Meeting Art
Pubblicato il: dom 08 Apr 2018
Print Friendly and PDF

L’ex-voto del Beato Angelico. Ecco com’è il Cristo crocifisso di Firenze dopo il restauro

Particolare del volto del cristo restaurato

Particolare del volto del cristo restaurato

La Fondazione CR Firenze promuove il recupero del Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, opera del Beato Angelico del 1430 circa proveniente dalla sagrestia dell’Oratorio della Compagnia di San Niccolò di Bari

Questa sinergia in nome dell’arte ha avuto buon esito e, finalmente, ora e in futuro, generazioni di fiorentini, e non solo, potranno godere di questo piccolo gioiello”. C’è grande soddisfazione nelle parole del Vicepresidente della Fondazione CR Firenze Donatella Carmi, che presenta un capolavoro della storia fiorentina che viene restituito alla città: si tratta del Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, opera poco conosciuta del Beato Angelico risalente al 1430 circa, che dal 10 aprile al 24 giugno viene esposta dopo il restauro nella sede della Fondazione, che ha finanziato il progetto condotto dall’Opificio delle Pietre Dure. Il dipinto, su tavola sagomata, era esposto nella sagrestia dell’Oratorio della Compagnia di San Niccolò di Bari detta del Ceppo, che si trova a Firenze in via de’ Pandolfini: presenta la figura del Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, inginocchiati ai piedi del Golgota.

Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, del Beato Angelico

Cristo crocifisso tra i santi Niccolò e Francesco, del Beato Angelico

La prima notizia sull’opera risale al 23 ottobre 1564 ma l’attribuzione all’Angelico avviene solo nel 1909. Concepita sagomata fin dall’origine, nel 1611 l’opera è stata ridotta nelle dimensioni: l’intervento attuale, avviato nel 2016, si è proposto di recuperare un’immagine il più possibile vicina a quella originale, pur rispettando le tracce della storia conservativa e dei restauri precedenti. “La bellezza di questo dipinto e il suo valore storico – ha aggiunto Donatella Carmi – hanno convinto la Fondazione a investirci risorse, tempo e competenze. Il lavoro di Beato Angelico e l’Oratorio della Compagnia sono un patrimonio unico nel panorama nazionale e, pertanto, è apparso quanto mai opportuno rimetterle a disposizione del pubblico nella loro forma migliore e più esteticamente fruibile”.

5 (100%) 1 vote

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
PANDOLFINI
Maison Bibelot
Aste Boetto
Cambi |istituzionale
Blindarte
WopArt 2019
Bertolami | 21 mag
Il Ponte
Wannenes