Meeting Art
Pubblicato il: dom 09 Dic 2018
Print Friendly and PDF

Art Miami 2018. Astrattismo sugli scudi (e tanto, troppo, kitsch). Le 10 cose da non perdere quest’anno in fiera (tra la molta fuffa)

Larry Poons ad Art Miami 2018

Larry Poons ad Art Miami 2018

Biscayne Bay si illumina di blu elettrico misto viola. Sono le luci che emanano dalle terrazze lounge bar di Art Miami sulla baia, alla sua ventinovesima edizione (5-9 dicembre 2018). Consueto capannone sulla One Herald Plaza in Downtown, accanto alla sorella minore Context (di un gusto trash rivoltante, a livello di Scope, ma non peggio di Red Dot e Spectrum a Wynwood. Lì c’è da mettersi le mani nei capelli). Molti dubbi e poche certezze (che provengono quasi tutte da New York) dopo aver visitato la fiera. I prezzi sono lievitati per entrambe le fiere, la qualità è diminuita. E si nota. Parecchio. Restano salde le gallerie di valore di questi anni, che infatti rimenzioniamo favorevolmente anche per questa edizione nella nostra top stand. Un minimo di selezione dovrebbe essere d’obbligo. Se no fra qualche anno Art Miami diventerà una propaggine di Context o simile. Comunque, la voce grossa la fa, come ovvio che sia, l’astrattismo americano. Pop poco e male, urban art con alti e bassi, figurazione interessante quando non scade nel raccapricciante (copie di copie, citazioni uscite male, tecniche scadenti) come spesso accade anche qua, con molti lustrini in più. Nota positiva: una mostra di lavori degli studenti della New York Accademy of Arts, curata da Brooke Shields (sì, lei, l’attrice) insieme a David Kratz, direttore della scuola. Il resto, almeno il 70 percento, è quasi inqualificabile. Ma il gusto da queste parti è questo, e va bene così. No way.

Le cose da non perdere quest’anno a ART MIAMI 2018

1) La Composition 43 di Hans Hofmann del 1942 da Vallarino Fine Art (NY) è il miglior pezzo della fiera. Prezzo: 325 mila dollari. In mostra opere importanti dell’espressionismo astratto (secondario) americano. A fianco, altro scrigno booth con piacevolissima sorpresa: la ricerca Assoluta di Francois Aubrun (L’Absolue Peinture) nell’eterno neutro bianco della sua opera.

Hofmann

Hofmann

Aubrun

Aubrun

Vallarino

Vallarino

2) Il maestoso Larry Poons del 1972 in sfondo rosa da Yares (Santa Fe/New York). All’interno astratto, monocromo e minimalismo

Larry Poons ad Art Miami 2018

Larry Poons ad Art Miami 2018

Yares

Yares

3) Una parete di carte di Kline e una selezione curata di figurazione: Bartlett, Hickam, Thiebaud. Allan Stone di New York una garanzia.

Allan Stone

Allan Stone

Allan Stone

Allan Stone

4) Chamberlain, Lewitt, Prince, Rondinone. Lo stand di Vivian Horan quest’anno in arancione e turchese si nota. Positivamente

Vivian Horan

Vivian Horan

Vivian Horan

Vivian Horan

5) Mark Borghi (NY). Ottima ricerca e proposta curatoriale. Non sbaglia mai

Mark Borghi

Mark Borghi / Poons

Mark Borghi

Mark Borghi / De Kooning

6) Stesso discorso per la Wellside Gallery di Seul. Elegante e raffinatissima, sempre tra le migliori proposte della fiera

Wellside Gallery

Wellside Gallery

Wellside Gallery

Wellside Gallery

7) Lo stand (con il bellissimo De Kooning) di Spanierman (New York/Miami)

Spanierman

Spanierman

Spanierman

Spanierman

8) Johannes Heisig e Max Ernst da Die Galerie (Francoforte)

Die Galerie / Heisig

Die Galerie / Heisig

Die Galerie / Heisig

Die Galerie / Heisig

Die Galerie / Ernst

Die Galerie / Ernst

9) Osborne Samuel (Londra). Opere preziose formato minion per un ricercato allestimento, vedi Chadwick e Moore (ma anche Kentridge e Sam Francis)

Osborne Samuel

Osborne Samuel

10) Street Art come si deve, per un indovinato allestimento. Rero, Miaz Brothers, JonOne, Mark Jenkins da Fabien Castanier (Miami)

Fabien Castanier

Fabien Castanier

Fabien Castanier

Fabien Castanier

Extra top ten, una menzione per Adam Denzler, oramai da qualche anno fisso nelle migliori fiere internazionali (Opera Gallery, Miami)

Adam Denzler

Adam Denzler

Adam Denzler

Adam Denzler

4.8 (95%) 4 votes

Autore

- Giornalista, ha studiato filosofia estetica e storia dell'arte presso l’Università degli Studi di Milano


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Il Ponte
PANDOLFINI
Aste Boetto
Bertolami Fine Arts
Maison Bibelot
Blindarte
Cambi |istituzionale
WopArt 2019
Bertolami | 21 mag
Wannenes