meeting art istituzionale
Pubblicato il: dom 04 Mar 2018
Print Friendly and PDF

L’impressionismo e le luci della Normandia. Una lettura inedita al Forte di Bard

courbet-impressionismo-normandia

COURBET, La Plage à Trouville – In mostra al Forte di Bard

L’impressionismo e le luci della Normandia al Forte di Bard (Valle d’Aosta).  Fino al 17 giugno una mostra per scoprire come il movimento Impressionista parta da molto più lontano e abbia una vita molto più lunga di ciò che comunemente si immagina.

Al Forte di Bard (Valle d’Aosta) fino al 17 giugno la mostra Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA racconta un’origine pressoché sconosciuta di uno dei movimenti artistici più noti e che influenzò maggiormente lo sviluppo dell’arte moderna. Il progetto, curato dallo storico dell’arte francese Alain Tapié, propone infatti una lettura inedita dell’ormai “inflazionata” tematica, mostrando come la Normandia, quel microcosmo particolare di fisicità vibrante e di sublimi aspri contrasti delle luci del nord, abbia influito nella nascita della “pittura d’impressione”.

impressionismo-mostra-fortedibard

” Luci del Nord. Impressionismo in Normandia ” – Forte di Bard

Raramente è stata data infatti una visione territoriale di un linguaggio artistico ampio come l’Impressionismo. In questo caso invece l’accento va posto proprio sulle suggestioni originate dal territorio, da un specifico genius loci, e su come queste abbiano ispirato le prime opere, perlopiù  disinteressate, ma con grande identità locale: tele dai toni spezzati, dense e pastose ritraggono situazioni di durezza del lavoro e della vita quotidiana del luogo.

Le opere esposte sono di piccolo formato, di esercizio, prive di committente e proprio per questo motivo dalla pennellata libera e dall’ampia dimensione sperimentale, in cui c’è già in fieri tutto il divenire rivoluzionario della tecnica impressionista.  Un impressionismo dunque che parte da molto più lontano e ha una vita molto più lunga di ciò che si immagina.

Il curatore ha raccontato di come la prospettiva atmosferica inizi a sfumare e dare respiro allo spazio prima ordinato dalla sola prospettiva matematica e ha spiegato come una  Pittura romptué (dai toni di colore rotto)  en plein air  vi fosse già molto prima di metà Ottocento:  questo in primis a Venezia nel ‘600, ma poi soprattutto poi  in Normandia appunto, dove i primi artisti inglesi  (si veda già la pennellata di Turner, ma con lui soprattutto Girtin e Cotman) si recavano per dipingere”dal vero” immergendosi nella esperienza naturale e visuale di una natura eroica, selvaggia e densa di contrasti. Fra questi nomi come Corot, Courbet, Boudin, Jongkind ma anche un giovane Monet o Renoir,  che passarono lunghi periodi in questa regione e dei quali sono presenti in mostra curiose opere. E’ questo l’ambiente naturale, nella cui densità selvaggia si rende caduco ogni principio di preconcetta composizione accademica, in cui affondano le radici, le tecniche, le sperimentazioni, la libertà pittorica, formale e di sperimentazione di quelli che diventeranno i movimenti d’avanguardia del Novecento.

corto-impressionismo-fortediBard

COROT, Honfleur bateau en construction, (1822-1823) – in mostra al Forte di Bard

Ma la Normandia in quegli anni era anche lo scenario di grandi cambiamenti sociali ed economici, legati tanto al progresso della tecnica (sviluppo rete ferroviaria) quanto congiuntamente allo sviluppo della borghesia e dei suoi nuovi costumi. Sono anni in cui si sviluppa la villeggiatura in luoghi naturali ancora intatti, storicamente segnati solo dall’umile vita di lavoro.

Così gli artisti in quei luoghi  si trovano doppiamente alle prese con “l’arduo compito di riportare sulla tela un’idea di immensità che mi circonda” (come diceva Theodore Rousseau della Scuola di Barbizon), conquistati dagli aspri contrasti  dei cromatismi e delle luci della selvaggia natura normanna, quanto dei suoi rapidi cambiamenti e delle contraddizioni fra tradizioni locali e costumi moderni dei nuovi “abitanti”.

villano-impressionismo- fortedibard

VILLON, Sous la tente sur la plage Blonville, 1906 – In mostra al Forte di Bard

Il nucleo di una settantina di opere in mostra, articolate in un percorso cronologico, appartiene principalmente a una collezione privata gestita dall’Association Peindre en Normandia con sede a Caen, messa insieme e curata dallo stesso Tapiè con acquisti mirati  a partire dagli anni ’70. Esposta in Italia solo in una mostra a Lecce in forma parziale, la collezione arriva al Forte di Bard con l’intento di farla conoscere e valorizzare anche questa storia spesso sconosciuta, relativa ad uno dei movimenti più noti e apprezzati della storia dell’arte. A tale collezione si aggiungono inoltre prestiti provenienti dal Museo Belvedere di Vienna, dal Musée Marmottan di Parigi e dal Musée Boudin di Honfleur. 

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA  - Forte di Bard - Foto allestimento

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA – Forte di Bard – Foto allestimento

impressionismo-normandia-fortedibard

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA – Forte di Bard – Foto allestimento

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA

Forte di Bard. Valle d’Aosta

3 febbraio – 17 giugno 2018

Ingresso: Intero 8euro –  Ridotto 6,50 euro

Per saperne di più: Forte di Bard

 

Valuta

Autore

- Dopo la laurea in Marketing & Management delle Arti alla IULM di Milano e alcune esperienze nel settore, Elisa Carollo sta seguendo un MA da Christie's New York con l'obbiettivo di professionalizzarsi sull'advisory e collection management a più livelli, nel contesto di pratiche a livello internazionale. Animata da un forte interesse per l'arte contemporanea e il suo mercato, collabora con ArtsLife per contenuti editoriali su tali tematiche fra Italia e estero


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Il Ponte
Wannenes
Cambi |istituzionale
Colasanti
Bertolami | 10 sett
WopArt 2019