meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 09 Gen 2018
Print Friendly and PDF

Tre cose che farò nel 2018. Bianco-Valente

Bianco-Valente (foto Cico Zanella)

Bianco-Valente (foto Cico Zanella)

Scopriamo i progetti per l’anno appena iniziato dei protagonisti del sistema dell’arte italiana: critici e storici dell’arte, direttori di museo, artisti, galleristi, collezionisti, operatori culturali

1. Palermo. Da qualche mese abbiamo avviato un progetto sul Mediterraneo che si concluderà a metà 2018 nella sede di una prestigiosa fondazione di Palermo.

2. Napoli. Il Goethe-Institut di Napoli ci ha commissionato la realizzazione di un video documentario sulla città di Napoli legato al progetto europeo FreiRaum, che andrà avanti per tutto il 2018 e parte del 2019. Il trailer di questo progetto, a cui stiamo lavorando insieme all’urbanista Fabio Landolfo, è visibile su YouTube: 

3. un libro. Il 2018 ci vedrà impegnati anche in un progetto editoriale che è l’ideale proseguimento de Il Libro delle Parole edito da Postmedia Books due anni fa.


Bianco-Valente è un duo artistico formato da Giovanna Bianco e Pino Valente. Iniziano la loro collaborazione nel 1994 indagando dal punto di vista biologico e filosofico la dualità corpo-mente. A questi studi è seguita un’evoluzione progettuale che mira a rendere visibili i nessi interpersonali. Dopo varie installazioni monumentali su facciate di edifici storici hanno realizzato diverse opere ambientali incentrate sulla relazione fra le persone, gli eventi e i luoghi. Vivono una relazione complicata con la città di Napoli

4.3 (85%) 8 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Cambi |istituzionale
WopArt 2019
Colasanti
Wannenes
Bertolami | 10 sett
Il Ponte