meeting art istituzionale
Pubblicato il: gio 15 Mar 2018
Print Friendly and PDF

L’eco del Pontormo nei lavori di Emilio Cavallini in mostra a Washington

Emilio Cavallini
Le opere al confine tra quadro e scultura dell’artista Emilio Cavallini saranno in mostra a Washington D.C. a maggio 2018

Si tratta della prima mostra personale di Cavallini a Washington DC. Intitolata “Objecutal Abstractions (Astrazioni Oggettuali)”, la personale dell’artista sarà esposta presso due sedi simultaneamente, dal 4 maggio al 27 maggio 2018. L’Ambasciata d’Italia ospiterà tre grandi opere  della serie  ispirata al pittore italiano del XVI secolo, il Pontormo (Jacopo Carucci).  La retrospettiva dell’artista presso IA & A di Hillyer (Hillyer Art Space) presenterà venti opere, sviluppate da Cavallini nell’arco di tre decadi della sua carriera, tra cui la sua serie più conosciuta Attuale-Infinito, Biforcazioni, Frattali e Diagrammi.

schermata-2018-03-14-alle-12-25-26

Emilio Cavallini nasce a San Miniato (Pisa) nel 1945. Nella seconda metà degli anni ’60 comincia a dedicarsi alle sue grandi passioni: la moda e l’arte. Per i successivi 40 anni continua incessantemente a tessere una relazione inestricabile fra i due mondi, con un costante lavoro di spola fra arte e moda, in un rimando di suggestioni dagli esiti originali e innovativi. Alla fine degli anni ’60 a Londra incontra Mary Quant. Gli viene chiesto di esplorare le potenzialità delle calze nel vestire le gambe femminili, messe in evidenza dalla minigonna. Cavallini risponde a questa esigenza rivoluzionando la percezione della calza, la nobilita alla stessa dignità dell’abito nella funzione di ridefinire la donna, prendendo ispirazione dal mondo dell’arte contemporanea. Il suo stile innovativo nel considerare l’accessorio femminile lo porta a collaborare con le maggiori griffes internazionali come Mary Quant, Dior, Celine, Balenciaga, Alexander McQeen e Gucci, e ad avere come testimonial della sua creatività grandi star come Madonna, Beyoncé, Lady Gaga e tante altre. La sua attività di stilista lo favorisce nella frequentazione degli ambienti artistici internazionali, in particolar modo degli Stati Uniti. Contemporaneamente alla sua attività e mentre cresce la sua notorietà nel mondo della moda coltiva la sua creatività anche nell’ambito dell’arte, realizzando opera di grande qualità solo per soddisfare le sue esigenze interiori. Solo da qualche anno, dal 2010, quando Cavallini decide di dedicare la sua attenzione interamente all’arte, sceglie di mostrare al pubblico le sue opere. Per la realizzazione delle opere utilizza materiali inusuali mutuati dal mondo della moda: filo di nylon, tessuti in poliammide stampati, le stesse calze, bobine per filati. La progettualità della sua ricerca artistica prende il via da elementi base della geometria la cui composizione si struttura secondo leggi matematiche. Punti, linee, quadrati, triangoli, cerchi, organizzati nello spazio tridimensionale secondo leggi combinatorie, permutazioni o algoritmi di accrescimento dalle più recenti teorie matematico geometriche, danno vita a strutture frattali, catastrofiche, diagrammi, o attrattori, come testimoniano i titoli delle opere. E’ così che il percorso di Cavallini corre parallelo ad alcuni fondamentali movimenti artistici della seconda metà del Novecento dall’arte ottico cinetica all’arte generativa. Nel febbraio 2011 la Triennale di Milano gli dedica un’ampia retrospettiva intitolata “Trasfigurazione”. Nel 2015 espone alla galleria “Rosai e Ugolini” di New York e all’ ”Opera Gallery” di Parigi. Sempre lo stesso anno espone alla “Galleria Valmore” di Vicenza. Nel 2016 realizza una nuova esposizione alla “GR Gallery” di New York. Sull’attività artistica di Cavallini è uscito per Skira nel 2010 il volume monografico “La magnifica ossessione” a cura di Benedetta Barzini.

Emilio Cavallini Emilio Cavallini

Emilio Cavallini – Objecutal Abstractions

4 – 27 maggio, 2018
Vernissage: venerdì, 4 maggio, 2018, 18:00 – 21:00

– IA&A presso Hillyer, IA&A at Hillyer
9 Hillyer Ct NW, Washington, DC 20008
athillyer.org

– The Embassy of Italy in Washington D.C.,
3000 Whitehaven Street NW, Washington, DC 20008
www.ambwashington.esteri.it

5 (100%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Wannenes
Maison Bibelot
Cambi Casa d'Aste
WopArt 2019
Bertolami | 20 giu
Cambi