meeting art istituzionale
Pubblicato il: gio 11 Gen 2018
Print Friendly and PDF

Tre cose che farò nel 2018. Nicola Verlato

Nicola Verlato

Nicola Verlato

Scopriamo i progetti per l’anno appena iniziato dei protagonisti del sistema dell’arte italiana: critici e storici dell’arte, direttori di museo, artisti, galleristi, collezionisti, operatori culturali

1. Dipingeremodellareprogettarecomporre. Preparare una personale al museo Ayala di Manila, Filippine, che include pittura scultura e apps digitali. Preparare una personale per una università’ Americana basata sui miei progetti utopico monumentali. Mostre collettive in Italia e Norvegia. Sempre all’erta per mostre che arrivano all’ultimo momento e che scompaginano tutti I programmi di cui sopra. Elaborare le prime idee per mostre museali in Norvegia e Finlandia per il 2019. Fiere.

2. Progettaredisegnarepensareopporsiproporsi. Continuare a lavorare sui miei progetti utopico-monumentali, sia su quello basato sulla figura di Pasolini, sia su quello basato su Robert Johnson. A riguardo di quest’ultimo, ad aprile, una scultura in bronzo che sto ultimando in questi giorni sarà esposta permanentemente come parte di un nuovo museo in costruzione in Mississippi.

3. Viveresopravviverelottare. Aprire studio a Roma ( la città piu bella del mondo) dopo sette anni di Los Angeles e sette di New York. Diventare padre di una bambina a Maggio.


Nicola Verlato è un pittore italiano nato a Verona nel 1965, il cui lavoro si ispira agli artisti del Rinascimento e del Barocco italiano che egli combina con suggestioni provenienti dalla contemporaneità, dalla fantascienza alla tecnologia. Dopo aver vissuto e lavorato a Brooklyn e a Los Angeles, da qualche mese risiede a Roma

https://www.nicolaverlato.com/

5 (100%) 2 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Cambi |istituzionale
WopArt 2019
Il Ponte
Wannenes
Colasanti
Bertolami | 10 sett