Meeting Art
Pubblicato il: ven 05 Ott 2018
Print Friendly and PDF

Jenny Saville incoronata regina da Sotheby’s. Nuovo record a 9,5 milioni £

Totale combinato delle due evening di Sotheby’s della Frieze Week: 69,2 milioni di sterline

“Quale periodo collezioni?”. “This morning” (questa mattina). Così nel volume “Il giro del mondo dell’arte in sette giorni” di Sarah Thorton, l’autrice riporta questa conversazione tra Davide Teiger e una signora durante un’asta importante. Nelle parole di Sarah, Teiger dichiara di essere molto orgoglioso di essere un indipendente e racconta un aneddoto riguardo al suo fiuto con gli artisti contemporanei emergenti. “Ho comprato un Andy Warhol nel 1963. L’ho pagato 720 dollari! Sai quando il Moma ha comprato il suo primo warhol? 1982!”
Questo racconto fotografa bene lo “stile” di David Teiger come collezionista d’arte. Lui stesso, parlando di sè, aveva dichiarato “Non so se possiedo una collezione. Ho un mucchio di roba”.

Bè, questa sera, da Sotheby’s a Londra una parte di questo suo “mucchio di roba” è stato venduto in asta e ha realizzato ben 35,388,600 sterline che andranno a beneficio della sua fondazione d’arte, creata con lo scopo di sostenere e promuovere l’eccellenza nell’arte contemporanea.

Teiger è stato un visionario collezionista, mecenate e museum trustee, ed è morto nel 2014. I lotti in asta stasera rappresentavano i principali innovatori dell’arte contemporanea, che hanno contribuito alla ricerca artistica degli ultimi 30 anni. La sua collezione riflette infatti gli anni di sostegno rivolto a giovani artisti come Mark Grotjahn, John Currin e Glenn Brown, presenti in catalogo stasera.

Il lotto per eccellenza della serata è stato “Propped” di Jenny Saville con il quale ha raggiunto il suo nuovo record d’asta ed è stata incoronata l’artista donna vivente “più cara”. E’ una delle sue opere più importanti perchè, oltre ad aver portato la giovane Saville alla fama, è un autoritratto che ha mandato in frantumi le rappresentazioni canonizzate della bellezza femminile. Era stimato £ 3.000.000 – 4.000.000 ma dopo una gara di diversi minuti sembrata interminabile, è stato battuto a 9,537,250. Era stato incluso nella celebre mostra del 1997 “Sensation: Young British Artists from the Saatchi Gallery” alla Royal Academy di Londra. Il precedente top price della Saville in asta risaliva  al giugno del 2016 quando il suo monumentale “Shift” da una stima di £1.5-2 milioni era arrivato a ben £6.8 milioni, acquistato dal Long Museum di Shanghai. In tutta la sua opera Jenny Saville ha dipinto quasi esclusivamente soggetti femminili, cercando di interrogarsi sul canone di bellezza e in particolare sull’avversione culturale per l’abbondanza nei corpi.
Secondo e terzo posto per i due lavori di Peter Doig, che però non hanno fatto faville. Molto bene invece il piccolo Maurizio Cattelan che con il suo “Mini me” a 670 mila sterline, ha più che raddoppiato le stime. Nuovi record per Kai Althoff (574,000) e Daniel Richter (442 mila). Unica aggiudicazione un po’ sui geniris è stata quella della Minerva di John Currin. La tela infatti era rimasta invenduta ma, dopo la conclusione super euforica dell’asta del secondo catalogo di stasera, la classica Evening Sale, è stato battuta nuovamente ed aggiudicata per “solo” 300 mila sterline, contro una stima di 800 mila – 1.2 milioni.

Come accennato l’asta “Contemporary Art Evening Auction”, che ha totalizzato 33,829,900 sterline e 11 invenduti   (contro i 50,3 milioni del 2017), ha visto due battaglie all’ultimo sangue per gli ultimi due lotti, Spongebob di Kaws e la bambina con il palloncino di Banksy. Entrambi gli artisti hanno raggiunto il nuovo record d’asta. L’opera del giovane americano da 250 mila sterline è arrivata a ben 1,030,000,  mentre il palloncino del misterioso Banksy è volato fino alla vetta di 1,042,000 £ (partito da 200 mila).

Per la cronaca, Kaws nella top 500 artist del rapporto sull’arte contemporanea di Artprice, diffuso da pochi giorni, si è classificato in ottima posizione, al 22° posto (fatturato annuale: 15.316.727 $) mentre Banksy si assesta al 34° con un fatturato di 9.898.703 $.

Top price per  Adrian Ghenie con “Boogeyman” venduto a 4,851,900 sterline, seguito da Lucio Fontana con un 10 tagli su bianco aggiudicato a 2,890,000 £.

SOTHEBY’S | LONDRA | 5 OTTOBRE 2018

The History of Now: The Collection of David Teiger
Contemporary Art Evening Auction

 

5 (100%) 6 votes

Autore

- Giornalista pubblicista. Laureata in Scienze dei Beni Culturali (curriculum Storia dell’Arte) con specializzazione in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli Studi di Milano.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami | 21 mag
WopArt 2019
Il Ponte
Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami Fine Arts
Blindarte
PANDOLFINI
Maison Bibelot
Aste Boetto