meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 12 Dic 2018
Print Friendly and PDF

Il Balletto del Teatro Astana Opera torna a Genova con Lo schiaccianoci

Lo schiaccianoci in scena al Teatro Carlo Felice di Genova dal 20 al 23 dicembre 2018

“Dietro ogni spettacolo c’è una logica di azione – ha detto il Sovrintendente Roi alla presentazione del balletto in programma al Carlo Felice – Abbiamo concentrato una fetta importante di programmazione in sintonia con le manifestazioni per il Natale in città” ed in effetti come poteva mancare all’appello un titolo come Lo schiaccianoci sotto le feste natalizie!

Per altro con questo titolo parte il ciclo Čajkovskij, realizzato con il sostegno di Crédit Agricole, al quale seguiranno Il lago dei cigni, l’11 gennaio 2019 e La bella addormentata il 31 gennaio 2019.
Ancora una volta ospiti sul palcoscenico genovese i bravissimi artisti del Balletto del Teatro Astana Opera che abbiamo recentemente ammirato all’interno dell’opera Abai e nella ripresa fedele di Notre Dame de Paris la scorsa stagione.

Lo Schiaccianoci, ricordiamo tutti, fu rappresentato per la prima volta il 5 dicembre 1892 al Teatro Mariinskij di S. Pietroburgo imponendosi da subito come uno dei balletti più amati di tutti i tempi. Merito della storia (tratta da un onirico racconto di E.T.A. Hoffmann), che approfitta dell’atmosfera favolistica tipica del Natale per raccontare le paure e i sogni dei bimbi, costellati di topi spaventosi e di fate tra i dolci, ma anche il passaggio dall’infanzia all’adolescenza per la piccola Clara che un Principe salvatore farà innamorare per la prima volta. Ma il successo del balletto è anche dovuto alle musiche colorate di timbri fatati e di una perfezione e una trasparenza mozartiane. Mai come in questa partitura, per molti aspetti neoclassica, Čajkovskij è stato così elegante e raffinato, e al tempo stesso immediato e popolare, trasformando la dolce favola in una riflessione filosofica sull’irragiungibilità della felicità perfetta.

Il Balletto del Teatro Astana Opera, sotto la direzione di Altynai Asylmuratova, come aveva già fatto con Spartacus, ripropone la versione del coreografo russo Yuri Grigorovich, recentemente festeggiato e celebrato in patria in occasione del suo novantesimo compleanno. Ad arricchire lo spettacolo le scenografie ad opera di Ezio Frigerio ed i costumi di Franca Squarciapino. La direzione dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice è affidata ad un artista di rilievo, Arman Urasgaliyev, che si alternerà con Abzal Mukhitdinov, mentre il Coro di Voci Bianche del Teatro Carlo Felice è diretto da Gino Tanasini.

Quest’anno per favorire la visione del trittico Čajkovskij, è stata formulata la Ballet Card a un importo particolarmente vantaggioso di 120 euro, per gli under 26 e le scuole di danza a 54 euro.

5 (100%) 1 vote

Autore

- Nata a Genova, assieme agli studi classici intraprende quelli della danza. Dopo la Laurea in Giurisprudenza, nel 2001 consegue il diploma in” Regia teatrale” presso l’Accademia Naz. Di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. É stata assistente alla regia di importanti registi teatrali tra cui Gabriele Lavia e Mario Missiroli. Iscritta all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dal 2005 al 2013 ha lavorato per IL GIORNALE (critico di teatro e danza) e collaborato con le riviste SIPARIO, TUTTO DANZA. Dal 2014 al 2017 è stata redattore cultura/spettacolo LIGURIA NOTIZIE. Ha insegnato all’Università degli Studi di Genova – DAMS – Polo Imperia. Ha pubblicato due libri, INCONTRI davanti e dietro la quinte (Premio letterario “La mia storia 2014″) e “Stelle della danza sotto il cielo di Nervi” ed. Cordero, 2017. LA sua commedia “Un tavolo per quattro” ha vinto il 2° Premio Efesto Città di Catania Edizione 2016 – Sezione Teatro


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Artcurial
Cambi |istituzionale
Bertolami | 19 ott
BIAF | 29 sett
Wannenes