meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 25 Gen 2019
Print Friendly and PDF

Andy Warhol, tutto è lucida follia. La grande mostra in anteprima direttamente dalla Villa Reale di Monza

Villa Reale di Monza, Orangerie. Tutto è lucida follia. Finalmente è stata inaugurata la grande mostra dedicata al padre della Pop Art: Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta, dal 25 gennaio al 28 aprile 2019. L’esposizione, curata da Maurizio Vanni, presenta oltre 140 opere, dalle più iconiche rappresentazioni a quelle meno conosciute legate alla rivoluzione sessuale o al mondo della musica. Andy Warhol non ha bisogno di presentazioni, il suo modo di fare arte appartiene all’immaginario comune di quasi tre generazioni e segna uno spartiacque nella storia dell’arte, prima di Andy e dopo Andy. “Certamente Warhol era un artista che non si accontentava di ciò che veniva definito realtà, cercava una costante trasmutazione della materia […], la realtà veniva trasformata, fatta rinascere e virare verso qualcosa in cui tutti potevano riconoscersi”, afferma il curatore. Parallelamente, infatti, la rassegna permette di ripercorrere gli anni che segnarono la società dei consumi e l’evoluzione della cultura americana, materialista, effimera, chiassosa. Non un percorso cronologico ma tematico, cinque sezioni –Miti oltre il tempo; Amore per la musica, da producer a ideatore di cover; Personaggi celebri. A uso e consumo; Rivoluzione sessuale– che mettono in scena gli umori, i sogni e le inquietudini della New York anni Sessanta, con i suoi protagonisti, da Marilyn ai The Velvet Underground, e i suoi oggetti cult, come le lattine di zuppa Campbell o il detersivo Brillo. Banalmente etichettata come effimera e superficiale, l’arte di Andy Warhol è un vero e proprio studio antropologico, egli si fa sismografo della sua epoca, trasformando la realtà come un alchimista.

Dopo Monza le opere della mostra si trasferiranno per un’esposizione diffusa -dal 9 maggio al 24 novembre 2019- presso tre storici palazzi pugliesi, quali il Castello Normanno Svevo di Mesagne, Palazzo Tanzarella a Ostuni e Palazzo Ducale a Martina Franca.

Qui il racconto integrale della mostra. 

Le immagini in anteprima

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta | ArtsLife

 

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta | ArtsLife

 

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta | ArtsLife

 

Mick Jagger, 1975. Ten offset post card. Courtesy Marco Rettani, Swiss Collection | ArtsLife

 

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta | ArtsLife

 

Silver Coke Bottle, 1967. Scultura firmata Courtesy Mediolanum Bank | ArtsLife

 

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta | ArtsLife

 

Informazioni utili

Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta
dal 25 gennaio al 28 aprile 2019

Reggia di Monza, Orangerie
viale Brianza 1,
Monza

Orari:
martedì – venerdì, dalle 10.00 alle 19.00
sabato, domenica e festivi, dalle 10.00 alle 19.30
lunedì chiuso

 

Biglietti:
Intero: €10,00
Ridotto: €8,00 (over 65, ragazzi 7 – 18)
Ridotto convenzioni: €6,00
Gratuito: bambini fino a 6 anni; diversamente abili; giornalisti accreditati, Icom

Sito web ufficiale

Andy Warhol, tutto è lucida folla. La grande mostra in anteprima direttamente dalla Villa Reale di Monza

2 (40%) 2 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami | 10 sett
Il Ponte
Cambi |istituzionale
Colasanti
WopArt 2019
Wannenes