meeting art istituzionale
Pubblicato il: sab 02 Feb 2019
Print Friendly and PDF

ArteFiera 2019. Vince Fantom (e la fotografia). Dalle opere agli stand, 5 cose da non perdere

Viale e Zorio da Poggiali

Viale e Zorio da Poggiali

Comincia l’era Menegoi ad Artefiera (Bologna, fino a domenica 4 febbraio) con rosso proliferare di gettonatissime shopper a tracolla. Primo nuovo anno zero. Fiera più asciutta e pulita, meno gallerie, nuovo taglio curatoriale: massimo 3 artisti per gli stand piccoli, 6 per quelli più grandi, incentivo assoluto (e conseguente risposta entusiasta) per le proposte monografiche. Migliora il contemporaneo (sia per l’offerta, sia per il taglio degli stand, anche se il livello è sempre molto “locale”). Buono quanto ripetitivo il Novecento (troppi i pezzi già visti già in giro e pochi capolavori), mangiato (o incoronato, a seconda dei punti di vista) a fine padiglione dalla preziosa mostra dedicata alle collezioni istituzionali d’arte moderna e contemporanea di Bologna e regione. Bene la fotografia, che implementa e consolida l’offerta grazie al contributo di Fantom (aka Massimo Torrigiani, Silvia Barni, Francesco Zanot e Ilaria Speri). Un’isola felice (color azzurrino) nell’ala del contemporaneo. Cura, ricerca e dialogo reciproco con le 18 gallerie prescelte. Di sicuro, la migliore novità della fiera (Fotografia e immagini in movimento). Vendite? Ancora molto il lavoro da fare sui collezionisti (da rivedere l’invito per 5 buyer a galleria, inesistenti compratori dall’estero), buone le vendite da qualche decina di migliaia di euro, male i top lot. Una fiera nel complesso ancora stanca (morta) che sente ancora più oggi il bisogno di una violenta sterzata, perlomeno per ritrovarsi.

DA NON PERDERE

Fotografia e immagini in movimento, la “performance” di Fantom

Gordon Matta Clark da KMO

Gordon Matta Clark da KMO

Domingo Milella da Doppelgaenger

Domingo Milella da Doppelgaenger

Alessandra Spranzi da P420

Alessandra Spranzi da P420

Spunti di pittura contemporanea

Danica Lundy da Canepaneri

Danica Lundy da Canepaneri

Poli Maramotti da A+B

Nazzarena Poli Maramotti da A+B

Giovanni Frangi da Poggiali

Giovanni Frangi da Poggiali

Nicola Samorì da L'Ariete

Nicola Samorì da L’Ariete

Iva Lulashi da Prometeo

Iva Lulashi da Prometeo

Cabrera Montejo da Mazzoli

Cabrera Montejo da Mazzoli

Gli stand di Poggiali (da Frangi a Viale sui toni del bianco e nero), Vistamare (Spalletti celesti vista neri di Burri) e Verolino (da Vasarely a Ernst nel segno dell’arazzo)

Pignatelli e Viale da Poggiali

Pignatelli e Viale da Poggiali

Viale e Zorio da Poggiali

Viale e Zorio da Poggiali

Spalletti e Burri da Vistamare

Spalletti e Burri da Vistamare

Max Ernst da Verolino

Max Ernst da Verolino

Solo figura e sfondo, la mostra dedicata alle collezioni istituzionali d’arte moderna e contemporanea di Bologna e Emilia-Romagna (a cura di Davide Ferri)

De Pisis

De Pisis

Balla

Balla

Donghi, Fioroni, Licini, Mafai, Marca-Relli

Le Lavandaie di Donghi del 1922, da Russo

Le Lavandaie di Donghi del 1922, da Russo

Le cortigiana (da Carpaccio), 1966 di Giosetta Fioroni, da Spirale

Le cortigiana (da Carpaccio), 1966 di Giosetta Fioroni, da Spirale

Licini da Repetto

Licini da Repetto

Mafai da Campaiola

Mafai da Campaiola

Marca-Relli da Niccoli

ArteFiera 2019. Vince Fantom. Dalle opere agli stand, 5 cose da non perdere

4.9 (97.14%) 7 votes

Autore

- Giornalista, ha studiato filosofia estetica e storia dell'arte presso l’Università degli Studi di Milano


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Wannenes
Bertolami | 10 lug
PANDOLFINI
Il Ponte
WopArt 2019
Cambi |istituzionale