
WopArt 2019
Il Ponte
Maison Bibelot
Aste Boetto
Blindarte
PANDOLFINI
Cambi |istituzionale
Bertolami | 21 mag