Meeting Art
Pubblicato il: sab 21 Lug 2018
Print Friendly and PDF

Visionario barocco. La scultura monumentale di Javier Marin al MUDEC di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

A Milano prosegue il focus sull’arte messicana. Dopo la pittura di Frida Khalo, la lente d‘ingrandimento del Museo Delle Culture si sposta sulla scultura di Javier Marin, con una retrospettiva che rende omaggio al talento noto in tutto il mondo per le opere monumentali e che ha con l’Italia un legame particolare.

Il potere sociale dell’arte

Teste giganti e figure brulicanti irrompono al Museo Delle Culture. Dopo l’indimenticato intervento fra le vie di Palazzo Reale e Piazza della Scala, a dieci anni di distanza la scultura visionaria di Javier Marin torna protagonista a Milano con la mostra la “Corpus”.

Di origine messicana, sono trent’anni che Javier Marin (1962 Uruapan, Messico) viaggia in tutto il mondo per sfidare i limiti dell’arte urbana e portare gli abitanti a riappropriarsi dello spazio collettivo e dell’essenza sociale dell’umanità.

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Scultura extralarge

Nel cortile di Via Tortona a dare il benvenuto è una statua in bronzo di oltre sette metri, raffigurante un cavallo – e l’immagine del suo riflesso-; Reflejo VII è il preludio di un percorso in cui le mezze misure non esistono e nulla è come sembra.

Varcata la soglia del  museo ci si sente come dei lillipuziani catapultati nella terra dei giganti, per un percorso in cui mito e onirico, ignoto e saggezza si mescolano squisitamente. Se è vero che Javier Marin (1962 Uruapan, Messico) ha fatto dell’extra large il proprio tratto distintivo e dell’arte pubblica una missione esistenziale; la sua grande ossessione è la ricerca attorno al tema della decostruzione e della ricostruzione delle forme. Ecco dunque protagonista la materia, nella sua accezione più pura.

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Il fascino della materia

Sala dopo sala, proliferano figure plasmate nella terracotta, nella resina, nel bronzo, per un’atmosfera archeologica intrisa di sacralità e mistero. Le 36 opere in mostra spiccano per eterogeneità di tecnica e materiali e per il legame con l’artigianalità del territorio della rispettiva creazione. Dal fascino “indigeno” dei “Nudos” giunti dal Messico, alla vocazione monumentale delle installazioni provenienti da Pietrasanta, fino alla lavorazione meticolosa di “Cabeza Chico Grande”, una scultura lignea concepita appositamente per la mostra e realizzata assieme agli artigiani della Val Gardena.

E se il recupero della technè e il forte impatto visivo accompagna ogni  singolo pezzo esposto; difronte all’imponenza monumentale di En Blanco occorre fermarsi e stropicciarsi gli occhi. Il celebre tappeto di corpi– presentato alla Biennale di Venezia del 2003-, con le sue suggestioni di forme visionarie e in apparente movimento, toglie il respiro e vale da sola la visita alla mostra

Javier Marin Mudec

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Mostra Javier Marìn al Mudec di Milano

Informazioni utili

Javier Marín: CORPUS

A cura di Christian Barragán

MUDEC- Museo delle Culture

Milano

Fino al 9 settembre 2018

4.2 (84%) 5 votes

Autore

- Laureata cum laude in “Scienze dei Beni culturali” con corsi specialistici a Londra, trasporta le conoscenze accademiche nel giornalismo di settore. Ma alle sfumature dei quadri preferisce da sempre quelle dell’anima, così dalle materie umanistiche a quelle intrinsecamente umane il passo è breve. Prosegue gli studi attraverso la specialistica di “Psicologia Clinica e della Riabilitazione”, con l’obiettivo di esplorare gli abissi della psiche, aiutare il prossimo e approfondire le relazioni fra psicoanalisi e arte


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
Blindarte
Wannenes
Aste Boetto
PANDOLFINI
Cambi |istituzionale
WopArt 2019
Il Ponte
Maison Bibelot