meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 19 Giu 2018
Print Friendly and PDF

La contro-Manifesta? A Corleone. RAID porta il contemporaneo nelle terre della mafia

L'intervento di Paolo Grassino con gli studenti dell'Accademia

L’intervento di Paolo Grassino con gli studenti dell’Accademia

17 artisti e 3 film makers che spaziano dalle arti visive al video, dalla musica al teatro, per un RAID che porta la creatività in una palazzina confiscata e sequestrata alla mafia corleonese

I libbra sunnu labbra”. Ovvero: i libri sono labbra. È questo lo statement – parole pronunciate da Antonina Azoti nel corso della performance con Giovanni Gaggia – che riassume efficacemente il senso profondo di un progetto che nei giorni dell’anteprima di Manifesta a Palermo, ha scelto di uscire dagli schemi dell’”evento”, fatti di (dis)organizzazione, ma anche di sontuosi palazzi nobiliari e di ricercati party, per portare l’arte contemporanea nella Sicilia più profonda. A farlo è stato RAID, un format estemporaneo ideato da FatStudio e già visto fra Bologna e Torino: che qui alla sua quinta edizione ha scelto Corleone per infiltrarsi “in una palazzina confiscata e sequestrata alla mafia corleonese, destinata ad ospitare uffici comunali”. Coinvolgendo la cittadinanza nei diversi progetti proposti con la massima libertà.

17 autori che spaziano dalle arti visive al video, dalla musica al teatro, che per una giornata – domenica 17 giugno – hanno trasformato l’immobile con un corale atto di offerta artistica, rigorosamente in diretta streaming, affidata all’occhio di tre registi. Nella palazzina confiscata alla Famiglia Lo Bue protagonisti artisti come Alessandro Brighetti e Giulio Cassanelli – gli animatori di FatStudio -, Rebecca Agnes, Pierpaolo Campanini, Fabrizio Cotognini, Giovanni Gaggia, Paolo Grassino, Alfredo Jaar, H.H Lim, Valerio Rocco Orlando, Maria D Rapicavoli, Luca Vitone, e film makers come Veronica Santi, Arthur Duff, Jared Mc Neill. Una “aggregazione di artisti che condividono gli stessi intenti, liberi da impalcature di mercato e da ipotesi di etichetta”, come da manifesto di RAID. Qui alcune immagini e il video…

Giovanni Gaggia con Antonina Azoti

Giovanni Gaggia con Antonina Azoti durante RAID

http://www.fatstudio.org/raid-corleone/

Valuta

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Angel ha detto:

    Dimenticavo:
    4) sentiamo davvero il bisogno dell’ennesimo “saviano” messia che parla al popolino di temi più grandi di lui, nel mondo dell’arte?

  2. Angel ha detto:

    Studio fat, in questo caso ha “ricercato” un modo diverso per affrontare un tema difficile.
    Mi rimane difficile capire alcune cose:
    1) perché nell’articolo si parla come se fosse Giovanni Gaggia, la testa pensante di tutto(essendo poi l’artista più debole tra quelli presentati)?
    2) perché su questo articolo, Mattioli, chiaramente schierato dalla parte del suo amico Gaggia, non affronta in maniera critica tutta l’operazione, che a parer mio, risulta essere interessante su carta, ma meno in concretezza di contenuti?
    3)l’autore , non crede che scrivere “l’anti-manifesta” ci si aspetti da chi legge un reportage di contenuti e foto che lo dimostrino?
    Manifesta è un contenitore di arte meraviglioso.
    Questo che su carta funziona, ma è in realtà solo fumo, non sfiora nemmeno per striscio la
    Manifestazione.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

genova | 26 aprile
Maison Bibelot
Bertolami Fine Arts
Il Ponte | 22 apr
WopArt 2019
Andrey Esionov
WANNENES | ISTITUZ
Cambi |istituzionale